Archivi tag: brigata alpina taurinense

Afghanistan/ Herat. I medici miltari italiani soccorrono un bambino afgano gravemente ferito


Si chiama Amid il bambino afgano di 4 anni gravemente ustionato che è stato soccorso dai medici del contingente italiano dell’Ospedale Militare (Role 2) della base di Herat, sede del Comando del Train Advise Assist Command West su base Brigata alpina “Taurinense”.

Giorni fa, dopo un lungo ed insidioso viaggio a bordo di una motocicletta, il padre di Amid è riuscito ad arrivare alla base di Herat chiedendo il supporto ai militari italiani che aveva avuto modo di conoscere in occasione delle attività a favore della popolazione che il contingente svolge quotidianamente presso i villaggi afgani.

Accolto immediatamente dal personale sanitario italiano e allertata l’equipe chirurgica del Role 2 – attiva 24 ore su 24 per fronteggiare ogni tipo di emergenza – Amid, il cui 20% del corpo era ricoperto di ustioni di secondo e terzo grado causate da olio bollente, è stato sottoposto ad un primo intervento volto a limitare i danni, a disinfettare e a rimuovere chirurgicamente i tessuti necrotici dalle profonde ustioni del bimbo. Dopo le prime medicazioni, scongiurato il pericolo di peggioramento delle condizioni di Amid, a seguito di una breve degenza presso l’ospedale pediatrico civile di Herat, il Colonnello Emanuele Cotugno, Direttore Sanitario dell’Ospedale, consultandosi in telemedicina con i colleghi del Policlinico Militare dell’Esercito di Roma, ha condotto con il suo staff la seconda operazione chirurgica di pulizia e di ripristino della funzionalità degli arti coinvolti.

Ringrazio con tutto il mio cuore i soldati e i medici italiani che hanno curato mio figlio – ha dichiarato il padre di Amid – alleviando le sue sofferenze e restituendogli, anche una speranza per un futuro. Sono venuto direttamente qui alla vostra base ricordandomi di quando, alcuni anni fa, gli italiani con una pattuglia vennero a fare visite mediche nel mio villaggio, visitando anche il mio figlio maggiore”.

L’Ospedale Militare (Role 2) della base di Herat attualmente inserito nella Task Force Arena – su base 2° Reggimento alpini di Cuneo – vanta equipe altamente specialistiche provenienti dal Policlinico Militare dell’Esercito e svolge attività sanitarie non solo a favore dei contingenti NATO, ma occasionalmente, qualora i pochi presidi sanitari presenti nell’area di Herat non siano in grado di poter intervenire, anche verso la popolazione afgana.

Curriculum Vitae/ Il Generale di Brigata Luca Covelli


Nato a Sondrio nel 1963, Dopo il conseguimento del Diploma di Maturità Classica ha frequentato I’Accademia Militare di Modena e la Scuola d’Applicazione di Torino.

Ufficiale degli Alpini, dal 1987 al 1994 ha assolto gli incarichi di Comandante di Plotone e di Comandante di Compagnia presso la Brigata Alpina Orobica prima e la Brigata Alpina Julia poi, partecipando all’Operazione delle Nazioni Unite in Mozambico.

Dopo aver frequentato il Corso di Stato Maggiore a Civitavecchia, ha partecipato due volte (1996 e 1997) all’Operazione NATO in Bosnia Herzegovina. Al termine della frequenza dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze a Roma, e stato assegnato al NATO Joint Command South in Verona.

Nel 2001 ha assunto il comando del Battaglione Alpini “Susa” della Brigata Alpina Taurinense, partecipando all’annuale esercitazione della Forza Mobile della NATO in Norvegia e successivamente all’Operazione ISAF in Kabul (2002).

Dal 2003 al 2006 è stato addetto aggiunto per l’Esercito presso l’Ambasciata d’Italia al Cairo, Al rientro in Italia è stato inviato in Libano presso il Comando UNIFIL con l’incarico di Capo Sala Operativa Interforze Congiunta.

Nel 2007, al rientro dal Libano, ha assunto il comando dell’8° Reggimento Alpini a Cividale del Friuli. L’anno successivo si e schierato con il reggimento ad Herat, Afghanistan, assumendo la responsabilità  del Provincial Reconstruction Team (PRT).

Dal 2009 al 2012 ha assolto l’incarico di Capo Ufficio Pianificazione Generate e Finanziaria presso il Comando delta Forze Operative Terrestri in Verona. Nel 2012 è stato trascritto presso il NATO Rapid Deployable Corps Italy in Solbiate Olona in qualità di Sottocapo di Stato Maggiore Operativo.

Dal gennaio 2013 è impiegato in Afghanistan con l’incarico di Director Current Operations presso ISAF Joint Command (IJC) in Kabul.

