Archivi tag: frecce tricolori

Rivolto/ Frecce Tricolori. Un anniversario da ricordare: 55 anni con la Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN55)


Rivolto (UD) – Spenti i riflettori sul 55° Anniversario delle Frecce Tricolori, l’evento aeronautico dell’anno, con una presenza sbalorditiva di ben 11 Pattuglie Acrobatiche partecipanti, quasi cento velivoli internazionali, per festeggiare un Compleanno importante di un Gruppo di volo che ha fatto la storia nei cieli del mondo.

Grande onore per la partecipazione di Austria, Belgio, Francia, Finlandia, Turchia, Giordania, Olanda, Polonia, Arabia Saudita, Spagna, Svizzera, pattuglie e aerei schierati per l’occasione sull’Aeroporto “Mario Visintini” di Rivolto di Udine, per farci vivere un Evento di straordinarietà senza confronti, uomini e mezzi a simboleggiare un patto di passioni ed amicizia inscindibile.

Per documentare e raccontare un avvenimento dell’aria così importante, il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico “Frecce Tricolori”, in questa ricorrenza, per la prima volta, ha aperto i cancelli della Base Aerea agli Spotter, veri appassionati di fotografie aeree, che analizzano, registrano, archiviano un avvenimento e ne fanno un documento storico di risonanza mondiale.

Accreditarsi per essere ammessi nell’area della manifestazione non è stata una cosa semplice, le richieste giunte sono arrivate da ogni parte d’Europa, il Sito Web dell’Aeronautica Militare ha fatto un gran lavoro di scrematura, chiudendo la partecipazione a oltre 400 Spotter.

Il 4 settembre è l’alba di un nuovo giorno, all’ingresso della Base siamo in tanti, è stato predisposto un servizio di riconoscimento per la consegna del Pass Ingresso e ricevere le prime istruzioni sulle modalità di comportamento.

Subito colpisce l’efficienza e l’organizzazione di questi uomini e donne in divisa, ancor prima di varcare la soglia dell’Aeroporto.

Dopo aver parcheggiato i mezzi personali in aree predisposte, ci mettiamo in coda per essere passati al Metal-Detector, zaini e oggetti vari sotto esame per essere certi di assicurare la massima sicurezza e il regolare svolgimento della giornata a noi dedicata.

Nell’aria la sensazione che vivremo tutti una giornata straordinaria, di pura passione per il volo e la fotografia aerea; il personale dell’Aeronautica Militare è impeccabile, nella forma e nella preparazione didattica. Dalle prime istruzioni ricevute dagli Ufficiali addetti all’accoglienza, si percepisce la pregevole preparazione e la loro assunzione di responsabilità nei nostri confronti, per  farci vivere un avvenimento storico e indimenticabile.

Dopo un breve tragitto con le navette predisposte, si giunge in area di operazioni, un Briefing illustrativo, presa di responsabilità e conoscenza di questi uomini e donne delle Frecce Tricolori.

Una Tribuna allestita solo per noi, dove poter essere in prima linea per fotografare, riprendere e descrivere le magnificenze di questi uomini dell’aria. Alle 10:00 esatte, come da programma, la testata della pista 6, di questa Base aerea, si anima e la giornata può avere inizio.

Aerei, elicotteri, biplani, paramotori, decollano e atterrano senza sosta, mentre le navette, sempre in movimento, portano gli ospiti in testata pista, alla Mostra Statica o nel finale pista, per arricchire ogni curiosità e qualità fotografica agli scatti, facendoci scoprire, piacevolmente, protagonisti insieme a questi uomini azzurri, efficienti come non mai.

Nel corso della giornata, piena di sole, viviamo tanti magici momenti, le acrobazie, le evoluzioni in volo create da macchine speciali, pilotate da uomini senza paura, i pensieri per un attimo vanno in epoche lontane, ai primi voli, alle prime traversate oceaniche, i primi pionieri dell’aria!

