Archivi tag: militari

Trapani/ Modulo K. In azione i volontari del Sesto Rgt Bersaglieri della Brigata Aosta


di Antonio Conte – Una recentissima nota pubblicata sul sito Esercito (l’ultima sul “Modulo K“) illustra la notizia relativa all’esercitazione  denominato “Modulo K” a livello di squadra che si è svolta presso l’area addestrativa di Kinisia (TP), che si è conclusa venerdì scorso, si tratta di un ciclo di formazione per Volontari in ferma prefissata di un anno.

Quest’ultima edizione del corso, della durata di tre mesi, è stato svolto dai militari del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, che è l’unità pilota per i volontari provenienti da tutti i Reparti della Brigata “Aosta”

Il corso basico di addestramento “Modulo K”, rappresenta uno dei passaggi fondamentali nella formazione pratico-operativa dei volontari, che comprende, fra l’altro, l’addestramento individuale al combattimento, tecniche di tiro e topografia, discipline fondamentali per strutturare un profilo militare versatile, in grado di adattarsi alle esigenze degli scenari attuali operativi della Forza. [A.C.]

Afghanistan/ IED. Una esplosione coinvolge una pattuglia italiana


di Antonio Conte – Afghanistan. La nota apparsa sul sito dell’Esercito da’ notizia che a seguito dell’esplosione, due militari sono rimasti feriti e un terzo contuso. La causa dell’esplosione è un ordigno improvvisato noto come IED (Improvised Explosive Device).

I bersaglieri feriti non sono in pericolo di vita, ed hanno ricevuto le prime cure sul posto e successivamente sono stati trasferiti in elicottero presso il Role 2 di Bala Mourghab dove sono tuttora sotto trattamento medico. E’ stato ricoverato anche il militare contuso ma solo a titolo di precauzionale.

E’ successo ieri sera, nell’area di Bala Mourghab in Afghanistan, quando un convoglio della Task Force North, su base 8° Reggimento Bersaglieri di Caserta, si muoveva in rinforzo a un’unità amica americana rimasta bloccata a causa di un incidente.

AC

La foto di repertorio illustra il pattugliamento di una unità italiana in Afghanistan.

Kosovo/ ORF. Aumenta l’impegno dei militari nella cooperazione con altre organizzazioni internazionali


Questo slideshow richiede JavaScript.

di Antonio Conte – Kosovo. Le Forze Armate italiane ed i nostri militari impegnati nell’Operational Reserve Force (ORF) stanno aumentando il proprio ruolo nella cooperazione con altre organizzazioni internazionali e con le autorità locali.

Dalla breve nota della difesa si può leggere una lista dei lavori in corso e a oggi possono dirsi terminate le seguenti operazioni:

  • bonifica di ordigni esplosivi (EOD) presso una base avanzata di EULEX (la forza di polizia dell’Unione Europea), ubicata sul confine amministrativo tra Kosovo e Serbia centrale. L’attività è conseguente al rinvenimento di due bombe a mano nell’accampamento di EULEX avvenuto la scorsa settimana;
  • intervento di demolizione di un edificio pericolante nel centro storico di Prizren, in area di operazioni tedesca, in cooperazione con la locale municipalità, a mezzo di personale e macchine operatrici del Genio Guastatori italiano;
  • riqualificazione urbana dell’area circostante il monastero serbo degli Arcangeli, nelle vicinanze Prizren, in cooperazione con l’esercito svizzero e la municipalità di Prizren, volte alla rimozione di postazioni di sicurezza di KFOR, ormai obsolete in relazione al miglioramento delle condizioni di sicurezza;
  • pianificazione di pattuglie congiunte sul territorio con personale di EULEX e la Kosovo Police, in accordo con la municipalità di Zubin Potok per garantire libertà di movimento e prevenire il traffico illegale di legname.

Prosegue invece in modo serrato l’attività di controllo del territorio ed il presidio con postazioni avanzate nel nord del paese.

