Archivi categoria: In Primo Piano

Bari/ L’Esercito promuove il ricollocamento professionale. Inserimento nel mondo del lavoro dei militari congedati


Hey dandy, hai un minuto per curare la tua barba? Approfitta ora dell’offerta.

Roma, 21 gennaio 2020. L’Esercito, quale maggiore “contributore” del comparto Difesa, attribuisce notevole importanza alla concreta attuazione del progetto che accompagna il processo di transizione lavorativa dei volontari congedati e ne promuove la visibilità nel mercato del lavoro. Si tratta di ampliare le opportunità occupazionali, e agevolare l’inserimento dei giovani nelle realtà lavorative attraverso incontri informativi e rapporti con le aziende.

Attualmente è in via di definizione un progetto “pilota” che potrebbe portare ad un successivo accordo nazionale fra le imprese afferenti la galassia del sistema Piccola Industria Confindustria e le Forze Armate. Nello specifico, nella realtà piemontese, il sistema di rappresentanza delle imprese, di intesa con la rappresentanza delle Forze Armate in loco, sta progettando dei percorsi formativi che accrescano le qualifiche del militare congedato sulla base delle specificità richieste delle aziende. Questo permetterà di aumentare l’apprezzamento di tali risorse umane nel mercato del lavoro o, addirittura, un travaso diretto nell’impresa.

A tal riguardo oggi, nell’aula “Beniamino Andreatta” del Centro Alti Studi per la Difesa (CASD) di Roma, l’Esercito ha organizzato il primo workshop dal titolo “Il ricollocamento del personale militare-la prospettiva dell’Esercito”. Organizzato da Esercito Italiano, Segretariato Generale della Difesa e rappresentanti del mondo del lavoro, il seminario rientra nel progetto “sbocchi occupazionali”, a sostegno della ricollocazione professionale prevista a favore dei militari delle Forze Armate Italiane congedati/congedandi senza demerito.

A testimonianza della valenza del workshop hanno partecipato varie Autorità civili e militari, tra cui l’onorevole Enrico Borghi e l’onorevole Alberto Pagani membri della IV Commissione Difesa della Camera dei Deputati, il Capo di SME, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, il Vice Segretario Generale della Difesa, Ammiraglio di Squadra Dario Giacomin ed alti rappresentanti delle Forze Armate.

L’implementazione del progetto “sbocchi occupazionali” consentirà di incrementare gli accordi interministeriali per agevolare l’inserimento lavorativo dei volontari congedati senza demerito.

 

Offerta imperdibile

Afghanistan/ Lancio di un razzo anticarro contro una colonna di mezzi italiani 


CURCUMA & PIPERINA PER LA TUA LINEA !!!

 


Herat 02 Gennaio 2019 – Alle 11.00 circa ora locale durante le normali attività di advising ed assistance da parte dei militari italiani impiegati nella zona di Herat a favore delle forze di sicurezza afghane, un mezzoLince è stato oggetto del lancio di un razzo anticarro.

Il razzo non ha colpito direttamente il mezzo, esplodendo nelle vicinanze dello stesso, provocando leggeri danni. I militari italiani hanno eseguito le operazioni di messa in sicurezza per il rientro in base.

Non ci sono feriti tra i militari italiani.


Nocotina

STAI PENSANDO DI SMETTERE DI FUMARE?

Nocotina è la soluzione ideale per tutti coloro che desiderano smettere di fumare ma non sanno come riuscirci. Ha un effetto immediato garantito, è naturale al 100%, non contiene nicotina, allergeni o altre sostanze chimiche e non crea assuefazione.

INCI: Acqua; Vitamina C 1%; Zenzero (Zingiber officinalis), rhizoma 1%; Guaranà (Paullinia cupana), semen 1%; Alcol; Mentolo 1%; Sodio benzoato; Potassio sorbato.

MODALITA’ D’UTILIZZO: Agitare prima dell’uso. Erogare una spruzzata di prodotto ogni qualvolta si avverte il desiderio di fumare. +info

DIFESA: IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA, GENERALE CLAUDIO GRAZIANO, IN VISITA UFFICIALE A KIEV



Libri/ Ucraina terra di confine. Ediz. illustrata, di  Massimiliano Di Pasquale

Straordinaria terra di confine tra Est e Ovest, l’Ucraina è spesso confusa con la Russia o associata a una stereotipata immagine di grigiore post-sovietico. Il più grande Paese d’Europa per estensione geografica è tuttavia una nazione ricca di storia in cui si incontrano e dialogano culture composite (ebrea, polacca, armena, tatara, asburgica). L’autore, facendo propria la lezione di grandi narratori di viaggio come Chatwin, Ryszard Kapuściński e Terzani, attraversa l’Ucraina dai Carpazi alla Crimea: ci conduce nei caffè asburgici di Leopoli, nei luoghi letterari di Gogol e Chekhov e nelle miniere del Donbas; ci fa ammirare i monasteri ortodossi di Pochayiv e di Kyiv, le facciate secessioniste di Chernivtsi, il gotico stalinista di Zaporizhzhya, le spiagge di Yalta e i villaggi hutsul di Yaremche. Ma soprattutto ci descrive un Paese dinamico che, tra accelerazioni e fermate, sta cercando di lasciarsi alle spalle la patina brumosa del post-totalitarismo per diventare soggetto della Storia.

