Archivi tag: farnesina

El Salvador/ Cooperazione italiana. Il Sottosegretario Giro inaugura l’ospedale rurale di Chalchaupa realizzato dalla


 “un primo esempio di sanità nella regione per garantire l’accesso sanitario universale”.

San Salvador 17 Luglio 2013 – Il Sottosegretario Giro, insieme al Ministro della Salute di El Salvador, Maria Isabel Rodriguez, ha inaugurato l’ospedale rurale di Chalchaupa, realizzato con un programma di 2,5 milioni di dollari della cooperazione italiana del 2009. Oltre all’ospedale è stata finanziata la formazione di un’unità sanitaria che assiste 600 nuclei familiari nelle zone rurali e 1800 nelle aree urbane.

“L’Italia sostiene la scelta della riforma sanitaria di El Salvador che punta a ridurre le diseguaglianze tra città e campagne e a garantire l’accesso gratuito” ha dichiarato il sottosegretario.

Turchia/ Attentato di Ankara. Terzi solidarietà ed amicizia a Turchia e USA


Il Ministro degli Esteri, Dott. Giulio Terzi
Il Ministro degli Esteri, Dott. Giulio Terzi

“L’attentato compiuto oggi contro l’ambasciata statunitense ad Ankara è un inaccettabile atto di violenza che merita la più ferma condanna”. Lo afferma il titolare della Farnesina, Giulio Terzi, esprimendo “il più sincero e caloroso cordoglio ai familiari delle vittime e l’augurio di pronto ristabilimento ai feriti”.

“Di fronte a questa barbarie – afferma Terzi ribadiamo con forza i nostri sentimenti di piena solidarietà ed amicizia ai popoli ed ai governi della Turchia e degli Stati Uniti, entrambi impegnati in una lotta al terrorismo che l’Italia continuerà a sostenere con determinazione”.

“Questo episodio drammatico – conclude il capo della diplomazia italiana ci ricorda che si deve mantenere alta la guardia contro ogni forma di estremismo”.

Afghanistan/ International Security Assistance Force (ISAF)


Scarica
Scarica

L’ISAF è una missione di supporto al Governo afghano che opera sulla base di una risoluzione dell’ONU. È composta da una forza internazionale che impiega circa 60.000 militari provenienti da una quarantina di nazioni. È stata costituita su mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il 20 dicembre 2001 con il compito di sorvegliare la capitale Kabul e la vicina base aerea di Bagram dai Talebani e, in particolar modo, di pro- teggere il governo transitorio guidato da Hamid Karzai. Successivamente è stata estesa all’intero territorio Nazionale.

Scarica il Dossier AFGHANISTAN

Mediterraneo/ Conferenza Osce, l’Italia per rafforzare il partenariato


Mar Mediterraneo
Mar Mediterraneo

(Mae) – “Oggi c’è bisogno di un ponte tra le due sponde del Mediterraneo” per favorire il processo democratico in Nord Africa ed in questo “l’Osce ha un ruolo da giocare, insieme con l’Italia”. Lo ha detto il sottosegretario Staffan De Mistura aprendo i lavori della conferenza “mediterranea” dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, alla Farnesina.

L’Osce, ha sottolineato De Mistura, può fornire alle giovani democrazie del Mediterraneo la “propria esperienza nella transizione democratica” maturata negli anni Novanta dopo il crollo del muro di Berlino. E l’Italia, per “naturali ragioni geografiche e politiche”, ritiene che il partenariato mediterraneo dovrebbe essere “rafforzato per sostenere il percorso verso la stabilità e la democratizzazione, coerentemente con l’approccio sulla sicurezza patrimonio dell’Osce”. De Mistura ha poi ricordato che l’ultima conferenza dell’Osce sul Mediterraneo, lo scorso maggio alla Farnesina, “ha aperto la strada alla creazione di nuovi modelli di cooperazione multilaterale accademica”, attraverso la proposta del ministro Giulio Terzi di un progetto Osce-Med: una piattaforma di discussione tra esperti Osce, i maggiori think tank e centri accademici europei e rappresentanti della società civile per realizzare iniziative che consolidino i rapporti con la sponda sud del Mediterraneo.

