Archivi tag: Forze di Difesa (FOD)

Foggia/ Residuati bellici. I genieri dell’esercito neutralizzano e disinnescano un ordigno tedesco di 250 chili


Foggia, 30 novembre 2018 – Gli Artificieri dell’Esercito dell’11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, unità specialistica alle dipendenze della Brigata “Pinerolo”, hanno provveduto al disinnesco e alla neutralizzazione di un bomba d’aereo di fabbricazione Tedesca ad alto esplosivo del peso di 250 chilogrammi, risalente al secondo conflitto mondiale, occasionalmente rinvenuta in un area vicina allo scalo ferroviario della città interessata a lavori di manutenzione straordinaria.

La delicata operazione, condotta sul campo da un team di artificieri specialisti, esperto nel settore della disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza, ha previsto una serie di operazioni tese alla messa in sicurezza dell’ordigno, ancora potenzialmente pericoloso, per consentirne il trasporto e la definitiva neutralizzazione in un’area idonea individuata in una locale cava.

Per garantire un’adeguata cornice di sicurezza all’intervento è stata prevista una temporanea interruzione del traffico lungo alcune strade Comunali.

Impegnativa anche la fase preparatoria, durante la quale sono state messe in atto le misure di mitigazione del rischio, necessarie a scongiurare gli effetti causati da un’eventuale detonazione accidentale. In particolare è stata realizzata dagli specialisti del Genio una gabbia di faraday, all’interno della quale è stata posta la bomba per il trasporto, per mitigare gli effetti elettromagnetici che avrebbero potuto determinare un comportamento anomalo delle due spolette poste sulla pancia dell’ordigno.

Coordinati dal Comando Forze Operative Sud di Napoli, gli specialisti dell’11° Reggimento Genio, con sede a Foggia, intervengono quotidianamente nella propria area di competenza che comprende le regioni Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Provincie di Chieti e Pescara, per disinnescare ordigni bellici rinvenuti occasionalmente. Nel corso dell’anno corrente sono oltre 85 gli interventi già effettuati.

L’Esercito negli ultimi dieci anni ha svolto oltre 35.000 interventi di bonifica su tutto il territorio nazionale, inoltre l’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione e all’aggiornamento degli artificieri delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

I reparti Genio dell’Esercito, grazie alle esperienze maturate nei teatri operativi ed alla elevata connotazione “dual-use”, operano in favore della comunità nazionale sia con la bonifica di residuati bellici ancora ampiamente presenti nel territorio nazionale sia in caso di pubbliche utilità a favore della popolazione civile.


Trapani/ 6° Reggimento Bersaglieri. Il Comandante del 2° Comando Delle Forze di Difesa in visita


Trapani, 15 gennaio 2016: Si è conclusa ieri 14 gennaio, la visita al 6° Reggimento Bersaglieri da parte del Comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD), Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano. 

Al suo arrivo l’autorità è stata accolta nella piazza d’Armi dal Comandante del Distaccamento della Brigata “Aosta”, Colonnello Corrado Benzi e dal Comandante di Reggimento, il Colonnello Antonino Poma. Nella breve visita, il Generale De Leverano ha incontrato il personale militare e civile che opera nei diversi settori della caserma.

Attualmente impiegati nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, sul territorio trapanese a presidio dell’ Hot Spot di Milo e nella città di Roma in occasione  del “Giubileo 2015” iniziato lo scorso 8 dicembre, i fanti piumati concorrono a garantire la sicurezza delle due città in simbiosi con le forze di polizia.

San Giorgio a Cremano/ 2FOD. Il Gen. Lops cede il comando al Gen. De Pascale


San Giorgio a Cremano, 2 settembre 2014: Dopo circa 4 anni, il Generale di Corpo d’Armata Vincenzo Lops ha ceduto il comando del 2° Comando Forze di Difesa (2°FOD) al Generale di Corpo d’Armata Carmine De Pascale.

La cerimonia si è svolta, questa mattina, all’interno della sala riunione della Caserma “Cavalleri” di San Giorgio a Cremano (NA), alla presenza del Comandante delle Forze Terrestri, Generale di Corpo d’Armata Roberto Bernardini.