Salutare ed essere ricambiati dai piloti al rientro è una grande emozione, i sorrisi, gli applausi meritati dopo le acrobazie e l’abilità dimostrata, i collegamenti radio sui diffusori che fanno vivere forti emozioni, come essere in volo, con le istruzioni del Capo Pattuglia ai suoi gregari, i saluti e i ringraziamenti nelle varie lingue alle Frecce Tricolori e all’Italia, poi come la ciliegina sulla torta, un ringraziamento particolare, il Capo Pattuglia della Turchia, in lingua Italiana, ringrazia le Frecce Tricolori e l’Italia, per l’invito ricevuto per volare in questa cosi prestigiosa ricorrenza, dalla platea parte uno scroscio di applausi, è diretto alla “Biga” della Turchia, per l’originale ringraziamento fatto all’Italia e alle Frecce.

A chiusura della giornata, dopo ben 8 ore di volo ininterrotto, di quasi 100 velivoli, è arrivato il momento più atteso, le Frecce mettono in moto le loro turbine e si portano in testata pista, prova fumi e via, il carosello Italiano può avere inizio!

I 10 Mb-339 della nostra Aeronautica Militare Italiana vanno in volo, oggi e più di sempre, da ben 55 anni, a rappresentare una Nazione, il suo popolo, la sua Industria e i colori più belli dell’Italia.

Una scintilla nel cielo del Friuli, sono le Frecce Tricolori, l’orgoglio Nazionale nel mondo, i nostri sogni realizzati, le nostre speranze nella continuità che sa emozionare e raccontare una favola senza fine.

Viva l’Italia, Viva l’Aeronautica Militare, Viva le Frecce Tricolori e tutti gli uomini e donne in azzurro. Buon Compleanno e grazie dell’emozione.

Angelo Polizzotto

Peschiera del Garda/ Frecce Tricolori: Sky Riders 2015. Una Vetrina di Internazionalità senza confronti


Le Frecce Tricolori per l’ottava volta ritornano a volare sui cieli del Lago di Garda!

Un compleanno importante per questa straordinaria compagine della nostra Aeronautica Militare, sta per essere celebrato, sulla torta ben 55 candeline, anni di gloria e tanta popolarità che proiettano l’Italia del volo al primo posto tra le Pattuglie Acrobatiche del mondo. Un vero orgoglio Italiano che possiamo sbandierare senza timore alcuno, ovunque.

Il Ferragosto 2015 ha un gusto speciale sul Lago di Garda, Peschiera del Garda è in agitazione, un evento straordinario sta per essere vissuto, la Pattuglia Acrobatica Nazionale ritorna dopo qualche anno di assenza, sulla sponda del lago più idonea ad una manifestazione di questa portata.

La Base delle operazioni per il volo e la logistica è stata l’Aeroporto Militare di Villafranca, dove il personale del 3° Stormo ancora una volta, in modo magistrale, ha assicurato tutto l’appoggio necessario alla riuscita dell’intero evento aviatorio. Le condizioni meteorologiche erano incerte, la pioggia è stata in agguato fin dal giorno precedente, la visibilità orizzontale e verticale per garantire tutti i parametri di sicurezza, per lo svolgimento delle 18 figure aeree, previste dal repertorio in programma, è determinante.

L’orgoglio del Comandante Jan SLANGEN è anche il nostro, vederli arrivare in volo, tutti insieme in formazione stretta, sulle note dell’Inno Nazionale è un’emozione che ti lascia senza fiato. Figure geometriche perfette, dipinte in cielo, tra le nuvole e sprazzi di azzurro, sono il più bel regalo che tutti hanno potuto ricevere oggi sulle sponde di questo meraviglioso lago.

L’emozione si rinnova sempre, ogni volta è un palpito al cuore, quei piloti, quella Bandiera, quelle Ali Tricolori siamo tutti noi, che sognando un mondo migliore, ci lasciamo abbracciare dalla loro perfezione, in un volo di speranza e felicità infinita.

Grazie Peschiera del Garda, grazie Aeronautica Militare Italiana, grazie Volontari per averci permesso di vivere questa gioia. Grazie Ragazzi, siete stati una squadra di perfezione assoluta, grazie di aver volato ancora una volta per noi…

Viva la PAN, viva l’Italia…

Angelo POLIZZOTTO

Verona/ La Difesa alla 23a edizione di “Job & Orienta 2013”


Verona, 21 novembre 2013 – “Vicini ai giovani, per un futuro sicuro” il tema della partecipazione della Difesa alla 23a edizione del salone nazionale dell’orientamento Job & Orienta, che ha preso il via oggi al Quartiere Fieristico di Verona. Un evento ormai consolidato che fornisce ai giovani un’opportunità di orientamento per la scelta del proprio futuro e fa conoscere le diverse “professioni militari”.