Su impulso del Ministro Giulio Terzi, l’Italia svolge un ruolo di primo piano nel promuovere i rapporti fra Osce e i sei Paesi del Mediterraneo – Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Giordania, Israele – che, dal 1996, ne sono partner. È forte convinzione dell’Italia che, dopo la stagione delle primavere arabe, la storia, l’esperienza e gli strumenti dell’Osce possano essere particolarmente efficaci per favorire la stabilizzazione dei processi democratici nella regione.

“Conferenza Mediterranea” alla Farnesina

Nel contesto dell’azione italiana per lo sviluppo del partenariato mediterraneo dell’Osce, si è svolta nei giorni scorsi alla Farnesina, la “Conferenza Mediterranea” dell’Organizzazione, il cui incarico più alto, quello di Segretario Generale, è rivestito, dal luglio dello scorso anno, da un diplomatico italiano, Lamberto Zannier. La “due giorni” è stato il più importante appuntamento annuale della partnership, dedicato alla cooperazione economica con i paesi della sponda sud del Mediterraneo, fattore fondamentale per consolidare gli assetti dei Paesi in transizione, e favorire sia lo sviluppo dell’area, che la coesistenza fra tutte le componenti di quei popoli. All’evento hanno preso parte i rappresentanti dei 56 Stati membri dell’OSCE, i sei partner mediterranei, la Libia, il Rappresentante speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la Libia Tarek Mitri, l’Autorità Nazionale Palestinese, istituzioni finanziarie e organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, ed esponenti del mondo accademico e della società civile.

Fonte: Europuglia – MAE

Tunisia/ Confermano impegno contro traffico esseri umani.


Esteri (Farnesina) – Il sostegno dell’Italia, dell’Europa e della comunità internazionale ai percorsi di transizione democratica dei Paesi della Primavera Araba e la collaborazione nella prevenzione e nel contrasto ai traffici di esseri umani nel Mediterraneo sono stati i temi principali al centro dei colloqui di questa mattina alla Farnesina tra il Ministro degli Esteri Giulio Terzi ed il suo collega tunisino Rafik Abdessalem.

Il Ministro Terzi ha ribadito al suo omologo la ferma volontà italiana di sostenere il percorso di transizione democratica in Tunisia, verso il rafforzamento di un sistema fondato sul pieno rispetto dei diritti fondamentali della persona. Un sostegno che si concretizza, tra l’altro, con gli interventi della Cooperazione Italiana per la crescita dell’occupazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese e si inquadra nella Dichiarazione Congiunta firmata dai due Ministri lo scorso 16 maggio, che ha istituito un Partenariato Strategico Rafforzato tra i due Paesi.

Al Ministro Abdessalem, che dopo la tappa a Roma si recherà a Lampedusa, il Ministro Terzi ha rinnovato il cordoglio e la solidarietà per la tragedia del recente naufragio che ha causato la morte di un numero ancora imprecisato di cittadini tunisini. Il Ministro Abdessalem ha da parte sua ringraziato Terzi per l’impegno delle autorità italiane nel soccorso ai naufraghi. A seguito di una chiamata di soccorso i mezzi navali ed aerei della Capitaneria di Porto e della Guardia di Finanza sono partiti per prestare aiuto ai naufragi. Grazie al pronto intervento di questi mezzi e di tre navi della NATO, una italiana, una tedesca ed una turca, è stato possibile salvare 56 tunisini. Un elicottero è stato impiegato per il trasporto d’emergenza dei feriti.

I due ministri hanno confermato la priorità che i rispettivi governi attribuiscono alla collaborazione nella prevenzione e contrasto al fenomeno del traffico di esseri umani al fine di evitare il ripetersi di questi drammatici eventi. (MAE)