Il Gen. Lops, durante il suo mandato, assunto il 10 dicembre 2010, ha condotto numerose ed importanti attività innovative per realizzare un “restyling” capacitivo in termini di addestramento ed approntamento dei circa 20.000 (venti mila) soldati delle Unità dipendenti, schierate nel centro- sud Italia (Divisione “Acqui” e le Brigate “Granatieri di Sardegna”, “Aosta”, “Garibaldi”, “Pinerolo”, “Sassari”), unitamente alla gestione delle infrastrutture, del parco mezzi da combattimento e dei sistemi d’arma.

Per il conseguimento di tali obiettivi, sono state adottate nuove modalità e procedure addestrative, sotto forma di “Campus” e “Simposyum”, in cui si studiavano ed analizzavano (fase pensiero) procedure d’impiego e successivamente si testavano (fase azione), con simulazioni realistiche ed aderenti alle esigenze operative dell’Esercito, le potenzialità delle unità dipendenti, sfruttando tutti i poligoni ed aree addestrative della Forza Armata.

In tale contesto, sono stati realizzati specifici studi su “Intelligence Tattica”, ”Mission Command e Manovra”, “Esplorazione”, “Combat Eng e Sostegno Logistico”, unitamente ai progetti  “Soldato Atleta” (innovativo percorso per l’addestramento individuale al combattimento), “Mens sana in corpore sano” ed “Esculapio ed Hermes” (progetti per la tutela e prevenzione sanitaria del soldato).

Tutte queste attività hanno ottimizzato le performance addestrative e garantito un’elevata prontezza operativa, ma l’azione di comando del Gen. Lops ha sempre inciso anche sull’efficienza del parco mezzi da combattimento e sistemi d’arma (in particolare PZH, carro ARIETE, FRECCIA, CENTAURO e DARDO) portandola ai massimi livelli.

Per tutto il periodo di comando, le Unità dipendenti sono state sostenute per la preparazione ai vari contesti operativi in cui l’Esercito è stato interessato, sia in ambito internazionale (AFGHANISTAN, LIBANO, KOSOVO, GIBUTI, LIBIA, MALI), sia nazionale, ove, oltre a “Strade Sicure”, sono state gestite: “Strade Pulite”, “Emergenza Profughi” e, non ultimo, i pattugliamenti nella “Terra dei Fuochi”, unitamente a momenti emergenziali di pubblica calamità (terremoti, alluvioni, emergenza neve).

Per l’Operazione “Strade Sicure”, il Comandante Lops è stato responsabile dei circa tre mila militari schierati da Roma a Lampedusa in concorso alle Forze dell’Ordine al fine di contrastare la criminalità organizzata, proteggere siti sensibili e garantire la sicurezza dei centri d’accoglienza immigrati.

Inoltre, in linea con la ristrutturazione della Forza Armata, avendo in tale ambito la responsabilità di coordinare i progetti “Forza NEC” e “Soldato Futuro”, assegnati alla Brigata “Pinerolo”, sono stati posti in essere tutte le attività per lo sviluppo della sperimentazione del Posto Comando digiltalizzato, l’impiego del FRECCIA nei Teatri Operativi ed  il trasferimento del 7° reggimento bersaglieri dalla sede di Bari in quella di Altamura.

Il Gen. Lops è stato designato quale Comandante del Comando della Formazione e della Dottrina dell’Esercito Italiano a Roma.

Il Gen. De Pascale, Ufficiale Generale che si è formato nei ranghi della Brigata “Garibaldi”, proviene da recenti, molteplici ed importanti esperienze nazionali ed internazionali, in cui ha ricoperto prestigiosi incarichi di Comando e di Staff, da pochi giorni ha lasciato l’incarico di Comandante del Comando Logistico Sud di Napoli.

 

San Giorgio a Cremano/ “Terra dei Fuochi”. L’Esercito impegnato in una nuova Operazione a tutela dell’Ambiente


San Giorgio a Cremano (NA), 07 aprile 2014. Sono 100 gli uomini e le donne dell’Esercito impiegati nell’operazione “Strade Sicure” in Campania che, da questa mattina, hanno iniziato i pattugliamenti nell’area denominata “Terra dei fuochi”.

