Archivi tag: 9° Reggimento Fanteria “BARI”

Roma/ Metro “Cinecittà”. I militari del 9° Reggimento Fanteria “Bari” fermano giovane in possesso di Hashish e Marijuana


ROMA – MILITARI DEL 9° REGGIMENTO FANTERIA “BARI” FERMANO GIOVANE IN POSSESSO DI HASHISH E MARIJUANA, IN TRANSITO NELLA FERMATA DELLA METRO “CINECITTA’”. INTERVENGONO I CARABINIERI CHE LO ARRESTANO.

I MILITARI PUGLIESI NELLA CAPITALE PARTECIPANO A “STRADE SICURE”

ROMA, 30.07.2017 – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina e i militari dell’Esercito Italiano, effettivi al 9° Reggimento Fanteria “BARI” di Trani, impiegati nell’Operazione “Strade Sicure”, hanno arrestato Venerdì 28 luglio un ragazzo romano di 18 anni, incensurato, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giovane si stava aggirando, in atteggiamento sospetto, nei pressi della fermata della linea A della metropolitana “Cinecittà” e, alla vista dei militari dell’Esercito che presidiano la stazione, ha palesato una sospetta agitazione.

Ne è scaturito un controllo a seguito del quale, dallo zaino che il 18enne portava sulle spalle, sono spuntati decine di involucri contenenti hashish e marijuana per un peso complessivo di circa 50 g. A quel punto i militari di “Strade Sicure” hanno allertato i Carabinieri che hanno proceduto all’arresto del diciottenne che è stato condotto ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

I militari del Reggimento tranese stanno partecipando a Roma all’Operazione “Strade Sicure” nell’ambito del Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo, a guida della Brigata Granatieri di Sardegna, ed in particolare svolgono servizi di vigilanza statica e dinamica di siti ritenuti sensibili, come ambasciate, sedi istituzionali, monumenti, luoghi di culto, scuole, residenze, stazioni delle metropolitane, snodi ferroviari e aeroporti.

Foto di repertorio.

Trani/ 9° Reggimento Fanteria “Bari”. Commemorazione del 100° anniversario della battaglia di Monte San Michele


Trani, 23 ottobre 2015 – Si è svolta a Trani, in occasione dei 100 anni degli eventi occorsi durante la 3^ battaglia dell’Isonzo sul Monte San Michele dove, durante la 1^ Guerra Mondiale, i “Bianchi Fucilieri” del 9° Reggimento opposero un’eroica resistenza al nemico, la celebrazione della “Festa di Corpo”.

Presso la Caserma “LOLLI GHETTI” di Trani, sede del 9° Reggimento, alla presenza del prefetto della provincia BAT Dott.ssa Clara MINERVA, del Sindaco della Città di Trani Avv. Amedeo BOTTARO, e del Comandante della Brigata Meccanizzata “PINEROLO” Gen. di Brigata Gianpaolo MIRRA, sono stati ricordati gli eventi che coinvolsero i soldati del 9° Reggimento nell’ottobre 1915.

In particolare il Comandante del 9° Reggimento, Colonnello Ciro CHIRICO, con la Bandiera di Guerra ed il Reggimento in armi, ha rievocato gli eventi bellici così come furono annotati sul diario di guerra dell’epoca ed è stato esposto il drappo tricolore, macchiato del sangue del gruppo bandiera che nella notte del 24 ottobre 1915 venne colpito da una granata nemica.

In questo drammatico contesto, il coraggio, fino all’estremo sacrificio dei “Bianchi Fucilieri” è valso la concessione della più alta onorificenza, la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Bandiera di Guerra. Dal 1734, il 9° Reggimento Fanteria “Bari” ha partecipato a tutte le campagne di guerra e fatti d’arme più importanti, impiegando in questi ultimi anni, il proprio personale alle operazioni nazionali ed estere, tra le quali, Albania, Kosovo ed Afghanistan; un Reggimento proiettato nel futuro che aderisce all’importante progetto di digitalizzazione della Forza Armata ma che mantiene vive le tradizioni di un glorioso passato.

Nell’occasione della “Festa di Corpo prenderanno” hanno preso parte i familiari del personale del 9° Reggimento, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma ed alcune scolaresche della città di Trani.

La redazione

BARI/ IL COMANDANTE DEL 2° COMANDO DELLE FORZE DI DIFESA VISITA LA BRIGATA PINEROLO


Bari, 26 agosto 2015 – Il Comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD), Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano è in visita alla Brigata Pinerolo.

Il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, Comandante la Brigata “Pinerolo”, ha accompagnato l’Ufficiale Generale nella sua prima visita allo Staff del Comando e presso i Reparti dipendenti.

Sono ben sette i reggimenti che attualmente costituiscono la grande Unità dislocati su tutto il territorio pugliese dalla Capitanata al Salento. L’occasione è stata propizia anche per effettuare un punto di situazione sul progetto che vede i militari della “Pinerolo” operare utilizzando i nuovi materiali ed equipaggiamenti in grado di assicurare il collegamento diretto e immediato con il centro decisionale condividendo informazioni e dati. Tale programma, ambizioso e innovativo, costituisce la punta di diamante dell’intero sistema di modernizzazione della componente terrestre della Difesa e vede proprio la Brigata “Pinerolo” responsabile delle attività di sviluppo e sperimentazione.

Oggi il Generale De Leverano ha visitato anche il C.A.R.A. e il C.I.E. di Bari Palese, strutture presso le quali i militari della grande Unità garantiscono la sicurezza nel contesto dell’Operazione Strade sicure. Nell’arco della giornata ha incontrato il Presidente della Regione Puglia Dott. Michele Emiliano. Durante l’incontro si è convenuto su come la Brigata “Pinerolo”, con i suoi oltre 5.500 militari e relative famiglie, rappresenti una importante realtà perfettamente integrata nel tessuto socio – economico della Puglia.

