Archivi tag: Tripolitania

Cassino/ 340 militari libici sono giunti in Italia per completare l’addestramento


L’attività deriva da un accordo di cooperazione bilaterale

La scorsa notte sono arrivati in Italia circa 340 militari libici che svolgeranno, presso 80° Reggimento Addestramento Volontari di Cassino (FR), un ciclo addestrativo di 14 settimane .

Questa attività nasce da una specifica richiesta del governo di Tripoli avanzata a Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Turchia, nell’ambito dell’iniziativa del ”G8 Compact” per la ricostruzione delle nuove Forze Armate e di sicurezza libiche. La prima fase è cominciata lo scorso novembre a Tripoli con la selezione e l’amalgama di circa 500 soldati da parte di un team di esperti militari dell’Esercito Italiano che ha lavorato in piena sinergia con le autorità libiche deputate alla selezione del personale.

Con l’attività addestrativa che svolgeranno in Italia, i militari libici selezionati perfezioneranno la loro formazione a livello plotone di fanteria.

Il programma, interamente finanziato dal Governo di Tripoli, si inquadra nell’ambito della Cooperazione bilaterale tra Italia e Libia nel settore della Difesa (Esercito, Marina e Aeronautica) e nel settore dell’addestramento delle forze di polizia da parte dei carabinieri, grazie ad un accordo firmato a Roma il 28 maggio 2012 e che prevede, nel suo insieme, la formazione in Italia di più gruppi, scaglionati nel tempo, per un massimo di 2000 unità provenienti dalle tre regioni libiche: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan.

v.r.

Libia/ Tripoli. Partito l’addestramento dei militari libici con istruttori italiani


Roma, 30 ottobre 2013 – Ha avuto inizio ieri, a Tripoli, la prima fase di un importante progetto per l’addestramento a favore delle nuove forze armate e di sicurezza libiche da parte dei militari italiani.

In particolare, il programma prevede l’addestramento di base di circa 500 militari che, dopo un’iniziale fase di selezione e amalgama, verranno inviate in Italia per ricevere, per aliquote, un ulteriore addestramento di specializzazione.

L’addestramento e la selezione del personale libico è condotto, in coordinamento con le autorità locali, da un team di quindici militari dell’Esercito Italiano.   

L’attività nasce, su specifica richiesta del governo di Tripoli, nell’ambito del G8 Compact in cui è stata prevista un’ampia offerta addestrativa e formativa a favore delle reclute locali. 

Il programma, interamente finanziato dal Governo di Tripoli, si inserisce nell’ambito della Cooperazione bilaterale tra Italia e Libia nel settore della Difesa, regolata da un accordo (Memorandum of Understanding) firmato a Roma il 28 maggio 2012 e che comprenderà, nel suo insieme, l’addestramento sino ad un massimo di 2000 militari provenienti dalle tre regioni libiche: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan.

 Il personale addestratore italiano è integrato nella Missione Italiana in Libia (MIL), ufficialmente lanciata lo scorso 1 ottobre quale evoluzione dell’Operazione “Cyrene”, con lo scopo di organizzare, condurre e coordinare le attività addestrative, di assistenza e consulenza nel settore della Difesa a favore del governo libico.

Altamura/ Storia. Il 7° Reggimento Bersaglieri


Cenni storici

Stemma del 7° Reggimento Bersaglieri
Stemma del 7° Reggimento Bersaglieri

Il 7° Reggimento Bersaglieri, viene costituito in Verona il 1 gennaio 1871, in attuazione del Regio Decreto del 13 novembre 1870 che dispone la riorganizzazione del Corpo in 10 reggimenti di 4 battaglioni ciascuno su 4 compagnie. I battaglioni che concorsero alla costituzione furono l’ VIII (1850), il X (1852) ed il  XV (1859) tutti già del 2° reggimento, nonché l’XI (1859) già del 4° reggimento. In tale circostanza i battaglioni prendono rispettivamente la numerazione di I (VIII), II (X), III (XI) e IV(XV). Una successiva riorganizzazione del Corpo, attuata il 16 settembre 1883 per effetto del Regio Decreto del 29 giugno 1882, comporta la costituzione di 12 reggimenti su 3 battaglioni, ciascuno su 4 compagnie e per il 7° Reggimento la cessione al costituendo 11° Reggimento del IV (XV) battaglione.

