Archivi tag: associazione marinai

Verona/ La Difesa alla 23a edizione di “Job & Orienta 2013”


Verona, 21 novembre 2013 – “Vicini ai giovani, per un futuro sicuro” il tema della partecipazione della Difesa alla 23a edizione del salone nazionale dell’orientamento Job & Orienta, che ha preso il via oggi al Quartiere Fieristico di Verona. Un evento ormai consolidato che fornisce ai giovani un’opportunità di orientamento per la scelta del proprio futuro e fa conoscere le diverse “professioni militari”.

Attraverso la visita allo stand delle Difesa gli studenti e le loro famiglie avranno la possibilità di familiarizzare con la “Cultura della Difesa”  e conoscere nei dettagli le Forze Armate (Esercito, Marina Militare, Aeronautica e Carabinieri), anche attraverso i mezzi e i materiali utilizzati nelle loro molteplici attività.

Nello spazio dedicato all’Esercito Italiano, presente con team dell’85° Reggimento Addestramento Volontari “Verona” e dei ranger del 4° reggimento Alpini paracadutisti, sono esposti alcuni dei mezzi in dotazione quali il Veicolo Tattico Leggero Multiruolo (VTLM) “Lince” e il veicolo cingolato all-terrain BV206, che suscitano l’interesse dei giovani stimolando domande e curiosità sulle attività  in cui vengono impiegati e sulle qualifiche necessarie per poterli utilizzare.

La Marina Militare, oltre ad informare i ragazzi sulle opportunità di formazione presso i propri istituti, sulle possibilità di carriera e sulla realtà odierna della Forza Armata, da la possibilità di comprendere il funzionamento, con modelli in scala, della Nave Anfibia San Giusto e del caccia subsonico  AV-88 “Plus”, oltre a visualizzare in 3D, con il sistema Holo Cube, modelli di Unità navali e velivoli in dotazione.

Nel suo spazio espositivo l’Aeronautica Militare presenta alcune delle capacità operative possedute attraverso il simulatore interattivo “Frecce Tricolori”, per vivere l’ebrezza di “volare come solista della Pattuglia Acrobatica Nazionale”, e offrendo l’opportunità, con personale qualificato e preparato nel settore, di vedere diverse strumentazioni come Radio Bi-banda, Sistemi di videosorveglianza tattico e antintrusione, Telecamere Termiche e strumentazione per le previsioni meteo dell’AM.

I militari dell’Arma dei Carabinieri nell’area dedicata alla più giovane delle Forze Armate, accolgono i visitatori di ogni età illustrando i mezzi ed i materiali in uso per la quotidiana attività di vigilanza, di controllo del territorio e di prevenzione e repressione del crimine, e rispondendo alle numerose domande e curiosità sulla possibilità di svolgere un servizio di vicinanza ad ogni cittadino e attaccamento al Valore Patria.

Per ulteriori informazioni: http://www.difesa.it/Content/Manifestazioni/Joborienta/JobOrienta2013/Pagine/default.aspx

Pirateria/ La vicenda dei Marò in India. Il commento di una nostra lettrice


di Antonio Conte – La questione dei Marò, i nostri fucilieri italiani delle militari appartenenti alle Forze speciali da Sbarco San Marco si dice sia indecorosa e mal gestita e questo appare chiaro fin da subito. Le autorità inquirenti italiane dovrebbe anche considerare le fasi critiche iniziali di questa a dir poco imbarazzante vicenda. Ai lettori appare ‘indigesto’ e non convince neanche il silenzio della Farnesina, e l’invito a mettere sottotono la questione.

Molta parte dei cittadini avverte che questi uomini altamente specializzati appartenenti ad una delle Forze Armate Speciali delle quali siamo più orgogliosi, non possano aver commesso un errore così banale, specie in una delle prime operazioni di contrasto al fenomeno della Pirateria nelle acque somale e dell’Oceano Indiano e presso le coste del Pakistan e India, ecc.

