Archivi categoria: Pag.31 Tutela Patrimonio

Marsala/ Residuati bellici sul suolo italiano. Intervento di bonifica del 4° Reggimento Genio Guastatori


Marsala (TP) 29 gennaio 2015 – A Marsala in contrada Casablanca sono stati rinvenuti tre ordigni bellici inesplosi risalenti al secondo conflitto mondiale.

Sul posto è intervenuta una squadra specializzata del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo che è alle dipendenze della Brigata Aosta di Messina; i guastatori entrati in azione possiedono una particolare specializzazione EOD (Explosive Ordenance Disposal) ma sono più comunemente indicati come artificieri.

I manufatti sono stati identificati dai militari come tre proietti d’artiglieria da 47/32 mm di fabbricazione italiana, i colpi rinvenuti completi erano caricati con esplosivo ad alto potenziale.

Il pessimo stato di conservazione degli ordigni ha reso necessario la loro distruzione, i militari dell’Esercito Italiano hanno effettuato l’operazione in sicurezza nei pressi del luogo del ritrovamento, ovvero in una cava in contrada Cicco d’Enna.

Dall’inizio dell’anno gli specialisti dell’Esercito del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo hanno già portato a termine 3 interventi di bonifica nel territorio siciliano, con il relativo disinnesco o distruzione degli ordigni rinvenuti.

Le capacità tecniche del personale ed i mezzi in dotazione all’Esercito garantiscono il prezioso intervento in caso di pubblica utilità e per la tutela dell’ambiente. In particolare, i reparti genio, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed all’elevata connotazione “dual-use” (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza  e quella operativa espressa nei teatri operativi), operano a favore della comunità nazionale sia in caso di pubbliche calamità, sia per la bonifica dei residuati bellici ancora ampiamente presenti sul territorio italiano.

L’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le forze di polizia, forze armate e corpi armati dello stato.

Peschici/ Dissesto idrogeologico. La visita di Matteo Renzi


Peschici – In occasione dell’incontro con gli amministratori locali dei paesi del Gargano colpiti dall’alluvione dei giorni scorsi, il Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Matteo Renzi, ha ringraziato l’Esercito e le altre Forze dell’Ordine per la loro azione svolta a favore della popolazione duramente colpita dal dissesto idrogeologico.

All’incontro, che si è tenuto nella sala consiliare del Comune di Peschici alla presenza del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola e del Prefetto della Città di Foggia, ha preso parte il Col. Sergio Marrone, Comandante dell’11° Reggimento Genio Guastatori della Brigata Pinerolo, i cui uomini sono impegnati sin dalle prime ore per il ripristino della viabilità e la messa in sicurezza della popolazione locale.

Ten. Col. Paolo CONSORTE
Aiutante Maggiore
11° Reggimento Genio Guastatori – Foggia

 

Peschici/ Dissesto Idrogeologico. L’impegno prezioso dell’Esercito


Foggia, 09 settembre 2014 – Per il terzo giorno consecutivo gli uomini dell’Esercito continuano ad operare nei comuni di Peschici e Rodi Garganico a favore della popolazione colpita dal dissesto idrogeologico che si è abbattuto sul Gargano nella notte di sabato.

Dall’inizio dell’emergenza i militari dell’11° reggimento genio guastatori di Foggia, della Brigata Pinerolo, oltre a concentrarsi sul ripristino della viabilità sulle arterie principali e secondarie dell’area, hanno raggiunto e ripristinato la viabilità a favore di 17 famiglie rimaste isolate. Raggiunti anche un residence ed un camping ove alcuni turisti erano rimasti intrappolati dal fango e dai detriti. Grazie all’impiego delle idrovore, sono state liberate dalle acque alcune abitazioni private per consentire il rientro delle famiglie nelle proprie abitazioni.

Sono continuate inoltre le attività di ripristino degli argini dei canali di scolo delle acque. Intenso anche l’impegno profuso nel comune di Rodi Garganico, nel quale gli uomini dell’Esercito hanno ripristinato la viabilità liberando dal fango e dai detriti la Strada Statale 89 nel tratto che collega il paese con la località San Menaio. Queste attività a supporto della popolazione rientrano tra le competenze istituzionali dell’Esercito che, anche grazie all’impiego dei reparti del genio ad elevata connotazione “dual use” (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza e quella operativa espressa nei teatri operativi), riesce ad operare da sempre a favore della comunità nazionale in caso di pubbliche calamità.

21° Reggimento A. Ter. “TRIESTE”
Via delle Casermette s.n.c., 71121 Foggia (FG)
 
 

Gargano/ Maltempo. L’insostituibile presenza dell’Esercito nelle Emergenze in Puglia


garganoesercito

In Puglia, è iniziata l’opera dei militari dell’Esercito che, su richiesta della Prefettura di Foggia, sono intervenuti già dalle prime ore della notte a Peschici, comune maggiormente colpito ieri dal nubifragio che si è abbattuto sul Gargano.

Un plotone di militari è dispiegato sul terreno, su ordine del 2° Comando delle Forze Operative di Difesa, per ripristinare la viabilità e rimuovere macerie e detriti, nonché per evacuare i cittadini bloccati presso le proprie abitazioni nei comuni.
Personale e mezzi sono stati messi a disposizione dall’11° Reggimento Genio Guastatori di stanza a Foggia.

La Forza Armata grazie alla capacità “dual-use” dei propri reparti genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire nei casi di pubbliche calamità ed utilità, in ogni momento, su tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale come recentemente avvenuto in occasione dell’emergenza maltempo in Sardegna, Emilia, Veneto, Toscana e Lazio.

Fonte http://www.esercito.difesa.it/notizie/Pagine/MALTEMPOPUGLIA_70.aspx

Bovino/ Disinnesco. Gli Artificieri dell’ Esercito intervengono per una bomba di 250 libbre


Si svolgeranno domani 26 Giugno a cura degli artificieri dell’Esercito le operazioni di disinnesco e di brillamento di un ordigno inesploso, una bomba di fabbricazione inglese, del peso di 250 libbre, risalente al 2° conflitto mondiale rinvenuto in un agro nel territorio del comune di Bovino (FG).

Per la sola giornata dell’operazione, la Prefettura ha previsto lo sgombero delle case rurali presenti nella zona in un raggio di 500 metri, l’interruzione della corrente elettrica, l’interdizione del traffico ferroviario sulla tratta Roma–Bari ed uno sgombero aereo di 1000 metri in altezza.

Fonte: Esercito Italiano