Archivi tag: fanfara

Gravina in Puglia/ Medaglia d’Oro al Valor Militare. La Brigata “Pinerolo” commemora il Capitano Ingannamorte


Gravina in Puglia, 19 dicembre 2013 – La Brigata “Pinerolo” ha partecipato oggi alla commemorazione del centenario della nascita del Capitano d’Artiglieria Nunzio Ingannamorte evento organizzato dall’Amministrazione Comunale di Gravina in Puglia.

L’Ufficiale caduto a Roma a Porta San Paolo il 10 settembre 1943 dopo uno scontro armato con le truppe tedesche è stato decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare.

La cittadina Mugiana gli ha intitolato una strada e un edificio scolastico.

Una rappresentanza della Brigata “Pinerolo”, Grande Unità tra le più anziane della Forza Armata, composta da militari del 7° reggimento Bersaglieri e la Fanfara hanno partecipato all’incontro presso il Palazzo di Città .

La manifestazione è proseguita presso il cimitero dove è stata deposta una Corona d’Alloro sulla lapide del Militare.

Alla commemorazione hanno partecipato i familiari dell’Ufficiale  e una nutrita rappresentanza di alunni della scuola che porta il nome della Medaglia d’Oro.

Si concretizza così un ponte ideale tra passato e futuro tra  cittadini in divisa che hanno offerto la propria vita per la Patria.

Ruvo di Puglia/ Poligono “Torre di Nebbia”. Campo d’Arma Brigata Pinorolo – Approntamento JRRF


Torre di Nebbia, 26 maggio 2013 – Nella giornata di sabato 25 maggio si è tenuto presso il Comune di Ruvo di Puglia un’ incontro tra il Comandante della Brigata Pinerolo, Generale di Brigata Carlo Lamanna, e il Sindaco Dottor Vito Nicola Ottombrini.

Il Comune di Ruvo di Puglia è uno dei cinque comuni che insistono nel poligono occasionale di Torre di Nebbia situato nell’area del Parco dell’Alta Murgia.

L’incontro ha consolidato i già ottimi rapporti tra le due istituzioni che in passato hanno collaborato in alcune iniziative a tutela del territorio.

Il Sindaco, durante il suo discorso ufficiale, ha più volte ringraziato l’Esercito Italiano che con la sua presenza e con le continue iniziative a favore della popolazione rafforza sempre più la sua vocazione di risorsa per il Paese.

Al termine dell’incontro il Gen. Lamanna e il Sindaco hanno deposto una corona di alloro al monumento ai Caduti alla presenza di autorità locali e della associazione d’arma dei Bersaglieri di Ruvo.

La serata è continuata con il concerto della Banda della Brigata Meccanizzata Pinerolo che ha richiamato un numeroso pubblico.

I militari della Pinerolo,  i colleghi del Reggimento Lancieri di Aosta (6°) e del 2° Reggimento AVES Sirio hanno potuto visitare gratuitamente il  Museo Archeologico Nazionale Jatta.

Torino/ La città. Il saluto alla Brigata Alpina “Taurinense” rientrata dall’Afghanistan


copertina-la-fanteria
Compra l’e-Bbook, La Fanteria, a cura di Antonio Conte

Torino, 4 aprile 2012 – Stamane a Torino in piazza Castello si è svolta la cerimonia di saluto della città di Torino alla Taurinense  al termine del quarto mandato in Afghanistan, dopo quelli del 2005, 2008 e 2010. L’evento, come consuetudine è stato preceduto dall’esibizione della Fanfara della Taurinense.

Il mandato della Taurinense, in Afghanistan dallo scorso settembre fino alla fine di marzo, è stato caratterizzata dalla cessione – transition – della base operativa di Bakwa alle forze locali e dal trasferimento della leadership sulla sicurezza agli alleati afghani in oltre il 70% nella regione ovest dell’Afghanistan. La transition (passaggio graduale di responsabilità) del Paese asiatico alle autorità e alle forze di sicurezza locali si concluderà nel 2014.

Centinaia le operazioni condotte dagli uomini e dalle donne del 2° reggimento Alpini di Cuneo, del 3° di Pinerolo, del 9° dell’Aquila, del 1° artiglieria di Fossano e del 32° genio di Torino. Tutte attività svolte in partnership con la polizia e l’esercito afghani, che oggi guidano autonomamente l’80% delle operazioni.