I settori d’intervento sono stati indicati dalle Prefetture di Napoli e Caserta ed assegnati al Reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°) di Salerno, della Brigata “Garibaldi”, già responsabile del Raggruppamento Campania per l’operazione “Strade Sicure”.

I compiti assegnati sono quelli di pattugliare le aree individuate all’interno dei comuni che hanno sottoscritto il patto della “Terra dei fuochi” per prevenire e reprimere i reati ambientali, in particolare lo sversamento incontrollato di rifiuti ed i conseguenti roghi illegali.

I militari, appartenenti ai reparti della Brigata “Garibaldi”, sono giunti in rinforzo agli oltre 540 soldati del 19° reggimento già impegnati sulle territorialità delle città di Napoli e Caserta per la lotta alla malavita e da oggi per completare il contingente a disposizione delle Prefetture contro i reati ambientali.

Le pattuglie dell’Esercito operano in stretta collaborazione con le forze di Polizia e sono coordinate dal 2° Comando delle Forze di Difesa (2°FOD) di San Giorgio a Cremano, Comando dell’Esercito che gestisce circa 3.000 (tremila) uomini impegnati nell’operazione “Strade Sicure” nel centro-sud Italia.

L’operazione, iniziata il 4 agosto 2008, vede impegnati oltre 4000 militari dell’Esercito in concorso alle Forze di Polizia su tutto il territorio nazionale da Chiomonte a Lampedusa, con compiti di vigilanza e sorveglianza agli obiettivi sensibili (porti, aeroporti, ambasciate ecc) e di contrasto alla criminalità nelle principali aree urbane del Paese.

 

 

Bari/ Università. La Pinerolo ed il seminario “Donne, Comandanti”


Bari, 7 marzo 2014 – Si è svolto oggi 7 marzo, presso l’Università degli Studi di Bari, alla presenza del Comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD), Generale di Corpo d’Armata Vincenzo LOPS e con la partecipazione del Magnifico Rettore dell’Università di Bari Professore Antonio Felice Uricchio, il primo seminario “Donne, Comandanti” organizzato dalla Brigata Pinerolo in collaborazione con l’associazione Apulia Onlus.

logo_uniba-468Il Comandante della Brigata Gen. B. Stefano DEL COL ha aperto i lavori sottolineando l’importanza dell’anno 2000 nel quale si è dato avvio al reclutamento del personale femminile quale naturale esigenza della società e nell’ambito della completa integrazione dello strumento militare con quello dei Paesi Europei e della NATO e dei nuovi scenari di impiego operativo. Le donne, attualmente, sono circa il 7% degli effettivi dell’Esercito e sono ammesse in ogni specialità e incarico al pari degli uomini, con una progressione di carriera identica a quella degli uomini.

Il seminario è stato articolato su due sessioni che  hanno stimolato momenti di riflessione e confronto, anche basati su testimonianze dirette da parte dei Comandanti donne della Brigata Pinerolo, sul modo di interpretare la leadership nel ruolo specifico di comando avvalendosi della partecipazione, tra gli altri, di Ufficiali dello Stato Maggiore dell’Esercito ed esperte della parità di genere in ambiente internazionale.

Sotto il profilo storico,  Antonio CARADONIO Pediatra e scrittore, autore del libro “Petali di Rose” ha sottolineato la figura di Rosalia MONTMASSON moglie di Francesco CRISPI e patriota italiana, unica donna  che partecipò alla spedizione dei Mille. La Dott.ssa LAURA FABIANO, Professoressa di Diritto Pubblico Anglo americano, ha illustrato quello della Dinamicità del concetto di attitudine nella giurisprudenza costituzionale italiana” e la Dott.ssa SANTA SELVAGGI FIZZAROTTI, Presidente Regionale della Croce Rossa, ha introdotto il tema delle “Donne di Croce Rossa ed Esercito Italiano”.

L’evento ha rappresentato una efficace occasione per parlare delle donne e con le donne militari della Brigata Pinerolo impegnate, tra l’altro, in Afghanistan e in  Libano e nelle operazioni nazionali a fianco delle Forze di Polizia.