Archivi tag: Brigata Sassari

Capo Teulada/ La Brigata “Sassari” commemora il Magg. Giuseppe La Rosa


LA “SASSARI” COMMEMORA IL MAGGIORE GIUSEPPE LA ROSA
LA “SASSARI” COMMEMORA IL MAGGIORE GIUSEPPE LA ROSA

È un abbraccio simbolico e affettuoso quello che i militari della Brigata “Sassari”, con la partecipazione di personale del Comando Militare Autonomo della Sardegna, del 1° Reggimento corazzato e dell’Associazione Nazionale Brigata “Sassari” hanno “virtualmente” rivolto al Maggiore Giuseppe La Rosa, l’ufficiale dei bersaglieri deceduto in Afghanistan il 7 giugno scorso.

Ieri pomeriggio, a Capo Teulada, si è infatti tenuta una messa in memoria del Maggiore del glorioso Terzo, officiata dai cappellani militari Don Giancarlo Caria e Don Gianmario Piga.

Pur non essendo Sardo, il Maggiore La Rosa apparteneva alla grande famiglia militare che prende il nome di Brigata “Sassari”.

Così, attraverso i suoi “Sassarini”, la terra di Sardegna saluta il commilitone Caduto nell’adempimento del proprio dovere.

ROMA/ DIFESA. GALLERIA FOTOGRAFIA DEL 2 GIUGNO 2013


Manifesto 2 Giugno 2013Roma – 2 Giugno 2013. Questa mattina, in una bella giornata di sole, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Ministro della Difesa Mario Mauro, delle più alte cariche dello Stato e del Capo di Stato Maggiore della Difesa Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, con una festosa cornice di pubblico, si è svolta la rivista del 2 giugno.

Al seguente link la galleria fotografica dell’evento, che sarà ulteriormente arricchita nel corso della giornata.

2 GIUGNO 2013 – SFILA LA BRIGATA SASSARI

Pubblicato in data 02/giu/2013

ROMA, 2 GIUGNO 2013 – Nelle immagini tratte dalla diretta su Rai 1, la Banda Musicale della Brigata SASSARI, la Bandiera di Guerra del 151° Reggimento Fanteria, decorata dell’Ordine Militare d’Italia e di tre Medaglie d’Oro, e una Compagnia di formazione dello stesso 151° aprono la parata militare ai Fori Imperiali. Una decisione assunta da SMD in occasione del 10° anniversario dell’attentato terroristico di Nassiriya del 12 novembre 2003, perpetrato in Iraq ai danni del contingente italiano su base Brigata SASSARI durante l’operazione “Antica Babilonia”, in cui persero la vita 5 soldati dell’Esercito (tra i quali – nei ranghi della Brigata SASSARI – il Capitano Massimo Ficuciello ed il Maresciallo Capo Silvio Olla), 12 carabinieri, 2 connazionali civili e 9 iracheni.I “Sassarini” hanno sfilato sulle note di “Dimonios”, il celebre inno dei “Diavoli Rossi”, intonato dai 30 componenti della Banda musicale diretta dal 1° Maresciallo Luogotenente Andrea Atzeni. Per la prima volta, l’inno della “Sassari”, divenuto oramai l’inno della Sardegna, è stato accompagnato da Vincenzo Cannova. con le “launeddas”, uno dei più suggestivi ed antichi strumenti musicali a fiato che l’Isola può vantare e che maggiormente richiama le sonorità più autentiche della tradizione musicale sarda. FORZA PARIS!

Afghanistan/ Di Paola si commuove per i soldati feriti: ”Monica e Carmine forza!”


Herat – (Adnkronos/Ign) – Il ministro della Difesa a Herat per il cambio di comando del contingente italiano: ”Rinnoverò a Karzai l’impegno del nostro Paese”. Domani l’incontro a Kabul con il presidente afghano.

Afghanistan: gen. Abrate, due feriti italiani in condizioni critiche ma fuori pericolo

Herat, 30 mar. – (Adnkronos) – I due militari italiani rimasti gravemente feriti nell’attacco di sabato scorso in Afghanistan, dove ha perso la vita il sergente Michele Silvestri, “sono ancora in condizioni critiche e preoccupanti, ma sono fuori pericolo di vita”. Lo ha detto il generale Biagio Abrate, capo di stato maggiore della Difesa, appena arrivato ad Herat in vista del passaggio del comando italiano dalla Brigata Sassari alla Garibaldi. Abrate ha infatti visitato ieri sera i due militari rientrati in Italia e ricoverati al Policlinico Celio di Roma.

Afghanistan/ HERAT. Primo corso Female Engagement Teams


Questo slideshow richiede JavaScript.

Con la consegna dei diplomi a 27 donne soldato, si è concluso il primo corso dedicato al Female Engagement Teams, organizzato dal Regional Command West (RC-West) su base Brigata “Sassari”.

L’obiettivo era quello di fornire alle frequentatrici, soldati donne effettive alle Task Forces e ai Provincial Reconstruction Teams (PRT) di tutto l’Afghanistan, gli strumenti necessari per sviluppare la cooperazione con le donne afgane.

I compiti assegnati ai Female Engagement Teams sono diversi, tra i quali quelli di favorire la realizzazione di progetti per il miglioramento della condizione femminile a livello locale, aiutare le donne nei contatti con le Istituzioni governative e utilizzare il loro ruolo nel nucleo familiare per agevolare le attività umane per lo sviluppo del Paese.

Il corso, preso a modello da International Security Assistance Force (ISAF), e’ stato organizzato dallo staff del RC-West, in particolare dalla branca J9 che si occupa della Cooperazione Civile Militare (CIMIC), e ha avuto la durata di cinque giorni.

Tra il personale partecipante anche il Gen. Mohammadezai Khatool, unico Ufficiale generale donna afgano, che ha condiviso con le frequentatrici la sua esperienza come donna soldato all’interno dell’esercito.

Approfondimenti ISAF

Afghanistan: Attacco a convoglio italiano. Respinto!


Questa mattina (29 dicembre 2011), alle ore 09.30 locali (06.00 in Italia), un convoglio logistico composto da mezzi militari e civili della coalizione in movimento da Bala Murghab a Herat, è stato attaccato nel settore Nord dell’area di competenza del Comando Regionale Ovest, sotto il Comando della Brigata “Sassari”.

Il convoglio era scortato da personale e mezzi della Task Force Center (TFC), su base 66° reggimento fanteria aeromobile “Trieste”, rinforzata da personale del 5° reggimento genio guastatori, dell’Esercito Statunitense e delle forze di sicurezza afghane (ANSF).

L’attacco, condotto con fuoco di mortai e con armi portatili, ha provocato la contusione di un militare italiano e causato la morte di un autista civile afghano e il ferimento di altro autista locale. I feriti sono stati prontamente soccorsi e successivamente evacuati in elicottero presso l’avamposto del 151° reggimento fanteria “Sassari” a Bala Murghab.

L’attacco risulta attualmente concluso e il convoglio ha ripreso il movimento verso Sud.

Fonte: Difesa – Esercito