Archivi tag: corpo forestale dello stato

Ruvo di Puglia/ Poligono “Torre di Nebbia”. Esercitazione “Lux Ignis III” e a seguire Ecoday nel Parco Nazionale


Torre di Nebbia, 17 maggio 2014 – La Brigata “Pinerolo” impegnata nell’esercitazione “Lux Ignis III”, nel poligono occasionale di Torre di Nebbia (BA), per la verifica e il mantenimento dello standard di prontezza operativa delle proprie unità,  conferma la sensibilità  per la tutela dell’ambiente con l’organizzazione di una seconda giornata “Eco-day”.

Questa mattina circa 60 soldati, con l’utilizzo di 10 automezzi, hanno bonificato una vasta area del bosco in prossimità di masseria Poveravita, che insiste nell’agro di Gravina in Puglia e Ruvo di Puglia, e di alcune discariche abusive individuate sugli itinerari del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

L’attività è stata effettuata con la collaborazione del Comune di Ruvo di Puglia e con la partecipazione del Corpo Forestale dello Stato.

Durante lo svolgimento della bonifica i militari sono stati avvicinati da alcuni turisti che hanno espresso il loro  convinto apprezzamento sia  nell’impegno a tutela dell’ambiente sia per la maggiore sicurezza garantita dalla loro presenza. Testimoniato, inoltre, il sentimento di sicurezza che scaturisce dalla presenza nell’area di personale militare. Infine hanno collaborato a indicare alcune aree con  rifiuti abbandonati incontrate durante la loro escursione, le stese aree sono state bonificate dai militari a fine giornata.

All’eco day avrebbe dovuto partecipare una scolaresca di Ruvo di Puglia che a causa delle condizioni metrologiche avverse ha rimandato l’intervento a un’altra data.

Questo impegno ha consentito di raccogliere oltre 2500 Kg di rifiuti di vario genere, un significativo quantitativo di pneumatici di varia grandezza, taniche di pittura, materiale ferroso di ogni genere e molto altro ancora che era stato abbandonato in discariche occasionali non autorizzate. Tutti i rifiuti, opportunamente differenziati dai militari, sono stati, successivamente, conferiti presso la ditta A.S.I.P.U. di Corato.

Con l’occasione la Banda della Brigata Pinerolo, lunedì  19 maggio alle ore 19:00, si esibirà in un concerto a Ruvo di Puglia presso la scuola G. Povio a suggello della collaborazione con il Comune stesso.

Questa collaborazione tra istituzioni dello Stato è un esempio di lavoro sinergico a difesa dell’ambiente e del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e di deterrenza per contrastare i reati ambientali.

L’Esercito, quale risorsa del paese, è sempre pronto ad intervenire per le esigenze del territorio in attività di pubblica utilità.

n.o.

Spinazzola/ Poligono “Tor di Nebbia”. Addestramento nel rispetto dell’ambiente nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia


Torre di Nebbia, 10 maggio 2014 – La Brigata “Pinerolo” impegnata nell’esercitazione “Lux Ignis III”, nel poligono occasionale di Torre di Nebbia (BA), per la verifica e il mantenimento dello standard di prontezza operativa delle proprie unità, conferma la sensibilità per la tutela dell’ambiente con l’organizzazione della giornata “Eco-day”.

Ieri mattina, circa 50 soldati  hanno bonificato l’area del Bosco Sabini, che insiste nell’agro di Spinazzola, e di alcune discariche abusive individuate sugli itinerari del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

L’attività è stata effettuata con la collaborazione del Comune di Spinazzola e con la partecipazione del Corpo Forestale dello Stato.

Questo impegno ha consentito di raccogliere oltre 250 Kg di rifiuti di vario genere, svariati pneumatici di varia grandezza, filtri olio per motori, taniche di pittura, materiale ferroso di ogni genere e molto altro ancora che era stato abbandonato in discariche occasionali non autorizzate. Tutti i rifiuti, successivamente, sono stati conferiti presso la ditta A.S.I.P.U. di Corato.

Con l’occasione, la Banda della Brigata Pinerolo ha effettuato, nella serata, un concerto a Spinazzola nella  sala Innocenzo XII riscuotendo un grande successo a suggello della collaborazione con il Comune stesso.

