Archivi tag: conferenza

Trapani/ Orientamento. Il 6° Reggimento Bersaglieri incontra gli studenti delle scuole provinciali


Trapani  4 dicembre  2012:  Prende il via, oggi, presso le scuole della provincia di Trapani, il ciclo di conferenze di orientamento e formazione promosso dall’Esercito Italiano.

Le conferenze, che avranno per oggetto informazioni sull’arruolamento e sbocchi professionali, saranno destinate ai giovani studenti che, al termine degli studi, vorranno orientare il proprio futuro verso la Forza Armata.

Le lezioni, tenute da personale qualificato del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, interesseranno gli istituti superiori che hanno aderito al programma del tour promozionale, il quale, si articolerà su tutto l’arco temporale dell’anno scolastico 2012/13.

Bari/ Unuci. Conferenza: “I Beni Patrimoniali della nostra Città. Cura e valorizzazione”.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Si è tenuto stasera, Martedì 24 gennaio, ore 18.30 a Bari, presso il nel Salone del Circolo Unificato di Presidio di Via Villari, la Conferenza su “I Beni Patrimoniali della nostra Città. Cura e valorizzazione”, cui relatore è il Cav. Uff. Munafò dott. Letterio, Vice presidente Nazionale e Presidente Sezione Bari-Puglia della SIPBC (Società per la Protezione dei Beni Culturali).

Si tratta di un appuntamento Unuci, prima tappa del programma sociale 2012, la consuetudine apre anche il tesseramento 2012. “Quest’anno – ha detto il Gen. Amato Mansi, Presidente UNUCIcominciamo dedicando l’incontro alla cultura ed alla conoscenza del nostro territorio, esigenza ormai imprescindibile”.

Relazionerà il Dott. Letterio Munafò, – ha aggiunto il Gen. Mansinoto a noi dell’Unuci sia perchè egli stesso socio e componente del Consiglio di sezione, sia per la sua passione verso tutto ciò che è bene di tutti, come i beni patrimoniali, sia, e soprattutto perchè ha già tenuto in passato, e con successo, altre conferenze su temi diversi“.

Infine ha detto: “La sua esperienza ed il suo impegno ne fanno un referente importantissimo per la nostra città. Vi invito a partecipare senza alcun dubbio“.

“Lo stato dei beni della nostra città non è affatto rassicurante – ha detto il Gen. Letterio Munafò da Villa Giustiniani (ruderi in bella Mostra su Via Omodeo ang. Via Fanelli, con un ipogeo affrescato e che ha diramazioni sotterranee non esplorate compiutamente)  a Piazza S.Pietro (nei pressi di S.Scolastica  in
Bari vecchia), passando per le oltre 100 masserie di proprietà del Comune, e finendo al Sacrario Militare e ai “famosi” beni Archeologici (accatastati in pessimo modo in alcuni depositi) non se ne può parlare se non con grande angoscia e rassegnazione. Proprio così. Non c’è Ente che non sia compromesso con la cattiva gestione di simili ricchezze. E si badi: si va dal Comune alla Provincia agli enti militari;nessuno può tirarsi fuori.In particolare il Sacrario avrebbe bisogno di cure d’ogni genere. Per importanza è secondo solo a Redipuglia; ma il paragone con questo è improponibile”.

Al termine della conferenza i soci sono poi intrattenuti per un momento conviviale a tavola, sempre nell’ambito del circolo.

Si coglie infine l’occasione, per informare i soci Unuci di Bari per la Puglia e Basilicata, che non fossero stati presenti che sarà comunque possibile versare in sede la quota associativa, prendendo accordi con la Segreteria.

Antonio Conte

Kosovo/ Caritas Umbra. Una speranza per i bambini


AD EXPO REGALO 2011 DI “UMBRIAFIERE” IN BASTIA UMBRA ACQUISTANDO UN REGALO ALLO STAND DELLA CARITAS POSSIAMO DARE UNA SPERANZA A MOLTI BAMBINI IN KOSOVO DONANDO LORO UNA NUOVA CASA
Da alcuni anni la nota manifestazione di Expo Regalo di “UmbriaFiere” in Bastia Umbra (Pg) ospita uno stand delle Caritas diocesane di Assisi e di Gubbio per promuovere le loro iniziative umanitarie volte a contenere le varie forme di povertà in Italia e all’estero. Ad Expo Regalo 2011, che si terrà dal 3 all’11 dicembre, le due Caritas diocesane, in collaborazione con il Centro di Volontariato Sociale di Gualdo Tadino, hanno pensato di offrire anche quest’anno un modo diverso di fare un regalo. Mettendo a frutto l’abilità di molte donne nel realizzare lavori artigianali di cucito, ricamo e decoupage, hanno raccolto i loro lavori, realizzati gratuitamente, per esporli ad “UmbriaFiere”. Il ricavato della vendita di questi lavori andrà a finanziare la costruzione in corso d’opera della nuova struttura di accoglienza del Campo-Missione della Caritas Umbria in Kosovo, dove vengono accolti attualmente 35 bambini e ragazzi e sostiene con un aiuto mensile oltre 100 famiglie, che vivono prevalentemente nei territori dei comuni di Klina, Istog e Peja.«La presenza della Caritas Umbria in Kosovo – commenta padre Vittorio Viola, direttore della Caritas diocesana di Assisi – è ormai una esperienza consolidata: dal giugno 1999, all’indomani della fine della guerra e del rientro dei profughi, il Campo Caritas, nel villaggio di Radulloc, comune di Klina, offre la sua accoglienza. Da subito è diventato un punto di riferimento per la gente di tutte le etnie (albanesi, serbi, rom, montenegrini). Esso opera su vari fronti: la costruzione delle case dei poveri, il sostegno alle famiglie più bisognose e l’emergenza sanitaria. Tutto questo in collaborazione con le istituzioni locali, il contingente militare italiano di pace e la nostra rappresentanza diplomatica. Gli interventi non sono calati dall’alto; nascono dall’ascolto delle persone, cercando di condividere con loro le sofferenze e i problemi».«Dal 2002 alcune Caritas diocesane umbre – prosegue padre Viola – hanno avviato un progetto di adozioni a distanza dei bambini ospitati nel Campo di Radulloc e di quelli che vivono nelle famiglie più povere. Le adozioni hanno coinvolto fino ad oggi 180 bambini appartenenti a 85 famiglie. Con il passare degli anni gli spazi si sono rivelati insufficienti a rispondere alle sempre crescenti richieste di accoglienza. Quattro anni fa alcuni tecnici legati al Campo si sono resi disponibili per realizzare gratuitamente il progetto di una nuova casa più ampia e funzionale: la sua costruzione sta procedendo con buoni risultati, ma occorre ancora la collaborazione di tutti».«Lo scorso anno – conclude il direttore della Caritas di Assisi – abbiamo raccolto la somma di circa 12.000 euro per la realizzazione di un pozzo per il rifornimento d’acqua della nuova casa in costruzione. Quest’anno il ricavato sarà devoluto per la realizzazione di spazi polivalenti attrezzati (computer, fotocopiatrice, laboratorio musicale e di manualità varia, biblioteca, sala ricreativa con videoproiettore). Acquistando un regalo allo stand della Caritas ad Expo Regalo 2011 possiamo dare una speranza a molti bambini».
Allegato: MANIFESTO