Compra il libro illustrato da qui


Graziano in l’Ucraina in vista ufficiale

Roma, 03 agosto 2018 – È terminata oggi la visita del Generale Claudio Graziano in Ucraina. Due giorni durante i quali il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha incontrato il Comandante in Capo delle Forze Armate dell’Ucraina, Generale Viktor Muzhenko e, accompagnato dall’ambasciatore italiano,  S.E. Davide La Cecilia, il Vice Ministro della Difesa per l’Integrazione Europea Generale Anatolii Petrenko.

Quella odierna è la prima visita che il Generale Graziano fa in questo Paese ed è stata un’occasione per fare il punto di situazione della cooperazione bilaterale tra le forze armate dei due Peasi e sottolineare l’impegno dell’Italia per mantenere alto il livello della collaborazione pur nell’attuale congiuntura internazionale di difficoltà economiche e di profondi mutamenti geo strategici.

Durante i colloqui con il Vice Ministro Petrenko, dopo aver portato il saluto del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il Generale Graziano ha sottolineato che “la cooperazione nel settore della difesa e della sicurezza assume particolare rilevanza specialmente in un momento in cui viviamo in una situazione di profonda instabilità e dobbiamo affrontare crisi complesse, multidisciplinari e globali che necessariamente devono coinvolgere tutti gli attori della comunità internazionale”.

“È estremamente importante – ha continuato il Capo di Stato Maggiore della Difesa – instaurare un’interazione diretta, avere uno scambio franco e aperto di idee e punti di vista sul mondo in cui viviamo”. … “In questo scenario, la Difesa italiana è davvero soddisfatta della qualità della cooperazione con l’Ucraina, considerata un attore chiave nell’area e un Paese che ha un ruolo fondamentale nel processo di stabilizzazione dell’intera regione”.

Al centro dei colloqui con il Generale Muzhenko la situazione geostrategica di comune interesse e possibili ambiti futuri di collaborazione tecnica-militare tra le Forze Armate italiane e quelle ucraine.

Il Generale Graziano ha infine espresso grande apprezzamento per gli sforzi condotti dall’Ucraina nel processo riformatore delle Forze Armate e il suo incoraggiamento nel proseguire lungo la strada tracciata.


Galleria fotografica al link



LIBRI/ Ucraina. Insorgere per la democrazia, di Simone A. Bellezza

Fra la cronaca di oggi e la storia di ieri la prima ricostruzione di un processo di democratizzazione che esige compimento. La fine dell’Unione Sovietica, la rivoluzione arancione, il regime di Janukovy, le proteste del Majdan, il rischio di una guerra civile. Una trama di differenze culturali e linguistiche interrogate nella loro profondità. «La nazione è una comunità immaginata»; questa è la sola prospettiva entro cui leggere i recenti avvenimenti. L’insurrezione, le elezioni, il nuovo contesto politico. Disegnando le tappe di questo processo, l’autore riflette sull’attualità nella consapevolezza di un’Europa sempre troppo fragile. «Il Majdan è diventato un luogo di sperimentazione di una cittadinanza diversa, di una società in cui vige una solidarietà fraterna e in cui tutti collaborano alla creazione di una società più democratica. Il sogno era mettere fine allo strapotere degli oligarchi per creare un Paese più giusto economicamente e socialmente».

Compra il libro da qui


Ucraina

Ucraina Stato dell’Europa orientale, confinante a N e a E con la Russia, ancora a N con la Bielorussia, a S con la Romania e la Moldavia, a SO con l’Ungheria, a O con la Slovacchia e la Polonia; si affaccia inoltre, per un ampio tratto, sul Mar Nero.