Questa collaborazione tra istituzioni dello Stato è un esempio di lavoro sinergico a difesa dell’ambiente e del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e di deterrenza per contrastare i reati ambientali.

L’Esercito, quale risorsa del paese, è sempre pronto ad intervenire per le esigenze del territorio in attività di pubblica utilità.

Spinazzola/ Parco Alta Murgia. I militari della “Pinerolo” ritrovano un camion rubato a Trinitapoli


Nella giornata di ieri 28 agosto  una pattuglia composta da militari dell’11° Reggimento Genio Guastatori, che ha la sua sede a Foggia, ha ritrovato un camion abbandonato e opportunamente nascosto tra gli alberi di una piccola pineta nei pressi di Torre Disperata nell’area del Parco dell’Alta Murgia. I militari hanno notato l’automezzo con le portiere aperte e nessuno nelle vicinanze. Giunti sul posto hanno constatato che era stato abbandonato in modo frettoloso. Compresa immediatamente l’anomala situazione hanno provveduto a chiamare i colleghi dell’Arma dei Carabinieri di Spinazzola. Giunti sul posto i militari dell’arma hanno appurato che la targa apparteneva a un automezzo rubato due settimane fa a Trinitapoli. L’automezzo, con molta provabilità, sarebbe servito per il trasporto di refurtiva o per trafugare pannelli solari nella zona dove era stato nascosto. Per la rimozione del camion è stato necessario l’intervento di un trattore. L’attività di presenza e sorveglianza che i militari della Brigata Pinerolo stanno conducendo, in stretta collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, già dal mese giugno continua a dare ottimi frutti.

Napoli/ Corpo Forestale. Sequestrata aree abusive per stoccaggio rifiuti.


Denunciate due persone per stoccaggio non autorizzato di rifiuti pericolosi e non, scarico abusivo su terreno agricolo e abusivismo edilizio

Il personale del Comando Stazione di Marigliano (NA) del Corpo forestale dello Stato ha scoperto all’interno della zona agricola di Alveo Somma, a ridosso dei comuni di Scisciano e Saviano (NA), due aree adibite illecitamente allo stoccaggio e al deposito di rifiuti pericolosi e non pericolosi.
In particolare, in una delle due aree sequestrate, quella di circa 1500 metri quadrati, i Forestali  hanno individuato due capannoni abusivi realizzati in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico,  adibiti alla manutenzione ed al ricovero dei mezzi utilizzati da una società responsabile della raccolta di rifiuti per conto di numerosi Comuni dell’area dell’agro – nolano. La Forestale ha inoltre scoperto che all’interno dell’area era realizzata un’attività illecita di verniciatura e saldatura degli automezzi, con scarichi che filtravano direttamente nel suolo o venivano sversati nelle campagne limitrofe con ingenti danni per l’ambiente e le coltivazioni.

All’interno dell’altra area, di circa 2500 metri quadrati, il personale del Corpo forestale dello Stato ha  rinvenuto considerevoli quantità di rifiuti tra cui farmaci scaduti e pezzi di ricambi derivanti da attività meccaniche, che venivano  stoccate all’interno di cassoni anziché essere smaltiti in apposite discariche autorizzate dalla legge.

Il personale del Corpo forestale dello Stato ha deferito all’Autorità Giudiziaria due coniugi, il proprietario del fondo e l’amministratrice unica della società, responsabili dell’attività illecita. I due dovranno ora rispondere di attività di verniciatura senza le previste autorizzazioni per l’emissione in atmosfera, stoccaggio non autorizzato di rifiuti pericolosi e non pericolosi, scarico abusivo su terreno agricolo e abusivismo edilizio.
Quest’attività svolta dal personale del Corpo forestale dello Stato nel territorio agro – nolano si colloca nel più ampio settore di controlli in materia di rifiuti che in questa zona spesso vengono abbandonati e stoccati a ridosso dei campi con il pericolo di inquinamento delle falde acquifere sottostanti e gravi conseguenze per la salute pubblica.

Nota del Corpo Forestale