La giornata è proseguita con la visita al 7° Reggimento Bersaglieri di Altamura e al 31° reggimento carri di Lecce della Scuola di Cavalleria (che attualmente dipende funzionalmente dalla “Pinerolo” per gli aspetti connessi con la sperimentazione delle componenti che costituiranno i futuri equipaggiamenti della Forza Armata).

La visita proseguirà il 27 Agosto presso il 9° Reggimento Fanteria “Bari” con sede a Trani e l’82° Reggimento Fanteria “Torino” con sede a Barletta, quest’ultimo è stato il primo reparto in Italia ad essere alimentato con il nuovo Veicolo Blindato Medio a 8 ruote motrici denominato “Freccia”, mezzo con cui il reggimento ha anche preso parte all’Operazione “ISAF” in Afghanistan e che attualmente è in dotazione a tutti i reggimenti della Brigata. Presso la sede dell’ 82° reggimento l’Ufficiale Generale incontrerà il Sindaco della città di Barletta Dott. Pasquale Cascella.

La visita si concluderà venerdì 28 agosto a Foggia dove il Comandante del 2° FOD visiterà il 21° reggimento Artiglieria “Trieste”, unità che attualmente è responsabile del Raggruppamento “Puglia” nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, e l’11° reggimento Genio Guastatori.

Questo ultimo reparto nel weekend di ferragosto è intervenuto con i propri mezzi tecnici nell’alluvione in Calabria a Rossano Calabro e Corigliano. I reggimenti genio grazie alla loro capacità “dual-use”, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, sono in grado di intervenire nei casi di pubbliche calamità ed utilità, in ogni momento, su tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale.

Capo Teulada/ Brigata “Sassari”. Esercitazione “Imparare!”


Capo Teulada, 18 dicembre 2013. Si è conclusa oggi, nel poligono di Capo Teulada, alla presenza del Comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa, Generale di Corpo d’Armata Vincenzo Lops e del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Ugo Cappellacci, l’esercitazione “Impare!” (“Insieme!”), attività addestrativa conclusiva dell’approntamento della Brigata “Sassari” in vista della prossima missione in Afghanistan.

L’esercitazione a fuoco, la prima di questo genere in ambito Esercito Italiano, è stata condotta da un complesso minore rinforzato da assetti del genio, appartenenti al 5° Reggimento genio guastatori, che hanno svolto una CARCO (acronimo di Combined Arms Route Clearance Operations), attività che consiste nell’individuare e disattivare ordigni esplosivi improvvisati (IED) per garantire la libertà di movimento lungo un itinerario stradale.

Hanno operato sul terreno, complessivamente, oltre 150 militari del 152° Reggimento fanteria “Sassari”, del 3° Reggimento bersaglieri, del 9° Reggimento fanteria “Bari” e nuclei specialistici composti da genieri addestrati all’individuazione e bonifica di ordigni improvvisati ed altro personale specializzato nell’interagire con aerei in missione di supporto tattico alle forze di terra.

Nel corso dell’esercitazione sono stati impiegati numerosi sistemi d’arma ed armi di nuova generazione e circa 30 mezzi di vario tipo, tra cui il nuovo Veicolo Blindato Medio “Freccia”, il primo veicolo digitalizzato dell’Esercito Italiano.

Un significativo contributo è stato fornito dal 41° Reggimento “Cordenons” con i velivoli a pilotaggio remoto “Raven” e dall’Aviazione dell’Esercito con gli elicotteri AB 205 del 21° Gruppo Squadroni “Orsa Maggiore”.

m.m.

Andria/ La Brigata “Pinerolo” rinnova l’impegno nella bonifica del Parco Nazionale dell’Alta Murgia


Torre di Nebbia, 23 ottobre 2013 – Nella giornata oggi, la Brigata “Pinerolo” impegnata con 1400 soldati nell’esercitazione “Stupor Mundi II / Lux Ignis” nel poligono occasionale di Torre di Nebbia (BA), rinnova, dopo il successo dell’iniziativa svolta sabato 19 ottobre, il proprio impegno per la tutela dell’ambiente con l’organizzazione di una seconda giornata “Eco-day”.

Circa 70 militari, effettivi al 9° Reggimento Fanteria “BARI” che ha la sua sede a Trani,  e 30 studenti hanno bonificato l’area della strada provinciale 19 e della provinciale 39, che insistono nell’agro di Ruvo di Puglia e Corato. Inoltre è stata bonificata una discariche abusiva di copertoni di autovetture e camion individuata dai militari in esercitazione lungo la provinciale 19.

Dalla discarica abusiva, situata al margine della strada adiacente alla necropoli di San Magno, sono stati recuperati oltre 150 pneumatici di autovettura.

Diversi autocarri militari sono stati riempiti con materiale vario (posate, piatti e bottiglie di plastica, ferro, vetro, pneumatici per camion, carcasse di televisori, filtri olio per motori a scoppio, pezzi di autovetture nonché rifiuti organici), raccolto lungo le strade e sentieri ed opportunamente differenziato.

Svariate decine di quintali di materiale che è stato smaltito in discarica.

L’attività ha visto la partecipazione attiva di una scolaresca di Ruvo di Puglia appartenente alle classi 5 dell’Istituto Istituto Statale Economico e Tecnologico “Padre A.M. Tannoia”. Al temine dell’attività studenti e militari hanno pranzato assieme.