Continua su: http://www.treccani.it/enciclopedia/ucraina/


Partecipa alla raccolta fotografica dell’European Championships 2018, inviaci le tue foto! redazione@rassegnastamapmilitare.it 

Catania/ Difesa. Continua senza sosta l’impegno delle Forze Armate nell’ambito della campagna antincendi boschivi



Libri/ IL MEZZO AEREO NELLA LOTTA ANTINCENDIOcompra 


Caltagirone (CT) – Ieri un elicottero HH 412 A dell’Esercito e un AB 212 della Marina Militare sono decollati rispettivamente dalla base di Sigonella e dalla base di Catania per fornire supporto alle operazioni anti incendio in località Molara nel comune di Caltagirone (CT). L’intervento è avvenuto in seguito alla richiesta pervenuta dalla Sala Operativa Unificata Regionale (S.O.U.R.) della Regione Siciliana e dal Centro Operativo del Corpo Forestale della Provincia di Catania.

Gli elicotteri delle tre Forze Armate messi a disposizione dal Ministero della Difesa nella campagna antincendio boschivi hanno svolto fino ad oggi nella sola Sicilia un totale 94 ore di volo.

Il Ministero della Difesa, lo scorso 8 giugno, ha perfezionato l’accordo con la Protezione Nazionale e Regione Siciliana tesa a fornire la disponibilità di 295 ore di volo su tre velivoli rischierati dall’Esercito sulla Base di Sigonella (HH – 412), dalla Marina Militare sulla Base di Catania (AB – 212) e dall’Aeronautica Militare sulla Base di Trapani (HH – 139). Inoltre, nell’ambito della campagna antincendio boschivi nazionale, le Forze Armate assicurano un impiego di ulteriori 5 velivoli nelle sedi di Viterbo, Lamezia terme, Torino, Cagliari, Bolzano.


Libri –TRAFFICO AEREO: C5/14.- (Aeroporti, Eliporti e Servizi) (SCIENZA DELLA NAVIGAZIONE Vol. 2)

Il libro fa parte della collana SCIENZA DELLA NAVIGAZIONE che prevede 14 sezioni tematiche. Contenuti: Indice di ubicazione degli aeroporti – classificazione – dati di riferimento – resistenza pavimentazione pista – ACN – Categorie antincendio – distanza dichiarate di pista (TORA, TODA ASDA, LDA) – Caratteristiche di pista (CLEARWAY, STOPWAY) – vie di rullaggio – posizioni d’attesa – segnaletica ICAO – Es. segnali ICAO e internazionali – Stopbars – RWY Guard Lights – segnali e segnaletica di pista – Ostacoli e limitazioni – Tab. classificazione piste – Superfici di avvicinamento, salita, decollo, aggiuntive – segnalaz. ostacoli – Luci aeron. al suolo – sistemi d’arresto – AFIS – servizio controllo aeroporto – Funzioni controllore di Torre – Circuito di traffico e rullaggio – OVERHEAD Circuit – Segnali controllo aa/mm in circuito di traffico a terra ed in volo – Cat. turbolenza di scia – separazioni procedurali e radar – Sistemi uminosi d’avvicinamento – famiglia velocità caratt. V-SPEED – Diagramma di manovra / raffica e riepilogo grafico – Caratt. fisiche eliporti – ostacoli e sup. di limitazione – segnali e segnaletica – luci e sentieri luminosi -serv. antincendio – turbolenza di scia da elicotteri. Pagg. 115 – COMPRA


ROMA/ CORDOGLIO DEL GENERALE CLAUDIO GRAZIANO PER IL DECESSO DELL’APPUNTATO SCELTO VINCENZO OTTAVIANO DELL’ARMA DEI CARABINIERI


LIBRI/  CARABINIERI, 200 anni di storia  


Roma – Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia del grave incidente in cui ha perso la vita l’Appuntato Scelto Vincenzo Ottaviano dell’Arma dei Carabinieri, ha espresso ai familiari del militare e al Comandante Generale dell’Arma, profondo cordoglio e sentimenti di affettuosa vicinanza a nome delle Forze Armate e suo personale.

L’Appuntato Scelto Ottaviano è rimasto ferito mortalmente ieri sera nello svolgimento di rilievi lungo la statale SS7 bis “Nola-Villa Literno”, nei pressi dello svincolo di Pomigliano d’Arco (NA), a seguito di un sinistro stradale tra 2 veicoli. Nel corso dei rilievi, un’autovettura che sopraggiungeva ha investito mortalmente l’App. Sc. Vincenzo OTTAVIANO e ha ferito gravemente il Vice Brigadiere Attilio PICOCO che è stato trasportato, in pericolo di vita, nell’ospedale “San Giovanni Bosco” di Napoli.

Al Vice Brigadiere PICOCO e alla sua famiglia il Generale GRAZIANO esprime la vicinanza di tutte le Forze armate con l’affettuoso augurio di una pronta guarigione.


LIBRI/ Carabinieri, Concorso 2018