Attraverso la visita allo stand delle Difesa gli studenti e le loro famiglie avranno la possibilità di familiarizzare con la “Cultura della Difesa”  e conoscere nei dettagli le Forze Armate (Esercito, Marina Militare, Aeronautica e Carabinieri), anche attraverso i mezzi e i materiali utilizzati nelle loro molteplici attività.

Nello spazio dedicato all’Esercito Italiano, presente con team dell’85° Reggimento Addestramento Volontari “Verona” e dei ranger del 4° reggimento Alpini paracadutisti, sono esposti alcuni dei mezzi in dotazione quali il Veicolo Tattico Leggero Multiruolo (VTLM) “Lince” e il veicolo cingolato all-terrain BV206, che suscitano l’interesse dei giovani stimolando domande e curiosità sulle attività  in cui vengono impiegati e sulle qualifiche necessarie per poterli utilizzare.

La Marina Militare, oltre ad informare i ragazzi sulle opportunità di formazione presso i propri istituti, sulle possibilità di carriera e sulla realtà odierna della Forza Armata, da la possibilità di comprendere il funzionamento, con modelli in scala, della Nave Anfibia San Giusto e del caccia subsonico  AV-88 “Plus”, oltre a visualizzare in 3D, con il sistema Holo Cube, modelli di Unità navali e velivoli in dotazione.

Nel suo spazio espositivo l’Aeronautica Militare presenta alcune delle capacità operative possedute attraverso il simulatore interattivo “Frecce Tricolori”, per vivere l’ebrezza di “volare come solista della Pattuglia Acrobatica Nazionale”, e offrendo l’opportunità, con personale qualificato e preparato nel settore, di vedere diverse strumentazioni come Radio Bi-banda, Sistemi di videosorveglianza tattico e antintrusione, Telecamere Termiche e strumentazione per le previsioni meteo dell’AM.

I militari dell’Arma dei Carabinieri nell’area dedicata alla più giovane delle Forze Armate, accolgono i visitatori di ogni età illustrando i mezzi ed i materiali in uso per la quotidiana attività di vigilanza, di controllo del territorio e di prevenzione e repressione del crimine, e rispondendo alle numerose domande e curiosità sulla possibilità di svolgere un servizio di vicinanza ad ogni cittadino e attaccamento al Valore Patria.

Per ulteriori informazioni: http://www.difesa.it/Content/Manifestazioni/Joborienta/JobOrienta2013/Pagine/default.aspx

Frecce Tricolori/ Air Show Montignoso. Foto di Stefano Dalle Luche


Buonasera, vi invio alcune foto scattate all’evento Air Show Montignoso dove erano presenti le Frecce Tricolori, le foto allegate sono in cessione gratuita da parte del sottoscritto Stefano Dalle Luche autore delle foto.

Cordiali Saluti
Stefano Dalle Luche

http://www.stefanodalleluche.com
http://www.sportreporter.org

Gazzetta dello Sport/ Gli orologi da collezione. Le Forze Armate ‘ammanettano’ i propri fan con uno stile di precisione


di Antonio Conte – Tra le varie iniziative, una delle migliori che sta promuovendo l’immagine delle Forze Armate come una agenzia di contenuti, di valori e di un deciso stile di vita dinamico e pieno di azione è certamente questo proposto dalla Gazzetta dello Sport con 50 fascicoli settimanali dedicati alla vasta collezione di orologi che è destinata a lanciare una nuova moda, e non solo per giovani.

L’appuntamento sarà per ogni Lunedì in edicola con il quotidiano Gazzetta dello Sport e si rinnoverà per 50 uscite a partire dal 20 Agosto prossimo.

L’appuntamento è imperdibile in quanto ogni uscita sarà composta da due sezioni: la prima è dedicata alla storia dell’orologeria in ambito militare e la seconda è incentrata sul Corpo Speciale di riferimento, se ne illustrerà la storia, le imprese, gli uomini che ne hanno fatto parte e che hanno contribuito a costruire la leggenda.

