Archivi tag: siriana

Syria/ Suspence. Una storia avvincente e per niente scontata tra Damasco ed Aleppo


di Antonio Conte

 500 morti e oltre a Daraya? Basta alle violenze.
Assad lasci spazio alla democrazia, è l’appello del Ministro Terzi inviato ieri in Twitter.

ECCO I DETTAGLI DELLA STORIA!

 Mi chiedo come si possa resistere al coraggio di una giovane giornalista italiana che ha una gran voglia di fare bene il suo lavoro, ce ne siamo resi subito conto in Twitter tra noi pochi frequentatori di questi temi.

Per essere brava è brava davvero, ed ha scelto una strada più difficile e tormentata e tra le più dure: l’estrema ed è già oltre la ragione.

Scrive ed è in missione per una testata francese, di Parigi, è stata già giornalista RAI.

Ci facciamo compagnia per qualche giorno con qualche breve Twitter, tanto per inquadrare il tema del confronto. mi sento come nella stessa barca, Ma lei è invece tra i colpi di granata e le pallottole a Damasco, in Syria, in queste ore. Forse raggiungerà in seguito anche Aleppo o chissà quale altra città, Aleppo è verso la Turchia dove si stanno spingendo molti profughi. Le Autorità Turche – proprio oggi veniva riferito dal TG 1 RAI – chiedono aiuto alla comunità Europea che intanto non ha ancora definito una sua linea precisa d’azione a riguardo della questione di Assad.

Ieri il Ministro Terzi, dichiarava su Twitter intanto l’orrore per le fosse comuni a Daraya richiedendo “Subito un’inchiesta indipendente. Basta alle violenze. Assad lasci spazio alla democrazia.”

Ma in Francia Hollande, dal canto suo, invita l’opposizione siriana a formare un governo provvisorio: «La Francia lo riconoscerà», dice. Aggiungendo anche che l”uso armi chimiche giustifica attacco”, in alleanza con Stati Uniti e Gran Bretagna.Si riferiva ad un attacco del governo contro i ribelli. Ma invece della chimica usa l’aeronautica, mentre una nota di

Ma intanto Damasco, in cui si trovano degli italiani tra cui giornalisti e la coraggiosa Suspence, non ha pace. Si cammina tra le macerie di edifici, si percorrono vie insanguinate, magari raccogliendo sorrisi e fiori sulle mani dai bambini siriani dopo lo scapato pericolo, ci sono morti ovunque, neonati, e trincee di altri morti ammazzati dalla loro stessa gente che ora stanno al Governo di Assad.

E sprona e sprona a non essere gregge a non essere muti di fronte alla morte del l’uomo e di fronte al sopruso della donna. E neanche i bambini sono salvi, neanche i neonati; gli adolescenti li uccidono a sangue freddo, sono il futuro della Siria, è bene dunque ucciderli subito, quando ancora troppo giovani e ancora bambini, ora che non sono ancora combattenti e non hanno in corpo quell’odio rabbioso e pericoloso contro il regime e non hanno la forza di contrastare il rinculo di un mitra. Morti! Tutti in una fossa comune!

Suspence, scrive. Scrive sul blog, sulla carta, su twitter e mantiene contatti su skype. A noi le sue storie piacciono, non ciò che scopre invece. Ma occorre sapere, bisogna comprendere cosa sta accadendo e Suspence lo spiega dal suo blog che vi invitiamo a leggere, in cui spiega le immagini che potete vedere qui sotto. Ecco il link.
http://probingintelligence.wordpress.com/2012/08/26/combattere-contro-i-mulini-a-vento-a-damasco/

Grazie al suo coraggioso lavoro, noi possiamo sapere.

Antonio Conte

L’url del suo articolo su Probing Intelligence è: Combattere contro i mulini a vento a Damasco e queste sono le sue foto: https://twitter.com/#!/probingintellig/media/slideshow?url=pic.twitter.com%2FhXJcSHhh

Questo slideshow richiede JavaScript.

Libano/ UNIFIL. Il Ministro della Difesa visita i caschi blu italiani


Questo slideshow richiede JavaScript.