Sul fronte dello sviluppo sono state realizzate numerose infrastrutture di base, grazie al ruolo svolto dal P.R.T. italiano, specialmente nel campo dell’istruzione, con la costruzione di 13 scuole nei distretti remoti della provincia di Herat, per un totale di 120 aule che potranno ospitare in più turni fino a 8.000 studenti di ambo i sessi. (Alberto Alpozzi)

Aosta/ Partita la fiaccola della 2^ Edizione dei Giochi Mondiali Militari Invernali


Nella mattinata odierna, con una breve ma significativa cerimonia svoltasi nella centrale piazza Chanoux di Aosta, alla presenza delle massime autorità civili e militari regionali, è stata accesa la fiaccola della 2^ edizione dei Giochi Mondiali Militari Invernali del Consiglio Internazionale dello Sport Militare (CISM), che si svolgeranno dal 25 al 29 marzo ad Annecy (Francia). La fiaccola toccherà varie località della Valle d’Aosta per poi raggiungere, il 21 marzo, il Col Flambeau sul massiccio del Monte Bianco, dove il testimone passerà ai colleghi francesi.

La cerimonia è stata preceduta dalla conferenza stampa di presentazione, svoltasi nei saloni del Castello “Gen. Cantore”, sede del Comando del Centro Addestramento Alpino, alla presenza delle massime Autorità, di qualificati membri del Comitato Organizzatore di Annecy 2013, dei sindaci dei comuni francesi sedi di gara, e di alcuni ex atleti di spicco quali il campione olimpico Marco Albarello ed il campione mondiale Vincent Vittoz.

La cerimonia in piazza, cui hanno assistito festose anche alcune classi delle scuole primarie di Aosta, è stata allietata e condotta sulle note della Fanfara della Brigata Alpina “Taurinense” la quale, mentre la fiaccola lasciava Aosta, ha eseguito il suo spettacolare carosello a coronamento della splendida giornata di amicizia e vicinanza tra due Nazioni nel segno dello sport.

Altamura/ Storia. Il 7° Reggimento Bersaglieri


Cenni storici

Stemma del 7° Reggimento Bersaglieri
Stemma del 7° Reggimento Bersaglieri

Il 7° Reggimento Bersaglieri, viene costituito in Verona il 1 gennaio 1871, in attuazione del Regio Decreto del 13 novembre 1870 che dispone la riorganizzazione del Corpo in 10 reggimenti di 4 battaglioni ciascuno su 4 compagnie. I battaglioni che concorsero alla costituzione furono l’ VIII (1850), il X (1852) ed il  XV (1859) tutti già del 2° reggimento, nonché l’XI (1859) già del 4° reggimento. In tale circostanza i battaglioni prendono rispettivamente la numerazione di I (VIII), II (X), III (XI) e IV(XV). Una successiva riorganizzazione del Corpo, attuata il 16 settembre 1883 per effetto del Regio Decreto del 29 giugno 1882, comporta la costituzione di 12 reggimenti su 3 battaglioni, ciascuno su 4 compagnie e per il 7° Reggimento la cessione al costituendo 11° Reggimento del IV (XV) battaglione.

Tre anni dopo, il 18 giugno 1886, i battaglioni riprendono la numerazione originaria VIII (I), X (II), XI (III) e, nel 1905, la 12ª Compagnia del Reggimento (12ª dell’XI btg.), viene trasformata in ciclisti. A partire dal 1° ottobre 1910, per effetto del Regio Decreto del 9 aprile 1910, che sancisce l’assegnazione ad ogni reggimento bersaglieri di un battaglione Ciclisti, costituito con la 4ª compagnia di ogni battaglione, il 7° Reggimento Bersaglieri, oltre all’VIII, X ed XI battaglione, ciascuno ordinato su 3 compagnie, dispone anche del VII battaglione Ciclisti, che verrà poi soppresso il 9 marzo 1919 a seguito di ulteriori mutamenti ordinativi.

Durante il Primo conflitto Mondiale prende il posto del 9° reggimento nella II Brigata bersaglieri assieme all’11° reggimento bersaglieri mentre il VII battaglione ciclisti opera, invece, come unità autonoma per tutta la durata del conflitto. Il 20 aprile 1920, il Corpo è ridotto a 4 reggimenti (2°, 3°, 4° e 9° rgt.) riuniti in due Brigate ed il Settimo continua a rimanere in vita con il solo VIII battaglione.