Tre anni dopo, il 18 giugno 1886, i battaglioni riprendono la numerazione originaria VIII (I), X (II), XI (III) e, nel 1905, la 12ª Compagnia del Reggimento (12ª dell’XI btg.), viene trasformata in ciclisti. A partire dal 1° ottobre 1910, per effetto del Regio Decreto del 9 aprile 1910, che sancisce l’assegnazione ad ogni reggimento bersaglieri di un battaglione Ciclisti, costituito con la 4ª compagnia di ogni battaglione, il 7° Reggimento Bersaglieri, oltre all’VIII, X ed XI battaglione, ciascuno ordinato su 3 compagnie, dispone anche del VII battaglione Ciclisti, che verrà poi soppresso il 9 marzo 1919 a seguito di ulteriori mutamenti ordinativi.

Durante il Primo conflitto Mondiale prende il posto del 9° reggimento nella II Brigata bersaglieri assieme all’11° reggimento bersaglieri mentre il VII battaglione ciclisti opera, invece, come unità autonoma per tutta la durata del conflitto. Il 20 aprile 1920, il Corpo è ridotto a 4 reggimenti (2°, 3°, 4° e 9° rgt.) riuniti in due Brigate ed il Settimo continua a rimanere in vita con il solo VIII battaglione.

Il Regio Decreto del 7 gennaio 1923 riporta a 12 il numero dei Reggimenti bersaglieri, ciascuno  su  2  battaglioni, dei quali 6 appiedati (1°, 3°, 5°, 7°, 9° e 10°) e  6 ciclisti (II, IV, VI, VIII, XI e XII), a seguito di tale decreto il 7° Reggimento inquadra il 10° e  l’VIII battaglione.

Il 7 luglio 1924, il 7° Bersaglieri viene trasformato in motociclisti, ordinato su Comando,  X ed VIII battaglione. Il 16 aprile 1936 assume la fisionomia organica di motorizzato e nel 1939 è assegnato alla Divisione motorizzata “TRENTO”.

Dal 4 aprile 1940 gli è assegnata la struttura ordinativa che prevede Comando, VIII battaglione Ciclisti, VIII e X battaglione autotrasportato, 106ª  compagnia cannoni da 47/32 ed autoreparto e con tale ordinamento partecipa alla campagna in Africa settentrionale dove, a seguito degli eventi bellici, viene insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare. Durante tali eventi il reggimento per tre volte decimato tre volte viene ricostituito  ed il 13 maggio 1943  in Tunisia, a causa della mancanza di effettivi, viene sciolto una  prima  volta e l’8 settembre 1943, a  seguito dell’Armistizio, viene definitivamente sciolto mentre era al comando il Colonnello STRAZIOTA, barese di nascita.  Nell’ottobre del 1992 il 7° Reggimento Bersaglieri viene ricostituito in Bari, ordinato su Comando di Reggimento, Compagnia Comando e Servizi, XI battaglione bersaglieri “CAPRERA”, Reparto alla sede e Fanfara.

Il 18 aprile 1997, il 7° Reggimento Bersaglieri perde l’XI battaglione bersaglieri “CAPRERA” ed inquadra nuovamente il X Battaglione Bersaglieri “BEZZECCA”, già ricostituito nel 1975, quale battaglione custode della Bandiera del 7° Bersaglieri.

Il 19 dicembre il 7° Reggimento Bersaglieri viene trasferito nella sede di Altamura presso la Caserma “TRIZIO”.

Il reggimento, fin dalle sue origini, ha partecipato a tutte le campagne e le guerre combattute dall’Italia.

Di seguito le più importanti:

  • 1855-56 – Guerra di Crimea;
  • 1859 – Seconda guerra di Indipendenza;
  • 1860-61 – Campagna Centro/Meridionale;
  • 1863-65 – Lotta al brigantaggio
  • 1866 – Terza guerra di Indipendenza;
  • 1870 – Liberazione di Roma;
  • 1887-88 – Guerra d’Africa;
  • 1895-96 – Campagna d’Africa;
  • 1911-12 – Guerra Italo – Turca;
  • 1915 – Tripolitania;
  • 1915-18 – Prima guerra mondiale;
  • 03.11.18 – Liberazione di Trieste;
  • 1940-45 – Seconda guerra mondiale.

Nel dopoguerra il reggimento ha partecipato nel quadro del concorso fornito alle Forze di Polizia, teso al controllo del territorio, alle seguenti operazioni sul territorio nazionale:

  • Operazione “Vespri Siciliani”
  • Operazione “Riace”
  • Operazione “Salento”
  • Operazione “Partenope”
  • Operazione “S. Barnaba”
  • Operazione “Domino”

All’atto della stesura delle presenti memorie storiche il reggimento è rientrato dal Teatro Operativo Libanese dove è stato impegnato nell’Operazione “LEONTE” per il mantenimento della pace.