Di Lieta Zanatta. La 132° brigata corazzata “Ariete” di Pordenone comandata dal generale Gaetano Zauner, ora in missione in Libano a Shama, ha ricevuto sabato scorso 30 luglio la visita del ministro della Difesa Giampaolo di Paola, in visita ufficiale nel Paese dei cedri, il quale ha voluto incontrare di persona gli oltre 1.100 militari italiani nella sede del comando del settore ovest della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon). Nella base italiana il ministro è stato accolto, assieme al generale Zauner, dal generale di divisione Paolo Serra, Head of Mission e Force Commander di UNIFIL, da cui dipendono tutti i contingenti internazioni, composti da circa 11.000 uomini, schierati sotto il fiume Litani a sud del Libano fino ai confini con Israele. “Il vostro impegno è fondamentale per garantire la stabilità del Paese”, ha detto il ministro ai militari, che ha rimarcato l’importanza della funzione del contingente internazionale quale stabilizzatore nella regione, a fronte della crisi siriana che si sta consumando ai confini. I militari sono presenti in Libano in base alla risoluzione ONU 1701,  e dal 2006 hanno il compito di assistere il governo libanese nell’esercizio della propria sovranità sul Libano, garantendone la sicurezza ai confini con Israele, oltre a creare le condizioni per una pace duratura. Il comando del generale Zauner coordina a Shama i contingenti di: Ghana, Corea del Sud, Brunei, Slovenia, Irlanda, Finlandia e Malesia.

Siria/ Emergenza umanitaria. Con Alpini dell’ANA, è partito l’ospedale da campo italiano. Curerà cento pazienti al giorno


Alpini_SK_2012_02
Alpini_SK_2012_02 (Photo credit: Sandy Kirchlechner)

Roma 03 Luglio 2012 – E’ partito questa mattina dall’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo) il volo che trasporta l’ospedale da campo italiano che garantirà assistenza medica agli oltre 25.000 fuoriusciti siriani rifugiatisi in Giordania. Continua a leggere Siria/ Emergenza umanitaria. Con Alpini dell’ANA, è partito l’ospedale da campo italiano. Curerà cento pazienti al giorno

Siria/ Disgrazia continuata da 14 mesi e 12 mila persone uccise dal governo di Assad, mentre il mondo tace.


Traduzione di Antonio Conte – Il consiglio per le relazioni straniere, con un articolo di Elliott Abrams* nel suo articolo pubblicato ieri, 27 maggio 2012, denuncia la grave disgrazia in Syria che ora campeggia su tutte le prime pagine del mondo.

Tutte le principali fonti informative e le testate giornalistiche più importanti in questo fine settimana raccontano dei terribili massacri in corso in Syria, dove l’artiglieria del governo continua a sparare sulla sua popolazione uccidendo 90 persone tra cui tre bambini in un villaggio. Il regime Assad ha subito rilasciato dichiarazioni per respigere negandole, le proprie responsabilità, ma il villaggio si trova in un’area che svolge attività avversa al regime ed inoltre non vi sono altri gruppi in Syria abilitati all’uso di questo tipo di artiglieria.

Di conseguenza anche le Nazioni Unite, con una dichiarazione congiunta di Kofy Annan e Ban ki-Moon, hanno biasimato il comportamento del governo per gli attacchi alla popolazione.

Questo grave episodio tuttavia non sorprende per l’ordinarietà con cui purtroppo stanno accadendo queste cose ormai da 14 mesi e per oltre 12 mila uccisioni. La disgrazia è della gente – non certo del Governo siriano – che deve andare avanti ormai, mese dopo mese.

L’autore dell’articolo a cui si sta facendo riferimento, ovvero Elliott Abrams, riferisce anche che tre mesi fa aveva preso in considerazione in un suo articolo, le opinioni del Segretario Clinton circa una constatazione che la pubblica opinione mondiale non prendeva in seria considerazione questa guerra siriana, e che tutto’ora – sta constatando ancora l’autore – si stanno formulando una serie di scuse per non intervenire.

