Archivi tag: dell

Pirati/ Marò arrestati in India. Le Associazioni d’Arma si muovono compatte per la solidarietà ai due militari pugliesi.


Programma evento

Le Associazioni:

  • Assoarma;
  • Apulia ONLUS;
  • Bersaglieri;
  • Ex allievi Scuola Militare Nunziatella;
  • Fanti;
  • Marinai;
  • Paracadutisti;
  • Ufficiali provenienti dal servizio attivo;
  • UNUCI;

promuovono una “manifestazione di solidarietà” a favore dei due Marò trattenuti in India: Massimiliano
Latorre e Salvatore Girone.

La manifestazione ha lo scopo di mobilitare l’opinione pubblica al fine di sensibilizzare le autorità locali e
nazionali a mantenere alta l’attenzione e la pressione diplomatica per esperire tutti i tentavi utili per
riportarli a casa.

Le associazioni invitano i Presidenti della Regione Puglia e della Provincia di Bari, il Sindaco di Bari, le
autorità civili, militari e religiose e tutti i cittadini vicini al personale del comparto difesa e sicurezza a
prendere parte all’iniziativa di solidarietà che si svolgerà venerdì 16 marzo alle ore 17, pressi Ufficio
Territoriale di Governo e a seguire presso la Sala Consiliare del Comune Bari in Corso Vittorio Emanuele.
La scelta del luogo, dal forte valore simbolico per la duplice presenza dell’Istituzione che rappresenta il
Governo e quella che rappresenta più da vicino i cittadini, ha come obiettivo quello di raccogliere
idealmente sia le istituzioni sia la cittadinanza attiva in un unico abbraccio ai sui figli che servono la Patria in
armi.

Programma dell’evento:

  • Ore 17: 00 – riunione dei partecipanti in via Villari, nei pressi Ass. Bersaglieri/UNUCI;
  • afflusso in Piazza della Libertà, Palazzo del Governo;
  • Ore 17: 15 – ingresso in aula consiliare del Comune;
  • briefing sulla situazione dei nostri due connazionali;
  • eventuale conferenza stampa.

E’ gradita la partecipazione alla manifestazione di cittadini con la Bandiera Tricolore e/o con coccarda,
sciarpa gialla in sintonia con l’iniziativa promossa da Stato Maggiore Marina.


L’email promossa dalla Marina Militare

Firmato:

  • il Pres. di Assoarma Bari Gen. Felice MARCHESE;
  • il Pres. dell’ Associazione Apulia ONLUS dott. Leonardo D’ELIA,
  • il Pres. dell’ Associazione Ex allievi Scuola Militare Nunziatella regione Puglia Prof. Raffaele COPPOLA;
  • il Pres. dell’ Associazione Nazionale Bersaglieri Bari dott. Giorgio RICCIO;
  • il Pres. dell’ Associazione Nazionale del Fante Bari Avv. Vito TITANO;
  • il Pres. dell’ Associazione Nazionale Marinai d’Italia dott. Pasquale TRIZIO;
  • il Pres. dell’ Associazione Nazionale Paracadutisti Bari dott. Annibale MICHELETTI;
  • il Pres. dell’ Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia Gen. Amato MANSI;
  • il Pres. dell’ Associazione Nazionale Ufficiali Provenienti dal Servizio Attivo, Bari Gen. Michele GENCHI

Kosovo/ Nord. I Serbi si oppongono all’espansione dei kosovari.


Caricato da  in data 10/mar/2012 – Në veriun e Kosovës, përfaqësuesit e serbëve kërkojnë që Beogradi të organizojë zgjedhjet edhe në atë zonë, si kusht për mbijetesën e institucioneve serbe. Ata nuk i njohin dhe nuk i pranojnë institucionet e Kosovës, ndërsa që nga korriku i vitit të kaluar vazhdojnë të mbajnë të bllokuara rrugët e zonës për të penguar shtrirjen e autoritetit të Prishtinës.

Caricato da  in data 10/mar/2012 – Nel nord del Kosovo, i rappresentanti serbi vogliono Belgrado per organizzare le elezioni nella zona, come condizione per la sopravvivenza delle istituzioni serbe. Non sanno e non riconoscono le istituzioni del Kosovo, e dal luglio dello scorso anno continuano a tenere le strade dell’area bloccata per impedire l’estensione della autorità di Pristina.

Libano/ Donato un edificio polifunzionale all’orfanotrofio femminile di Tibnin


Questo slideshow richiede JavaScript.

27 febbraio 2012, Tibnin (Libano del sud) – Oggi, presso la municipalità di Tibnin, nel settore di responsabilità a guida italiana, è stato inaugurato e donato al locale orfanotrofio femminile un edificio polifunzionale.