Il Settimo Bersaglieri in Teatro Operativo, fuori dai confini nazionali, ha partecipato alle seguenti Operazioni:

  • Operazione “JOINT GUARDIAN” (Albania) dal 08 mag. 2002 al 31 ott. 2002;
  • Operazione “ALTHEA”  (Bosnia – Herzegovina) dal 15 dic. 2005 al 20 giu. 2006;
  • Operazione “JOINT ENTERPRISE” (Kosovo) dal 29 giu. 2007 al 24 nov. 2007;
  • Operazione “LEONTE” (Libano) da ottobre 2011 ad aprile 2012.

RICONOSCIMENTI

La BANDIERA di Guerra del reggimento è insignita di:

DUE MEDAGLIE DI BRONZO

  • R. D. 12 luglio 1859 (II Guerra d’Indipendenza, S. Martino, 24 giu.1859). – Per la bella condotta tenuta durante la giornata del 24 giugno a San Martino.
  • R. D.  6 dicembre 1866 (III Guerra d’Indipendenza, Custoza, 24 giu.1866). – Per la valorosa ed intrepida condotta tenuta al fatto d’armi di Custoza.

UNA MEDAGLIA D’ARGENTO AL VALOR MILITARE

  • R. D.  5 giugno 1920 (1^ Guerra Mondiale, Flondar nov. 1916 – 1917). – “In combattimento ed in trincea fu costante esempio di valore, di tenacia, di saldezza. Con slancio irresistibile, superate le munite trincee avversarie, conquistava di primo sbalzo, le posizioni di Jamiano, dando poscia efficace contributo alla conquista della linea di Flondar. Richiamato in linea solo dopo due giorni per fronteggiare un violento attacco nemico, si gettava ancora nella lotta con audacia ed abnegazione sublimi”. Quota  144 Jamiano, Flondar, nov. 1916 – giu. 1917.

UNA CROCE DI CAVALIERE DELL’ORDINE MILITARE D’ITALIA 

  • R. D.  5 giugno 1920 (1^ Guerra Mondiale 1915 – 1918). – “Nei duri cimenti della guerra, nella tormentata trincea o nell’aspra battaglia, conobbe ogni limite di sacrificio e di ardimento; audace e tenace, domò infaticabilmente i luoghi e le fortune, consacrando con sangue fecondo la romana virtù dei figli d’Italia”.

UNA MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE

  • Decreto 7 aprile 1949 (2^ Guerra Mondiale). – “Fiero reggimento per compagine di spirito e di cuori, in venti mesi di durissima, estenuante campagna si prodigava con suprema dedizione, offrendo in ogni circostanza prove di leggendario valore.  Costantemente aggressivo nelle azioni offensive, primo tra i primi a raggiungere e mantenere gli obiettivi fissati e duramente contesi dall’agguerrito avversario, tenace nella difensiva sostanziata da arditi violenti contrattacchi, audace nel contendere lembo a lembo il terreno a potenti unità corazzate durante tormentosi ripiegamenti: teneva ovunque, e particolarmente nella crisi, in pieno onore il prestigio delle armi italiane superbo nelle epiche ed impari lotte come nel sacrificio.  Tre volte decimato, tre volte ricostituito, fu sempre pari alle sue gloriose tradizioni”. Africa Settentrionale aprile 1941 – maggio 1943.

UNA Medaglia di Bronzo al Valor Militare

Non compare sull’attuale Bandiera di Guerra del reggimento, la Medaglia di Bronzo al Valor Militare concessa al VII btg. b. Ciclisti (è stata formulata allo Stato Maggiore dell’Esercito la richiesta di autorizzazione a riapporre, allorché riconosciuta, la medaglia sulla Bandiera di Guerra del 7° reggimento Bersaglieri)

  • R.D. 5 giu. 1920 (1^ Guerra Mondiale). – “Già ricco di onor militare per la condotta tenuta nei giorni in cui Treviso e Venezia furono salvate dal più puro ed ostinato eroismo (giugno 1918), nell’ora della riscossa (26 ottobre 1918) balzò fremente al di là del Piave e si slanciò, con magnifico impeto, contro le formidabili posizioni avversarie, ampliando con successivi attacchi e con ardita manovra, la testa di ponte inizialmente aperta all’avanguardia della Divisione. Di fronte a fieri e reiterati contrattacchi nemici, resi ancor più gravi dall’isolamento oltre il fiume, resistette con eroica fermezza e generoso tributo di sangue. Ripresa l’avanzata in seguito al passaggio dei Corpi laterali, si slanciò su nuovi obiettivi, sviluppando con luminoso ardimento ulteriori e definitive manovre su Vittorio Veneto”.  Piave, giugno – ottobre 1918.