Le prime uscite saranno dedicate a tre importanti componenti delle Forze Armate Italiane: il “Battaglione di San Marco” per la Marina Militare, la Brigata Paracadutisti “Folgore” per l’Esercito Italiano e la Pattuglia Acrobatica Nazionale “Frecce Tricolori” per l’Aeronautica.

Si tratta di una collezione impedibile ad un prezzo davvero minimo se si considera l’elevata precisione del meccanismo Seiko.

Note solo le prime tre uscite, ma è davvero certo che avranno un notevole successo, che già ci si chiede a quali reparti saranno dedicati gli altri 47 orologi di questa incredibile, puntuale e precisa iniziativa.

Li potrete vedere tutti qui: http://bit.ly/GazzettaOrologiMilitari prossimamente, cliccateci per maggiori informazioni.

“Rassegna Stampa Militare” ha alcune anticipazione per voi: l’orologio del Battaglione San Marco, ha cassa in metallo e ghiera girevole con cinturino in TPU (una gomma speciale) e con fondello in acciaio, il movimento è Giapponese Seiko PC21; l’orologio della Brigata Paracadutisti “Folgore” ha anch’esso una cassa in metallo, ma con cinturino in nylon e fondello in acciaio sempre con movimento Giapponese Seiko oltre al movimento digitale e tre indicatoli per i secondi, minuti e ora; l’orologio della Pattuglia Acrobatica Nazionale “Frecce Tricolori” si differenzia oltreché per i colori ed il suo inconfondibile stile elegante del quadrante impreziosito dalla nota icona delle frecce tricolori e fondo azzurro per il cinturino in TU (ecopelle). Gli astucci degli orologi sono contenuti in una scatoletta unica in plastica trasparente con apertura a libro e fatta in modo che sia adatta per tutti i modelli della collezione. La scatola presenta anche una personalizzazione su un angolo, si dice debba essere – ma al momento in cui scriviamo non è dato saperlo con certezza – un tricolore stampato.

Certamente questo orologi rappresentano una nota di carattere da indossare in ogni occasione e da intonare alle proprie attività: una giornata di azione, una dedicata allo sport oppure per una serata di gala.

Richiamare l’attenzione degli amici con questo prezioso accessorio sulle gloriose tradizioni del Battaglione San Marco è come viverle in prima persona, se li indossate avrete il brivido dell’ambasciatore dello spirito del combattente dei nostri valorosi marinai italiani della laguna.

Mi piace per questo ricordare un po’ di storia con voi sul Battaglione San Marco. 

L’Adozione del suo nome “Reggimento San Marco” risale a dopo la fine della prima Guerra Mondiale. Il 17 Marzo 1919 il re d’Italia Vittorio Emanuele III costituì una Brigata Marina in un reparto di Fanteria, dalle tradizioni della Compagnia di fucilieri di Marina costituita il 5 novembre del 1917 per la protezione della laguna di Venezia che si temeva fosse attaccata da mare e da terra dagli Austriaci.

L’importanza e la bellezza di Venezia era da difendere assolutamente pertanto ogni marinaio che fosse disponibile in area furono distaccati in area per tale impegno come fucilieri.

Il valore dimostrato nella difesa di Venezia fu notevole. A testimonianza le 584 ricompense al valore militare, una croce di Cavaliere dell’Ordine Militare di Savoia, una Medaglia d’Argento alla Bandiera, 42 promozioni per meriti e 19 citazioni in Bollettini del Comando Supremo.

A questo punto la città volle donare a questi valorosi uomini radunati come Brigata il nome del suo santo patrono, San Marco, e il suo simbolo, il leone alato di Venezia.

Il motto, “Per mare, per terram”, ricordava precisamente la strenua difesa del suolo veneziano dagli attacchi austriaci arrivati proprio dal mare e dalla terraferma.

Fu il 25 marzo 1919 che il sindaco veneziano Filippo Grimani consegnò nella memorabile cerimonia i simboli ancora oggi indossati dai marò della laguna e che caratterizzano questo fantastico orologio.

Una nota di orgoglio dei marò è che il leone alato del Reggimento San Marco è quello “di pace”, riconoscibile dalla la coda bassa e con il libro a pagine aperte che viene sorretto da una
zampa. L’altro è quello in cui il leone ha una postura “di guerra” che la Serenissima adottava durante i conflitti bellici e che è riconoscibile dalla posizione rampante della coda e dal libro chiuso.

Antonio Conte