In questo particolare incarico, coordina varie entità del Comando di UC, in particolare alle sue dipendenze troviamo il CJOC (Combined Joint Operation Center), una moderna sala operativa dove affluiscono le informazioni su tutte le operazioni in corso in Afghanistan.

Coordina inoltre una sezione di Pianificazione Corrente, che trasforma i piani preparati da altri Uffici del Comando in compiti per i Comandi Regionali.

Da lui dipende anche l’Ufficio addestramento di UC, il cui focus principale é I’organizzazione e condotta dell’addestramento al personale neo assegnato in UC, nonché il coordinamento ed il supporto per le esercitazioni condotte dalla NATO in favore dei vari Comandi che si alternano in Teatro Operativo.

Curriculum Vitae/ Il Generale Corpo d’Armata Giorgio Battisti


STAI PENSANDO CHE SAREBBE OREA DI SMETTERE DI FUMARE? 

Nocotina è la soluzione ideale per tutti coloro che desiderano smettere di fumare ma non sanno come riuscirci. Ha un effetto immediato garantito, è naturale al 100%, non contiene nicotina, allergeni o altre sostanze chimiche e non crea assuefazione.

INCI: Acqua; Vitamina C 1%; Zenzero (Zingiber officinalis), rhizoma 1%; Guaranà (Paullinia cupana), semen 1%; Alcol; Mentolo 1%; Sodio benzoato; Potassio sorbato.

MODALITA’ D’UTILIZZO: Agitare prima dell’uso. Erogare una spruzzata di prodotto ogni qualvolta si avverte il desiderio di fumare. +INFO


Il Generale di Corpo d'Armata Giorgio Battisti.
Il Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti.

II Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti è nato a Mantova l’11 ottobre 1953

Ha frequentato il 154° corso dell’Accademia Militare di Modena (1972-74) e la Scuola di Applicazione di Torino (1974-76).

Promosso Tenente di artiglieria da montagna, ha ricoperto incarico di sottocomandante della 40a batteria del gruppo “Pinerolo” della Brigata “Taurinense”. Con il grado di Capitano ha comandato dal 1980 al 1982 la 29a batteria del gruppo “Asiago” della Brigata “Tridentina” e dal 1982 al 1987 la 40a batteria del gruppo “Pinerolo” Con la 40a batteria, unite inserita nel gruppo tattico “Susa” per le esigenze dell’AMF(L), ha preso parte a 21 esercitazioni Internazionali in ambito NATO.

[LIBRI/ La guerra in Afganistan, di Cowper Marcus]

Nel periodo 1993-94, con il grado di Tenente Colonnello, ha comandato il gruppo “Conegliano” della Brigata “Julia”. Promosso al grado di Colonnello nel dicembre 1996, dal Settembre 1997 all’Ottobre 1999 ha comandato il Reggimento allievi dell’Accademia Militare dl Modena.

Ha ricoperto diversi incarichi allo SM dell’Esercito tra cui Ufficiale Addetto all’Ufficio per l’informatica (1988-90), Capo Sezione di SM dell’Ufficio del Sottocapo di SME (1991-93), Capo Sala Operativa dell’Ufficio Operazioni (1994-97) e Capo Ufficio Piani e Situazione (1999-2001).

Ha frequentato i corsi previsti per la specialità alpina, il 112° corso di SM ed il 112° corso Superiore di SM. Conoscitore della lingua inglese e della lingua francese. Laureato è in possesso del Master di II livello in Scienze Strategiche.

Ha parteciNocotinapato alle operazioni in Somalia (1993) ed in Bosnia (1997). Dal 28 dicembre 2001 al 9 maggio 2002 e stato il primo Comandante del Contingente Italiano della missione ISAF in Kabul (Afghanistan).

Promosso Generale di Brigata il 25 marzo 2002. ha ricoperto I’incarico di Vice Comandante della Brigata “Taurinense” dal 18 giugno 2002, per assumerne il comando il 26 ottobre 2002.

Dal 13 febbraio al 16 giugno 2003 e stato il primo Comandante del Contingente Italiano in Afghanistan, sia per la missione Nibbio 1 (nell’ambito dell’Operazione “Enduring Freedom”) sia per la missione ISAF.

II 31 ottobre 2003 ha ceduto il comando della Brigata “Taurinense” per ricoprire prima I’incarico di Vice Capo Reparto Affari Generali sino al 20 gennaio 2005 e, successivamente, dl Capo Reparto Affari Generali e Portavoce dello Stato Maggiore dell’Esercito.

Promosso Generale di Divisione il 28 febbraio 2006, il 5 luglio 2007 ha ceduto I’incarico di Capo Reparto Affari Generali per ricoprire quello di IT-SNR (Italian Senior Rappresentative) e Deputy Chief of Staff Support di HQ ISAF X in Afghanistan sino al 12 dicembre 2007.