Si parla di errore per almeno quattro motivi, uno perché evidentemente non si può pensare che l’atto omicida, (che ha coinvolto i due pescatori ma da responsabili ancora sconosciuti), sia stato intenzionale (nell’assurda ipotesi che siano stati i marò italiani. Ma non sono stati loro), è fuori da ogni logica, comportamento, norma di legge e costituzionale, di Credo e tradizione nella cultura italiana che non prevede in alcun caso di sopprimere vite (che non sia l’aborto, sic!), ancor più se fatti da rappresentati istituzionali quali sono i nostri Marinai. Il secondo motivo per cui si parla di errore è che la nave in questione, la Enrica Lexie, non c’entra nulla con la barca dei pescatori, la nota della Marina Italiana parla infatti di una imbarcazione con cinque persone armate e non certo di due pescatori. Terzo motivo di errore è che i due marò non hanno sparato contro l’imbarcazione ma solo in acque lontane e poi vicine alla stessa senza colpirla. Infine il quarto motivo per cui si parla di errore è la mancanza di azioni intraprese da parte delle autorità indiane, e forse l’impossibilità oggettiva, di poter avviare l’inchiesta per accertare le responsabilità delle altre due navi ‘gemelle’ che quel giorno navigavano nelle aree sensibili. Altre motivazione che spingono a classificare il comportamento delle autorità indiane come non obiettive e di parte sono le opportunità politiche elettorali, e quelle economiche istituzionali.

Dal canto nostro, la perfetta buona fede degli equipaggi civili e militari si dimostra dal comportamento avuto nelle ore successive e dalla collaborazione prestata alle autorità indiane, a questo punto si direbbe ingenuamente prestata. Se infatti l’atto così scellerato fosse stato davvero compiuto, la nave con tutti gli equipaggi avrebbero scelto un comportamento opposto, di fuga e difensivo per esempio e non certo di collaborazione: comportamento ravvisabile nella condotta del comandante della nave, l’equipaggio ed i militari. Invece è tutto da dimostrare la buona fede delle autorità indiane nel mettere in piedi un gioco così macchinoso e malizioso a dispetto delle regole e del diritto internazionale.

Il movimento dei dissidenti – della linea politica e diplomatica adottata ma che si dicono a favore della Marina Miliare, e tuttavia molto rispettoso delle istituzioni; qui a Bari si sono mobilitate tutte le Associazioni d’Arma pugliesi in servizio attivo e non, ed ancora ieri una delegazione dell’Associazione Marinai di Bari aveva organizzato ancora (dopo il 16 marzo 2012) per il 31 marzo una manifestazione a favore dei Marinai del San Marco, che si ricorda sono ancora detenuti in India, (fermo prorogato ancora per 14 giorni) per un corteo che si sarebbe mosso verso la Prefettura per consegnare un documento al Prefetto – è fatto da uomini d’arme, loro familiari, ma anche da moltissimi cittadini a giudicare dei commenti e dalla mobilitazione che monta nei vari social network, tra tutti Facebook e Twitter.

A dimostrazione di ciò pubblichiamo un commento ad un post di ieri in cui erano inserite due foto scattate sul lago di Como in solidarietà ai Marò, della stessa lettrice Marianna Costa Weldon.

Antonio Conte

Pirateria/ Marò imprigionati in india. Ma quali attivisti?!

di Mariana C.W. – Eh si! È una vera, grande vergogna, come illustrano le parole su una delle due locandine: “Alcuni Uomini, molte volte, nel loro dovere, dimostrano più dignità dei rappresentanti politici dello stato al quale appartengono, dando così onore e dignità al popolo intero!”

Ed abbiamo veramente tanto bisogno di aver riconosciuti il nostro onore e la nostra dignità, elementi integranti e identificabili nel popolo italiano, quello minuto, di noi piccoli mortali, ligi al dovere e ai dettami di giustizia, amore e libertà.

Se la situazione fosse rovesciata, ossia se i militari fossero dell’altro stato, certamente non ci si sarebbe comportati così. I nostri politicuzzi da strapazzo si sarebbero inchinati, avrebbero fatto i salti mortali, girato e rigirato le cose, e non avrebbero agitato ‘le acque’, anzi…

Quello che appare più ripugnante è il comportamento ‘illegale’, contro il diritto internazionale, da parte di gente che delle vite umane non ha alcun rispetto – particolarmente a casa loro, né altrove peraltro, che sicuramente, a certi livelli, si aiuta e nasconde la pirateria, e che si permette pure di considerare l’Italia un paese di Pulcinella [e non dico per ‘sentito dire‘ L ma con cognizione di causa!]…

Questo sconcio episodio  dimostra, ancora una volta, la fragilità dell’individuo (qui i due Marò) davanti alle istituzioni gestite da incapaci, pusillanimi e da gente che pensa solo alle proprie tasche e non al paese tutto — quelle per cui l’individuo/il cittadino opera e presta servizio in buona fede — magari anche errando, visto che errare è umano — e che lo abbandonano, almeno così appare al cittadino per bene che osserva lo svolgersi o l’impantanarsi della situazione.

