Archivi tag: Yemen

Syria/ Catherine Ashton. I repeated the EU’s call for an immediate end to violence.


EUROPEAN UNION – Brussels, 31 January 2012 (A 31/12 )

Statement by the High Representative Catherine Ashton after her
meeting with Dr Abdullatif bin Rashid Al- Zayani, Secretary
General of the Gulf Cooperation Council (GCC)

Catherine Ashton, High Representative of the European Union for Foreign Affairs and Security Policy and Vice-President of the Commission, issued the following statement today:

“Today, I met the Secretary-General of the Gulf Cooperation Council (GCC), Dr Abdullatif AlZayani. The EU’s relations with the Gulf countries are extremely important – since I took office I have been determined to intensify our dialogue and cooperation on many matters of common interest.

We shared our grave concern about the situation in Syria, where the regime continues its outrageous campaign of repression against the Syrian people. I repeated the EU’s call for an immediate end to violence, and underlined our support to the Arab League’s efforts to halt the crisis. We urge all members of the UN Security Council to assume their responsibilities and take urgent steps to end the crackdown.

On Yemen, I commended the Gulf Cooperation Council for its leadership and sustained efforts and we agreed that the international community must continue to cooperate very closely to help Yemen tackle its many challenges.

I also informed the Secretary General of the recent EU decision to impose additional restrictive measures against Iran. We call on Iran to suspend its sensitive nuclear activities and abide by its international obligations. I reiterated that the door remains open for meaningful negotiations, and confirmed that the EU will continue its dual-track approach.

We also discussed the Middle East Peace Process, Libya, the situation in the Gulf region, and EU-GCC relations”.

Fonte: http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_Data/docs/pressdata/EN/foraff/127741.pdf

Etiopia/ Emigrazioni da record verso lo Yemen. Ma non mancano le violenze.


GINEVRA\ aise\ – Ha raggiunto la cifra record di 103mila il numero di rifugiati, richiedenti asilo e migranti che nel 2011 dal Corno d’Africa hanno affrontato la pericolosa traversata del Golfo di Aden e del Mar Rosso per arrivare nello Yemen, nonostante la crescente instabilità e il peggioramento delle condizioni di sicurezza nel paese della Penisola Arabica. Lo scorso anno ha fatto dunque registrare un aumento quasi del 100% rispetto al 2010, quando 53.000 persone avevano attraversato gli stessi tratti di mare. Il precedente record risaliva al 2009, con 78.000 persone. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) raccoglie dati sui flussi migratori misti dal Corno d’Africa dal 2006.

Tra coloro che hanno compiuto la traversata lo scorso anno, sono oltre 130 le vittime accertate per annegamento. La maggior parte dei nuovi arrivati raggiunge le coste dello Yemen in condizioni disperate: disidratati, malnutriti e spesso in stato di choc. Coloro che attraversano il Mar Rosso e il Golfo di Aden devono infatti affrontare enormi rischi e sfide in ogni fase del viaggio: nei loro paesi d’origine, durante il transito, all’arrivo in Yemen e dopo l’arrivo. Sono oggetto anche di violenza fisica, sessuale e tratta. Una volta in Yemen, poi, devono affrontare nuove difficoltà, come l’inadeguato accesso a servizi di base come l’alloggio, l’acqua, il cibo, le cure mediche d’emergenza, limitazioni alla libertà di movimento e mancanza di accesso a mezzi di sostentamento.

Gli ultimi dati inoltre mostrano un significativo aumento nel numero di cittadini etiopici che arrivano nello Yemen: attualmente i tre quarti del totale degli arrivi. Fino al 2008 la maggioranza delle persone che affrontava la traversata era costituita da rifugiati somali in fuga dalla violenza e dagli abusi dei diritti umani nel proprio paese. La tendenza è mutata nel 2009, quando gli etiopi sono diventati la maggioranza.

Al loro arrivo nello Yemen i somali sono automaticamente riconosciuti come rifugiati. Ciò garantisce loro l’accesso alla documentazione e una relativa libertà di movimento. Nel solo 2011 circa 25.500 somali sono arrivati nel paese arabico, portando il totale a oltre 202.000. In collaborazione con le agenzie partner, l’UNHCR gestisce una rete di centri d’accoglienza lungo la costa, nei quali vengono fornite protezione e assistenza.

Molto più difficile e pericolosa è invece la situazione nello Yemen per gli etiopi. Dei circa 76.000 arrivati nel 2011, circa un quinto ha chiesto asilo. Per un aumento del 10% rispetto all’anno precedente.

Molti etiopi affermano ancora di aver lasciato le proprie case per la mancanza di opportunità economiche e di sostentamento. In quanto migranti economici, considerano lo Yemen un paese di transito. Nel timore di essere sottoposti a detenzione e deportati i migranti etiopici evitano il contatto con le autorità, cercando di raggiungere altri stati del Golfo. È la norma per loro subire furti, abusi ed estorsioni per mano di contrabbandieri e trafficanti.

Desta particolare preoccupazione nell’UNHCR un episodio avvenuto il 13 gennaio nel governatorato di Taiz, in cui 3 etiopi sono stati uccisi da trafficanti attivi lungo le coste yemenite del Mar Rosso. Agli etiopi – dicono le prime informazioni – sarebbe stato sparato mentre tentavano di fuggire dai trafficanti che stavano cercando di estorcere loro del denaro. I corpi sono stati lasciati alle porte del villaggio di Al-Dhubai. Le tragiche morti evidenziano i gravi rischi che i rifugiati, i potenziali richiedenti asilo e i migranti africani corrono nell’attraversare il Golfo di Aden o il Mar Rosso. L’UNHCR auspica che le autorità yemenite trovino i perpetratori del crimine e li assicurino alla giustizia.

Ma nello Yemen l’instabilità e la ridotta presenza della polizia danno ai trafficanti di esseri umani e ai contrabbandieri ancora più margine di azione. Ciò spesso impedisce anche i pattugliamenti lungo le coste yemenite da parte dei team di operatori umanitari che cercano di raggiungere i nuovi arrivi prima dei trafficanti. Continuano ad arrivare, poi, notizie di rapimenti di migranti o rifugiati – al loro arrivo nello Yemen – soprattutto per fini di riscatto o estorsione. L’obiettivo principale sembrano essere gli etiopi ma è stato registrato anche il rapimento di alcuni rifugiati somali.

L’incidenza di abusi violenti fisici e sessuali su rifugiati e migranti da parte dei trafficanti – in mare o sulla terraferma – costituisce un’ulteriore tendenza preoccupante. Nel 2011 l’UNHCR ha registrato casi di stupro, aggressione sessuale e abusi fisici perpetrati contro rifugiati e migranti. Insieme alle agenzie partner, l’UNHCR garantisce alle vittime assistenza medica e sostegno psicologico. (aise)

Fonte: AISE

Pirati somali/ Reporter. Patto di ferro tra Nato e Europa contro i pirati


Caricato da euronewsit in data 25/lug/2009 – La comunità internazionale si mobilita contro i pirati somali. La Nato, l’Unione Europea e alcuni paesi industrializzati hanno inviato una vera e propria armata nel Golfo di Aden. Basterà per risolvere il problema?

Fotne: euronews