Dal 31 maggio 2008 al 24 giugno 2011 ha ricoperto I’incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando delle Forze Operative Terrestri in Verona I’11° gennaio 2011 e stato promosso Generale di Corpo d’Armata.

II 30 giugno 2011 ha assunto I’incarico di Comandante del Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia.

Sposato con la Signora Simonetta e padre di quattro figli Alessio, Umberto, Filippo e Cecilia. Quando non e impegnato per servizio, il Generale Battisti trascorre il suo tempo con la famiglia, pratica regolarmente attività fisica a livello amatoriale e vive con sofferenza ed entusiasmo i risultati dell’lnter.

ONORIFICENZE:

  • 2 Ordini Militari d’Italia Croce di Cavaliere per la Missione ISAF (2002) e Croce di Ufficiale per I’Operazione ‘Enduring Freedom’ (2003) in Afghanistan
  • Commendatore al Mento della Repubblica Italiana
  • Medaglia Mauriziana al mento di dieci lustri di camera militare
  • “Officier de I’Ordre National du Mérite” della Repubblica Francese per la Missione ISAF in Afghanistan (2002)
  • “Bronze Star Medal” statunitense per I’Operazione Enduring Freedom’ in Afghanistan (2003)
  • Croce Commemorativa Nazionale per le operazioni in Afghanistan
  • Medaglia ONU e Croce Commemorativa Italiana per lOperazione UNOSOM in Somalia
  • Croce d’Argento di lungo Comando
  • Croce d’Oro per anzianità di servizio
  • Croce di Ufficiale con Spade dell’Ordine al Merito Melitense
  • Medaglia d’Argento al mento della Croce Rossa Italiana
  • Onorificenza Statunitense dell’Ordine di San Maurizio (2007)
  • Medaglia NATO per l Operazione ISAF (2007)
  • Distintivos de Operaciones de Mantenimiento de Paz spagnolo per I Op ISAF (2007)
  • Medaglia Commemorativa Polacca per te Operazioni in Afghanistan (2007)
  • Medaglia Commemorativa Francese per le Operazioni in Afghanistan (2007)

 

Torino/ Il Comandante delle Forze Operative Terrestri in visita al ‘Nizza Cavalleria’


Torino, 27 giugno 2013 – Si è conclusa oggi pomeriggio la visita del Comandante delle Forze Operative Terrestri, Generale di Corpo d’Armata Roberto Bernardini al reggimento ‘Nizza Cavalleria’.

Accolto nella caserma ‘Litta Modignani’ dal Comandante della Brigata Alpina ‘Taurinense’, Generale di Brigata Dario Ranieri, e dal Comandante del ‘Nizza’, Colonnello Massimiliano Bianchi,  il Generale Bernardini ha dapprima visitato l’infrastruttura per poi incontrare, nel piazzale della caserma, il personale del reggimento, nell’imminenza del trasferimento a Bellinzago Novarese, prevista per il prossimo 30 luglio.

A margine della visita, il Generale Bernardini ha visitato il Centro Ippico Militare ‘Caprilli’ ed il Museo Nazionale di Cavalleria confermati nella sede di Pinerolo anche dopo il trasferimento del reggimento.

Torino/ ll Comandante delle Forze Operative Terrestri in visita alla “Taurinense”


Torino, 5 giugno 2013 – Il Comandante delle Forze Operative Terrestri, Generale di Corpo d’Armata Roberto Bernardini, ha reso visita alla Brigata Alpina Taurinense.

L’Alto Ufficiale è giunto ieri alla caserma ‘Monte Grappa’, sede del Comando Brigata,  dove è stato accolto dal Generale Dario Ranieri, Comandante della Taurinense.

Il Comandante delle Forze Operative Terrestri, dopo essere stato aggiornato sulle attività operative e le tematiche logistiche ed infrastrutturali dell’Unità, ha incontrato il personale del Comando Brigata e del Reparto Comando e Supporti Tattici, esprimendo loro l’apprezzamento per l’opera svolta dai militari della Taurinense in Italia e all’estero, esortandoli a proseguire nel loro quotidiano impegno. La Brigata, recentemente rientrata dall’Afghanistan dopo un intenso semestre di missione, è attualmente impegnata al fianco delle forze dell’ordine nell’operazione Strade Sicure, oltre a garantire la bonifica del territorio dai residuati bellici in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e a contribuire alla sicurezza in montagna.

Nel corso della visita, conclusasi con la firma dell’Albo d’Onore, il Generale Bernardini si è intrattenuto con una rappresentanza del personale per conoscere ed approfondire le problematiche e le esigenze dei militari della Brigata.