AC

Note Geografiche e Amministrative

Zubin Potok

Zubin Potok (in albanese Zubin Potok; in serbo: Зубин Поток / Zubin Potok) è una città del Kosovo, nel Distretto di Kosovska Mitrovica. La doppia denominazione è una caratteristiche dovuta alla presenza di diverse etnie. Prima serba, questa zona, come d’altra parte tutto il Kosovo, sta conquistando una sua indipendenza amministrativa e politica, facente capo al governo centrale denominato Kosovo, appunto, che ha proclamato la sua indipendenza in modo unilaterale il 17 Febbraio 2008. Il processo è conseguente alle guerre iniziate in seguito alla disgregazione della Ex Jugoslavia del governo Tito, e con la cessazione di queste con l’intervento dei paesi occidentali, tra cui l’Italia. Questo intervento determinò la Risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite numero 1244 del 1999, ed il Kosovo fu provvisto di un governo e un parlamento provvisori posti sotto il protettorato internazionale UNMIK e NATO.

La municipalità Zubin Potok si divide nelle seguenti frazioni e villaggi:

Babiće, Babudovica, Banja, Bojnoviće, Brnjak, Bube, Burlate, Velika Kaludra, Velji Breg, Vitakovo, Vojmisliće, Vrba, Vukojeviće, Vukosavljeviće, Gazivode, Gornje Varage, Gornji Jasenovik, Gornji Strmac, Dobroševina, Donje Varage, Donji Jasenovik, Dragalica, Drainoviće, Dren, Žarevi, Zagrađe, Zagulje, Zečeviće, Zubin Potok, Zupče, Jabuka, Jagnjenica, Junake, Kijevce, Klečke, Kobilja Glava, Kovače, Kozarevo, Kopiloviće, Krligate, Ledenik, Lučka Reka, Mala Kaludra, Međeđi Potok, Oklace, Padine, Paruci, Prevlak, Prelez, Preseka, Pridvorica, Rančiće, Rezala, Rujište, Tušiće, Ugljare, Crepulja, Čabra, Čečevo, Češanoviće, Čitluk, Šipovo e Štuoce.

Antonio Conte

Kosovo/ Nord. Dopo barricate vie percorribili I soldati della Kfor si sono ritirati dalle strade


Iper Club doppi punti

(ANSA) – PRISTINA, 2 GIU – E’ tornata tranquilla la situazione nel nord del Kosovo, dove ieri si erano registrati violenti scontri fra militari della Kfor (Forza Nato) e manifestanti serbi che cercavano di impedire la rimozione di due barricate erette la scorsa estate. La Kfor ha fatto uso di gas lacrimogeni, proiettili di gomma e idranti contro i serbi, dai quali sono stati sparati anche colpi d’arma da fuoco. Dopo lo smantellamento dei blocchi, le truppe Kfor si sono ritirate e le vie sono tornate percorribili.

TrovaOfferte Inverno 2011

Sicilia/ Croce Rossa Italiana. Al 6 Bersaglieri si è conclusa la formazione per le nuove Volontarie Infermiere


Antonio Conte – Trapani – Si è concluso oggi 23 Maggio 2012, presso il 6° Reggimento Bersaglieri, il ciclo di istruzione per le aspiranti Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana di Trapani.

Le allieve, al termine dei due anni di studio per il conseguimento del diploma di Infermiera Volontaria della Croce Rossa Italiana, hanno completato il proprio percorso formativo assistendo a una serie di lezioni teorico-pratiche tenute dai Bersaglieri del 6° reggimento.

Oggetto dell’addestramento il diritto umanitario e l’istruzione formale, nell’ambiente che spesso ha visto, in un quadro di scambio professionale, le “crocerossine” nel ruolo di docenti dei corsi di primo soccorso frequentati dai militari in approntamento per l’impiego nei Teatri di Operazioni.