Il Regio Decreto del 7 gennaio 1923 riporta a 12 il numero dei Reggimenti bersaglieri, ciascuno  su  2  battaglioni, dei quali 6 appiedati (1°, 3°, 5°, 7°, 9° e 10°) e  6 ciclisti (II, IV, VI, VIII, XI e XII), a seguito di tale decreto il 7° Reggimento inquadra il 10° e  l’VIII battaglione.

Il 7 luglio 1924, il 7° Bersaglieri viene trasformato in motociclisti, ordinato su Comando,  X ed VIII battaglione. Il 16 aprile 1936 assume la fisionomia organica di motorizzato e nel 1939 è assegnato alla Divisione motorizzata “TRENTO”.

Dal 4 aprile 1940 gli è assegnata la struttura ordinativa che prevede Comando, VIII battaglione Ciclisti, VIII e X battaglione autotrasportato, 106ª  compagnia cannoni da 47/32 ed autoreparto e con tale ordinamento partecipa alla campagna in Africa settentrionale dove, a seguito degli eventi bellici, viene insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare. Durante tali eventi il reggimento per tre volte decimato tre volte viene ricostituito  ed il 13 maggio 1943  in Tunisia, a causa della mancanza di effettivi, viene sciolto una  prima  volta e l’8 settembre 1943, a  seguito dell’Armistizio, viene definitivamente sciolto mentre era al comando il Colonnello STRAZIOTA, barese di nascita.  Nell’ottobre del 1992 il 7° Reggimento Bersaglieri viene ricostituito in Bari, ordinato su Comando di Reggimento, Compagnia Comando e Servizi, XI battaglione bersaglieri “CAPRERA”, Reparto alla sede e Fanfara.

Il 18 aprile 1997, il 7° Reggimento Bersaglieri perde l’XI battaglione bersaglieri “CAPRERA” ed inquadra nuovamente il X Battaglione Bersaglieri “BEZZECCA”, già ricostituito nel 1975, quale battaglione custode della Bandiera del 7° Bersaglieri.

Il 19 dicembre il 7° Reggimento Bersaglieri viene trasferito nella sede di Altamura presso la Caserma “TRIZIO”.

Il reggimento, fin dalle sue origini, ha partecipato a tutte le campagne e le guerre combattute dall’Italia.

Di seguito le più importanti:

  • 1855-56 – Guerra di Crimea;
  • 1859 – Seconda guerra di Indipendenza;
  • 1860-61 – Campagna Centro/Meridionale;
  • 1863-65 – Lotta al brigantaggio
  • 1866 – Terza guerra di Indipendenza;
  • 1870 – Liberazione di Roma;
  • 1887-88 – Guerra d’Africa;
  • 1895-96 – Campagna d’Africa;
  • 1911-12 – Guerra Italo – Turca;
  • 1915 – Tripolitania;
  • 1915-18 – Prima guerra mondiale;
  • 03.11.18 – Liberazione di Trieste;
  • 1940-45 – Seconda guerra mondiale.

Nel dopoguerra il reggimento ha partecipato nel quadro del concorso fornito alle Forze di Polizia, teso al controllo del territorio, alle seguenti operazioni sul territorio nazionale:

  • Operazione “Vespri Siciliani”
  • Operazione “Riace”
  • Operazione “Salento”
  • Operazione “Partenope”
  • Operazione “S. Barnaba”
  • Operazione “Domino”

All’atto della stesura delle presenti memorie storiche il reggimento è rientrato dal Teatro Operativo Libanese dove è stato impegnato nell’Operazione “LEONTE” per il mantenimento della pace.

Il Settimo Bersaglieri in Teatro Operativo, fuori dai confini nazionali, ha partecipato alle seguenti Operazioni:

  • Operazione “JOINT GUARDIAN” (Albania) dal 08 mag. 2002 al 31 ott. 2002;
  • Operazione “ALTHEA”  (Bosnia – Herzegovina) dal 15 dic. 2005 al 20 giu. 2006;
  • Operazione “JOINT ENTERPRISE” (Kosovo) dal 29 giu. 2007 al 24 nov. 2007;
  • Operazione “LEONTE” (Libano) da ottobre 2011 ad aprile 2012.

