Archivi tag: Jarinje

Kosovo/ Verità. La Russia vuole chiarezza sul traffico di organi nel Kosovo


http://italian.ruvr.ru ) La Russia insiste sul fatto che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu approvi una risoluzione per indagare sul traffico di organi umani in Kosovo, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov durante i colloqui con il suo omologo serbo Vuk Eremič.

Il ministro serbo, a sua volta, ha osservato che, per quanto riguarda il Kosovo, la Serbia appoggia pienamente l’iniziativa della Russia. Durante l’incontro, Vuk Eremič ha preso atto dello sviluppo positivo delle relazioni tra i due Paesi ed ha fatto notare di apprezzare molto la partecipazione della Russia nell’economia serba.

Il Centro per l’Intervento Umanitario di Niš cambierà la situazione nei Balcani. Questa regione diventerà più sicura nelle situazioni di emergenza“- ha concluso il ministro.

Fonte: http://italian.ruvr.ru/2012_03_16/68648946/

Kosovo/ Crisi al nord, ripreso dialogo con la Serbia


The logo of the mission
Image via Wikipedia

BELGRADO, 21 NOV – Dopo una sospensione di quasi due mesi provocata dall’acuirsi della crisi nel nord del Kosovo, sono ripresi oggi a Bruxelles i colloqui fra Belgrado e Pristina che si tengono dallo scorso marzo con la mediazione della Ue.

Fra i temi in discussione, accanto alle questioni delle forniture di energia elettrica, delle telecomunicazioni, del riconoscimento dei diplomi universitari e delle modalita’ di partecipazione di Pristina a conferenze e riunioni internazionali, vi e’ il tema cruciale dei posti di frontiera nel nord del Kosovo, pomo della discordia all’origine della rottura di fine settembre. La popolazione serba, maggioritaria nel nord del Kosovo e che non riconosce in alcun modo l’indipendenza e l’autorita’ di Pristina, non accetta la presenza di poliziotti e doganieri kosovari albanesi nei due posti di confine con la Serbia di Jarinje e Brnjak.

Per questo due mesi fa, dopo scontri con i militari Nato della Kfor, i serbi hanno eretto barricate e blocchi stradali in corrispondenza dei due posti di frontiera. Cio’ ha provocato e continua a provocare difficolta’ nei movimenti delle truppe Nato, costrette a lunghi e macchinosi giri per portare i rifornimenti ai militari. Il personale di servizio viene fatto affluire a Jarinje e Brnjak in elicottero, cosa questa che oltre ai disagi provoca un notevole aggravio di spesa da parte della Nato e della missione europea Eulex. Belgrado, che non riconosce il Kosovo, si rifiuta da parte sua di parlare di frontiera al nord, continuando a ripetere che si tratta di ‘linea amministrativa di passaggio’ per quella che considera ancora una sua provincia meridionale. A indurre Belgrado a riprendere il dialogo con Pristina sono state in larga parte le pressioni dell’Unione europea, che ha posto il ritorno al negoziato come condizione per la concessione alla Serbia dello status di paese candidato all’adesione. Dopo la raccomandazione in questo senso data dalla commisisone il 12 ottobre, una decisione la prendera’ il Consiglio europeo del 9 dicembre. Secondo fonti di stampa, sulla questione dei posti di frontiera la Ue potrebbe proporre una soluzione di compromesso, con la presenza a Jarinje e Brnjak di personale misto, serbi, kosovari e rappresentanti di Eulex. Il negoziato proseguira’ domani.

Fonte: http://www.blitzquotidiano.it/politica-europea/kosovo-crisi-al-nord-ripreso-dialogo-con-la-serbia-1025308/

Kosovo/ Ennesima operazione EULEX contro la corruzione


Pubblicato in data 05/ott/2011 da euronewsit –  La polizia di Eulex, la missione di polizia europea in Kosovo, ha arrestato sei persone, nell’ambito di un’operazione per lo smantellamento di una rete di corruzione, legata all’acquisto di armi e munizioni. Si tratta di due ufficiali della polizia kosovara, un impiegato del ministero dell’Interno e tre che lavorano in imprese private.

Fonte: http://it.euronews.net/