In questo contesto il Presidente annunciava – sostiene ancora Elliot Abrams –  iniziative per la prevenzione delle atrocità, l’“Atrocities Prevention Board”, già il mese scorso, definendo la sua parodia su queste atrocità, per proprio inadempimento.

Su Council On Foreing Relations viene quindi riportato il testo che Elliott Abrams attribuisce al Presidente americano:

“Dobbiamo dire ai nostri figli come mai queste attrocità siano state possibili, e perchè così tante persone hanno ceduto ai loro istinti più bui e come tante altre siano ora nel silenzio … ‘Mai Più’ era stata la sfida delle Nazioni. E’ una amara verità che molto spesso il mondo non è riuscito a fermare l’uccisione di innocenti su vasta scala. ‘E noi siamo ossessionati dalle atrocità che stanno accadendo ancora e del fatto che le nostre scelte non siano servite alla salvezza di quelle persone’. Elie Wiesel allude a ciò che sentiamo e come vediamo il popolo siriano privato dei più elementari diritti universali dell’uomo e soggetto a queste inspiegabili violenze.

Dobbiamo fare qualsiasi cosa per aiutarli. Dobbiamo anche ricordare che nonostante tutti i carri armati, i cecchini, e tutte le brutali torture e la violenza scatenata contro il popolo siriano essi portano alto il loro orgoglio nelle strade e pretendono di essere ascoltati e cercano di affermare la loro dignità. Non si può rinunciare a dare una mano al popolo della Syria”.

Queste parole suonano come stonate oggi. A quel “non mollate” non è seguito nessun aiuto, anzi sembra che si stiano trovando scuse per non intervenire.

Bene hanno fatto gli arabi del golfo o i turchi ad agire senza la leardership americana perchè non gli hanno creduto e possono essere perdonati. Ma chi li ha creduto ha commesso l’errore di illudersi perchè sempre più chiaramente ogni giorno che passa vi è morte in Siria. Non ci sono più scuse.

Sul sito della Casa Bianca il Presidente annuncia che quel giorno è arrivato ed è dopo l’introduzione del Prof. Elie. A quanto pare però questo rimando è fuorviante: per prendere ancora tempo. Secondo Elliot Abrams, Wiesel avrebbe informato il Presidente sul da farsi, senza cavarne una reazione di fatto. Ed aggiunge sorpresa per quanto sia sorprendente che la Casa Bianca non pubblichi il discorso di Wiesel sull’Olocausto e sulla Siria di oggi in cui si leggerebbe:

“L’Olocausto si sarebbe potuto evitare. La più grande tragedia della storia sarebbe potuta essere impedita se il mondo civilizzato avesse parlato, adottando delle misure nel 1939, 40, 41, 42. Ogni volta, a Berlino, Goebbels e gli altri stati avrebbero voluto vedere quale sarebbe stata la reazione di Washington e Londra e Roma, ma non c’era stata alcuna reazione così essi avrebbero sentito che potevano continuare. Quindi adesso ci potremmo chiedere: ‘Abbiamo imparato qualcosa dalla storia? Se è così, come è possibile che Assad sia ancora al potere?”

Come infatti? In gran parte perché il Presidente Obama non ha fornito alcuna leardership, apparentemente preferendo guardare questi massacri piuttosto che prendersi i rischi delle dichiarazioni.

Egli è, per usare la frase di Clinton, in piedi pigramente, fa discorsi volti a temporeggiare rimandando il problema a dopo, e negare sia una opposizione che l’assistenza di cui si ha bisogno in Syria.

Se le uccisioni vanno avanti a questi livelli di brutalità potrebbero essere costretti ad agire, ma ciò non eliminerà l’onta sul loro Onore per aver fatto trascorrere invano questi 14 mesi. Un “Atrocities Prevention Board” ovvero la prevenzione delle atrocità è una bella cosa da avere; Io sono per essa, sostiene l’autore di questo testo, e potrebbe farsi in un istante per un Presidente determinato a prevenirle davvero.

Antonio Conte per la traduzione

(*) Abrams gives his take on U.S. foreign policy, with special focus on the Middle East and democracy and human rights issues.