Archivi tag: Thiruvananthapuram

Pirati/ Marò. Corte Delhi rinvia ricorso luglio. Governo indiano non ha obiezioni a trasferimento da carcere.


(ANSA) – NEW DELHI, 9 MAG – La Corte Suprema indiana ha rinviato al 26 luglio il ricorso italiano relativo alla legittimita’ costituzionale dell’arresto dei due maro’, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati della morte di due pescatori indiani. Nella seduta è stato anche sottolineato che il governo di New Delhi non ha obiezioni all’eventuale trasferimento dal carcere di Trivandrum in altra struttura.

Inoltre, viene precisato che i maro’ hanno “il diritto di chiedere la libertà provvisoria dietro cauzione”.

Pirateria/ Marò. Altri 14 giorni di carcerazione giudiziaria


Questo slideshow richiede JavaScript.

Disposti altri 14 giorni di carcerazione per i due militari

Araldica del Reparto dei due Marò, San Marco, Forze Speciali da Sbarco

(Ansa) NEW DELHI – La soluzione della vicenda in cui sono implicati due marò italiani spetta al tribunale: lo ha dichiarato a Trivandrum, in Kerala, il ministro degli Esteri indiano S.M. Krishna. Questo mentre il magistrato che istruisce il processo in Kerala contro Massimiliano Latorre e Salvatore Girone ha disposto oggi altri 14 giorni di custodia giudiziaria.

Il ministro degli Esteri, riferisce Ndtv, ha precisato la questione dopo un incontro di 30 minuti con il ‘chief minister’ del Kerala, Oommen Chandy. Al termine dell’incontro, Krishna ha elogiato il modo con cui il governo del Kerala ha risposto alle preoccupazioni delle famiglie dei due pescatori uccisi, ed ha lodato anche “la giusta decisione” di arrestare i due marò implicati. Successivamente il ministro ha però sottolineato che in ogni caso “é la corte che dovrà decidere in quale modo questa impasse può essere risolta”.

Il magistrato indiano ha autorizzato la polizia ad interrogare i due militari davanti alle autorità competenti su quanto accadde sulla Enrica Lexie il giorno in cui furono uccisi due pescatori indiani.

Il ‘chief minister’ dello Stato indiano del Kerala, Oommen Chandy, ha escluso ieri che i due maro’ possano essere trasferiti in Italia per essere processati. Lo scrive l’agenzia di stampa statale indiana Pti. Chandy ha in particolare dichiarato che ”la nostra posizione e’ molto chiara, molto aperta. (…) I due militari italiani hanno commesso un reato che cade sotto gli effetti della legge indiana (…) e devono quindi affrontare questo processo. Questa e’ la nostra posizione”.

Le dichiarazioni del ‘chief minister’ avvengono due giorni dopo la visita del ministro della Difesa italiano Giampaolo di Paola e mentre il sottosegretario agli Esteri italiano, Staffan de Mistura, sta giungendo a New Delhi per tentare ancora una volta di sbloccare la vicenda che coinvolge Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. ”La giustizia indiana – ha sottolineato Chandy – e’ molto equa, molto aperta e molto indipendente” e gli imputati possono far valere le loro ragioni. Il capo del governo del Kerala ha infine detto che l’Italia e’ un paese amico e che le relazioni diplomatiche debbono continuare a svilupparsi in un clima positivo.