RICONOSCIMENTI

La BANDIERA di Guerra del reggimento è insignita di:

DUE MEDAGLIE DI BRONZO

  • R. D. 12 luglio 1859 (II Guerra d’Indipendenza, S. Martino, 24 giu.1859). – Per la bella condotta tenuta durante la giornata del 24 giugno a San Martino.
  • R. D.  6 dicembre 1866 (III Guerra d’Indipendenza, Custoza, 24 giu.1866). – Per la valorosa ed intrepida condotta tenuta al fatto d’armi di Custoza.

UNA MEDAGLIA D’ARGENTO AL VALOR MILITARE

  • R. D.  5 giugno 1920 (1^ Guerra Mondiale, Flondar nov. 1916 – 1917). – “In combattimento ed in trincea fu costante esempio di valore, di tenacia, di saldezza. Con slancio irresistibile, superate le munite trincee avversarie, conquistava di primo sbalzo, le posizioni di Jamiano, dando poscia efficace contributo alla conquista della linea di Flondar. Richiamato in linea solo dopo due giorni per fronteggiare un violento attacco nemico, si gettava ancora nella lotta con audacia ed abnegazione sublimi”. Quota  144 Jamiano, Flondar, nov. 1916 – giu. 1917.

UNA CROCE DI CAVALIERE DELL’ORDINE MILITARE D’ITALIA 

  • R. D.  5 giugno 1920 (1^ Guerra Mondiale 1915 – 1918). – “Nei duri cimenti della guerra, nella tormentata trincea o nell’aspra battaglia, conobbe ogni limite di sacrificio e di ardimento; audace e tenace, domò infaticabilmente i luoghi e le fortune, consacrando con sangue fecondo la romana virtù dei figli d’Italia”.

UNA MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE

  • Decreto 7 aprile 1949 (2^ Guerra Mondiale). – “Fiero reggimento per compagine di spirito e di cuori, in venti mesi di durissima, estenuante campagna si prodigava con suprema dedizione, offrendo in ogni circostanza prove di leggendario valore.  Costantemente aggressivo nelle azioni offensive, primo tra i primi a raggiungere e mantenere gli obiettivi fissati e duramente contesi dall’agguerrito avversario, tenace nella difensiva sostanziata da arditi violenti contrattacchi, audace nel contendere lembo a lembo il terreno a potenti unità corazzate durante tormentosi ripiegamenti: teneva ovunque, e particolarmente nella crisi, in pieno onore il prestigio delle armi italiane superbo nelle epiche ed impari lotte come nel sacrificio.  Tre volte decimato, tre volte ricostituito, fu sempre pari alle sue gloriose tradizioni”. Africa Settentrionale aprile 1941 – maggio 1943.

UNA Medaglia di Bronzo al Valor Militare

Non compare sull’attuale Bandiera di Guerra del reggimento, la Medaglia di Bronzo al Valor Militare concessa al VII btg. b. Ciclisti (è stata formulata allo Stato Maggiore dell’Esercito la richiesta di autorizzazione a riapporre, allorché riconosciuta, la medaglia sulla Bandiera di Guerra del 7° reggimento Bersaglieri)

  • R.D. 5 giu. 1920 (1^ Guerra Mondiale). – “Già ricco di onor militare per la condotta tenuta nei giorni in cui Treviso e Venezia furono salvate dal più puro ed ostinato eroismo (giugno 1918), nell’ora della riscossa (26 ottobre 1918) balzò fremente al di là del Piave e si slanciò, con magnifico impeto, contro le formidabili posizioni avversarie, ampliando con successivi attacchi e con ardita manovra, la testa di ponte inizialmente aperta all’avanguardia della Divisione. Di fronte a fieri e reiterati contrattacchi nemici, resi ancor più gravi dall’isolamento oltre il fiume, resistette con eroica fermezza e generoso tributo di sangue. Ripresa l’avanzata in seguito al passaggio dei Corpi laterali, si slanciò su nuovi obiettivi, sviluppando con luminoso ardimento ulteriori e definitive manovre su Vittorio Veneto”.  Piave, giugno – ottobre 1918.