Il contingente italiano, nell’ambito delle attività di cooperazione civile e militare rivolte al conseguimento degli obiettivi fissati dalla Risoluzione 1701, continua nella sua opera per il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione civile nel sud del Libano.

Il progetto ha visto la realizzazione dell’edificio completo di impiantistica e servizi. La struttura potrà essere adibita a vari utilizzi. Il momento più intenso della cerimonia di inaugurazione  è stato quando la ragazze, ospiti della struttura, hanno intonato a l’Inno di Mameli.

All’evento ha partecipato il Comandante del Settore Ovest di UNIFIL, Generale di Brigata Carlo Lamanna, il vice Sindaco Mr. Mohammed Fawaz, il Direttore dell’orfanotrofio Mr. Medral Al Habbal (Mufty sunnita di Tiro); il vice Direttore dell’orfanotrofio Mr. Ghassan Mutlak (Sindaco di Yarin), l’Imam di Al Boustan, l’Imam di Yarin e l’Imam di Marwahin oltre ad una numerosa rappresentanza di militari appartenenti alla forza di UNIFIL.

Le autorità locali hanno evidenziato come la grande partecipazione dei vertici civili sia il chiaro sintomo dell’attaccamento al contingente italiano.

Il Generale Lamanna ha ringraziato tutte le Autorità civili, religiose e militari presenti sul luogo della cerimonia per le costanti manifestazioni di vicinanza al contingente italiano che continuerà a svolgere con il massimo impegno la missione di stabilità e sicurezza nel contesto del contingente UNIFIL al Comando del  Generale di Divisione Paolo Serra e a sostenere tutti i progetti rivolti allo sviluppo del Libano del Sud.

Fotne: Joint Task Force Lebanon, Sector West HQ – COMUNICATO STAMPA 04/12

Per la foto si ringrazia il sito dell'UNICEF

Kosovo/ Hoxhaj visita ufficiale in Germania


Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica del Kosovo, Enver Hoxhaj, si recherà Domenica per una visita ufficiale in Germania, su invito del Ministro degli Esteri Tedesco, Guido Westerwelle.

Pristina, 15 gennaio 2012 – Lunedì, il Ministro Hoxhaj incontrerà con il Ministro Westerwelle, e dalla diramata dal Governo del Kosovo sembra che gli argomenti su cui si concentrerà l’attenzione sia prorpio sugli sviluppi internazionali del Kosovo, quindi l’approfondimento della cooperazione tra due paesi, ed altri altri processi importanti. Ma l’argomento che aprirà i lavori e con particolare attenzione sarà il processo di integrazione del Kosovo nell’Unione europea.

Il Ministro Hoxhaj terrà incontri anche con altri alti dirigenti dello stato tedesco e con le molte personalità che hanno contribuito e continuano a dare un importante contributo a far avanzare il processo di integrazione del Kosovo.

Durante l’incontro, il Ministro Hoxhaj richiederà la continuazione del sostegno complessivo della Germania per la Repubblica del Kosovo.

Inoltre, il Ministro Hoxhaj, esprimerà l’impegno delle istituzioni del Kosovo per approfondire ulteriormente la cooperazione bilaterale con la Repubblica federale di Germania, come uno dei principali partner strategico dello stato del Kosovo.

Ministro degli Esteri del Kosovo, Enver Hoxhaj, presenterà la Repubblica del Kosovo in altre attività politiche e alto livello accademico, che sarà discussa per i processi di integrazione regionale nei meccanismi di dell’Europa.

 

Fonte: Repubblica del Kosovo

Serbia/ La Danimarca preme per il suo ingresso nell’Unione Europea


Villy Søvndal, ministro degli Esteri danese

[ DirettaNews ] – SERBIA IN UE – La Danimarca, presidente di turno dell’Unione Europea, si attiva a favore dell’ingresso della Serbia nella Ue. “Noi sosteniamo fortemente l’allargamento dell’Unione Europea ai paesi Balcani“, ha dichiarato il Ministro degli Esteri danese Villy Søvndal. “Dobbiamo premere su Belgrado perché migliori le sue relazioni con il Kosovo e garantisca la sicurezza ai suoi confini – ha aggiunto il ministro -, ma dobbiamo riconoscere che la Serbia ha fatto molto”.

La Danimarca è dunque intenzionata a concedere alla Serbia lo status di Paese candidato ad entrare nell’Unione Europea. La decisione in merito dovrebbe essere presa il prossimo febbraio dai Ministri degli Esteri europei e in seguito dai Capi di Stato e di Governo dell’Unione, ma potrebbe essere bloccata dal veto della Germania, che già al Consiglio europeo del 9 dicembre scorso aveva espresso parere negativo. Perché la Serbia ottenga lo status di Paese candidato è necessario l’accordo unanime dei 27 Paesi dell’Unione.