Archivi tag: valotto

Esericito/ Accademia Militare di Modena. La fucina dei valori riparte col nuovo Anno Accademico


Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi presso l’Aula Magna dell’Istituto, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Giuseppe Valotto, ha dichiarato ufficialmente aperto l’Anno Accademico 2011-2012 dell’Accademia Militare di Modena. Nella prolusione, il presidente e amministratore delegato della Ducati Energia, dottor Guidalberto Guidi, ha fatto una disamina della crisi economica globale e degli effetti che interesseranno il sistema Italia, sostenendo che il Paese detiene le potenzialità per superare la congiuntura negativa, seppur con gravi perdite.

L’Accademia Militare, fondata il 1° gennaio 1678, è la più antica accademia del mondo e costituisce l’istituto di formazione che sovrintende alla preparazione professionale e universitaria degli Ufficiali dell’Esercito e dei Carabinieri.

Oltre agli insegnamenti tecnico-professionali, i 411 Allievi Ufficiali e i 128 Ufficiali frequentatori (tra cui 63 donne) seguono corsi universitari per il conseguimento di una laurea magistrale in scienze strategiche, giurisprudenza, ingegneria, chimica e tecnologie farmaceutiche, veterinaria e medicina e chirurgia.

L’eccellenza rappresentata dall’istituto è confermata dalla presenza di 25 frequentatori stranieri, che vengono formati presso l’Accademia Militare grazie ad accordi di natura politica per poter poi operare nelle Forze Armate dei rispettivi Paesi.

Discorso del Capo di SME

In foto:

  • Rintocco foto del dovere
  • Il Capo di Stato Maggiore Gen. C.A. Giuseppe Valotto
  • Il Capo di Stato Maggiore Gen. C.A. Giuseppe Valotto durante le interviste
  • il Presidente e Amministratore delegato della Ducati Energia, Dottor Guidalberto Guidi

«La brigata “Pinerolo” di Bari andrà in Afghanistan in anticipo»


LECCE – Si chiama “Freccia” ed è il mezzo blindato di ultima generazione in dotazione all’Esercito italiano. Blindato, dotato delle tecnologie all’avanguardia, è il primo completamente digitalizzato. La prima esercitazione in Italia si è svolta oggi sul campo di addestramento del poligono di tiro di Torre Veneri, a pochi chilometri da Lecce. Ad eseguirla la prima compagnia di fanteria media dell’82/o Reggimento Torino di stanza a Barletta. All’esercitazione ha assistito il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata, Giuseppe Valotto.

“Freccia” – ha detto il generale – affiancherà e integrerà l’azione dei “Lince”, i blindati già operativi in Afghanistan, dal secondo semestre del 2010. «Stiamo facendo di tutto per anticipare i tempi – ha spiegato Valotto, perchè operare in quello scenario con un mezzo simile, estremamente sicuro, di categoria A4, significa un estremo vantaggio per i nostri soldati».

Il nuovo blindato supertecnologico è dotato di impianto antincendio e antiesplosione con filtri antiattacco chimico. Grazie alla digitalizzazione, dal “Freccia” si potrà comunicare direttamente con gli uomini impegnati sul terreno e con le altre forze schierate, garantendo un’elevata capacità di copertura e protezione. Finora sono dodici i “Freccia” costruiti da Oto Melara di Finmeccanica. Altri 54 quelli in fase di realizzazione.

«”Freccia” – ha aggiunto il generale Valotto – è un mezzo che ben si coniuga con “Soldato Futuro”, progetto che prevede equipaggiamenti individuali innovativi, digitalizzati, completamente integrati tra loro nell’ottica che vede l’uomo e la sua sicurezza sempre al centro del nostro sistema».