Se i due Marò fossero stati “attivisti” [dei mie stivali — scusate ma ne ho abbastanza dell’ignoranza di coloro che chiamano o si autodefiniscono‘attivisti’per la maggiore gente senza conoscenza, coerenza, onestà e progetti di cambiamento e miglioramento sociale] allora la stampa tutta, soprattutto le “grandi testate” hihihi, avrebbe fatto una gran cagnara e campagne senza fine… invece… trattandosi di servitori dello stato, ossia dei cittadini tutti e non di qualche partitucolo di dx o sx… eh be’, allora si tira a campà!

Appena i carcerieri chiederanno ‘un riscatto’ ben salato, e i politicuzzi accetteranno di pagarlo… trovando i fondi chissaddove L… forse le acque si smuoveranno a favore di due Uomini che hanno agito secondo la legge a quanto ci consta,*** visto che ciò che segue il primo resoconto finora non è mai uscito da una storiella confusa e confusionaria com’è tipico della stampa nostrana e non… In ogni caso, da cittadino benpensante, ho più fiducia nei Marò e nella Marina che in qualsiasi altra pedina di questa torbida faccenda [perché inquinata da troppi interessi e maneggi politici in cui la legalità e la legge non entrano e non escono!].

Sto ancora ridendo da matti ad un’intervista fatta al capitano del peschereccio (sic) … che stranamente si aggirava intorno al mercantile in un mare tanto vasto [e nessuno se l’è mai chiesto?] … dal settimanale OGGI trovato per caso e di cui lessi solo l’intervista, per capire che frulla per la testa di chi crea opinione. Le cose da pubblicare sarebbero ben altre… ma, al solito, l’ignoranza fa da padrona: ignoranza delle situazioni, delle culture, delle realtà, della verità, della legge!

Con la Marina, e con tutti sostenitori della legalità e del valore delle Forze Armate Italiane, sostengo e prego per i Marò.

Mariana C. W.

*** “I due fucilieri del Reggimento San Marco, uomini addestrati a pensare prima di agire,  sono intervenuti esclusivamente secondo le procedure e nell’ambito delle misure che riguardano la lotta alla pirateria. Hanno sparato colpi di avvertimento in aria e in acqua (warning shots) per salvaguardare il “proprio” territorio, rispondendo in pieno alle norme esistenti. Vale a dire, proteggere la sicurezza dei traffici marittimi da un’attività criminosa che mette a repentaglio le libertà economiche e personali dell’alto mare.

L’azione degli uomini della Marina Militare, imbarcati sulla Enrica Lexie come Nucleo Militare di protezione, è avvenuta in acque internazionali nel rispetto delle risoluzioni Onu e della legge n.130 del 2 agosto 2011; e si è sviluppata contro un’imbarcazione da definirsi «nave sospetta di pirateria».

I fucilieri del Reggimento San Marco sono intervenuti mercoledì scorso, alle 12.30 italiane, mentre la Enrica Lexie navigava al largo della costa Sudoccidentale della penisola Indiana e dopo aver avvistato un’imbarcazione con cinque persone armate in fase di avvicinamento. Nonostante le segnalazioni ottiche e la procedura di identificazione effettuata dai fucilieri, l’imbarcazione ha proseguito la sua rotta. A quel punto, gli uomini della Marina Militare hanno esploso tre serie di colpi in mare (20 in tutto) a scopo dissuasivo e senza mai colpire lo scafo della “nave sospetta di pirateria”. Dopo l’ultima serie, l’imbarcazione  si è allontanata dalla nave italiana.”

Cito da: “Dossier “Pirateria”  Pirati/ I Fucilieri del Reggimento San Marco non hanno sparato sul peschereccio  Posted by Antonio Conte ⋅ 21 febbraio 2012