Fonte: Conferenza Episcopale Umbra

Afghanistan/ Conferenza Bonn (4-5 dicembre). Dalla transizione alla trasformazione


02 Dicembre 2011 – Sottoscrivere un “reciproco e credibile impegno” tra comunità internazionale e autorità di Kabul per consolidare il processo democratico in Afghanistan anche dopo il 2014. E’ questo l’obiettivo della Conferenza internazionale in programma il 4 e 5 dicembre a Bonn, dal titolo “Dalla transizione alla trasformazione”, a cui parteciperà anche il Ministro Giulio Terzi. Lo ha spiegato il portavoce della Farnesina Maurizio Massari nel consueto briefing con la stampa.

Ai lavori parteciperanno centotre delegazioni, tra cui ottantasei Stati e diciassette organizzazioni internazionali. La conferenza sarà presieduta da Karzai per sottolineare “l’assunzione di responsabilità” da parte delle autorità afghane.

Nel 2014 sarà completato il disimpegno militare della comunità internazionale, a cui seguirà però un “impegno di lungo periodo sul fronte civile, politico ed economico”, mentre le autorità afghane si dovranno assumere “responsabilità crescenti nell’attuazione delle riforme” come quella della governance, del rafforzamento democratico, del rispetto dei diritti umani, ha detto Massari.

Da parte italiana si lavora a finalizzare un memorandum of under standing per avviare con l’Afghanistan un “partenariato di lungo periodo”. “Non ce ne andremo dopo il ritiro dei militari, ma resterà un forte impegno nell’institution building e nel sostegno allo sviluppo economico”, ha assicurato il portavoce della Farnesina, ricordando tra le altre cose l’impegno della Cooperazione Italiana dal 2001 ad oggi, con 570 milioni di euro stanziati per gli aiuti e transitati verso il budget afghano, “onorando così il principio dell’ownership”.

Tra i temi in agenda anche quello della transizione, al termine della quale tutto il territorio afghano sarà sotto il controllo delle forze di sicurezza nazionali. Il 27 novembre il Presidente Karzai ha avviato la seconda fase del passaggio di consegne. Dopo le sette città e province da cui l’Isaf si è ritirata in luglio, questa nuova fase comprende sei province e sette città afghane, oltre a decine di distretti – molti dei quali a Herat, sotto il comando italiano – sparsi in tutto il Paese. Al termine di questa fase, la transizione riguarderà il 50% della popolazione afghana.

L’Afghanistan sarà al centro anche della Ministeriale NATO in programma il 7 e l’8 dicembre a Bruxelles, in cui sarà fatto il punto sulla missione e si rifletterà sulla rimodulazione del ruolo dell’Alleanza dopo il 2014.

Multimedia: Conferenza Stampa – VIDEO – Briefing stampa con il portavoce Maurizio Massari:l’agenda del Ministro Terzi: la Conferenza Internazionale sull’Afghanistan a Bonn, il Consiglio Ministeriale OSCE a Vilnius e la Riunione Ministeriale NATO a Bruxelles – Approfondimenti
Fonte: Esteri

Conferenza Stampa del Ministro della Difesa – Festa del 2 Giugno 2011


Il Ministro della Difesa, Avv. Ignazio La Russa  nella Conferenza Stampa sulle Celebrazioni del 2 Giugno 2011, in occasione del 150° Anniversario dell’Unità di’Italia. Si sofferma anche per brevi informazioni sull’iniziativa “Vivi le Forze Armate” dedicata ai giovani che vogliono fermarsi per un periodo breve di tre settimane con le Forze Armate Italiane. Infine rilascia alcune brevissime dichiarazioni sulle condizioni di salute del militare ferito in Afghanistan.

Antonio Conte