Archivi tag: djakovica

Kosovo/ CIMIC. Attività di supporto alle comunità locali e ai centri educativi


Pec, 28 luglio 2014 – Nella settimana appena trascorsa, i militari italiani di stanza in Kosovo, inquadrati nel Multinational Battle Group West a guida “Lancieri di Montebello”, hanno svolto diverse attività di cooperazione civile-militare (CIMIC) in favore della popolazione locale.

Attraverso la realizzazione di progetti e donazioni di beni di prima necessità in favore delle popolazioni, il CIMIC si pone quale interlocutore tra le etnie presenti nella regione kosovara per favorirne la collaborazione e creare le migliori condizioni per la loro autonoma crescita.

Gli Italiani hanno donato materiale didattico, giocattoli, vestiario e generi di prima necessità ad un centro religioso per l’infanzia sito a Bec (Djakova), che accorpa anche un centro di accoglienza e dove i numerosi bambini bisognosi vengono seguiti ed educati secondo principi di integrazione e solidarietà.

Le attività CIMIC sono proseguite con donazioni agli abitanti dei villaggi compresi nell’enclave di Gorazdevac: una comunità serba che tuttora risente dell’accentuato isolamento, dal momento che è collocata al centro di un’area a maggioranza albanese.

Infine, il Contingente Italiano ha fornito il proprio contributo di solidarietà alla “Caritas Umbra” di Klina, Organizzazione Non Governativa (NGO) tutta italiana attiva in Kosovo da 15 anni, che si occupa di dare dimora ed istruzione a minorenni bisognosi. In segno di ringraziamento, i piccoli hanno a loro volta organizzato una serata con spettacoli e balletti dedicata agli Italiani.

Tutte le donazioni sono state fatte nel rispetto dell’imparzialità verso le etnie e le religioni presenti sul territorio.

KFOR MNBG-W Chief PAO – Belo Polje, Kosovo

 

Kosovo/ Gen. Abrate. Il Capo di Stato Maggiore della Difesa saluta il contingente militare in Kosovo


Kosovo, Pec/Peja – Stamane (ndr. 8 Gennaio 2013), a pochi giorni dal termine del suo mandato, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate, ha fatto visita al contingente italiano impegnato in Kosovo per portare il suo personale saluto di commiato ai militari impegnati nell’ambito delle forze NATO KFOR dell’Operazione “Joint Enterprise”.

Dopo aver incontrato il personale del Comando KFOR e del Reggimento Carabinieri Multinational Specialized Unit (MSU) a Pristina, il Generale Abrate, accolto dal Colonnello Ascenzo Tocci, Comandante del Multinational Battle Group West (MNBG-W), l’unità a guida italiana deputata al controllo dell’area Ovest, ha incontrato tutto il personale di stanza a Villaggio Italia a Pec.

Prima di decollare per il rientro dall’Aeroporto AMIKo di Djakovica, ha salutato gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare lì in servizio.

Il Capo di SMD, durante gli incontri, ha rivolto un sentito plauso per il costante impegno con il quale, da oltre un decennio, viene garantita l’attività operativa e di supporto nel teatro balcanico, nonché i suoi personali ringraziamenti per quanto fatto durante il suo periodo alla guida della Difesa.

In particolare, nell’incontro con il personale italiano a Villaggio Italia, ha manifestato la propria soddisfazione per l’impegno profuso ed i risultati conseguiti in Kosovo, evidenziando anche come “il lavoro svolto dagli uomini e dalle donne appartenenti a tutte le Forze Armate e all’Arma dei Carabinieri è sempre molto apprezzato da tutte le Autorità politiche e militari, nazionali ed internazionali, ma soprattutto dalle Autorità e dalla popolazione del Kosovo”.

Kosovo/ Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito in visita al Contingente italiano


Questo slideshow richiede JavaScript.

Insignia of the (KFOR). Magyar: KFOR.
Insignia of the (KFOR). Magyar: KFOR. (Photo credit: Wikipedia)

Pec/Peje, 05 aprile 2012. Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, si è recato oggi in visita ai militari italiani in missione in Kosovo.

Ricevuto presso l’aeroporto A.M.I.Ko di Djakovica/Gjakova, dal Generale di Brigata Francesco Diella (Italian Senior National Representative in Kosovo), il Generale Graziano ha assistito ad un inquadramento operativo effettuato dal Generale Diella ed all’esposizione dei compiti del MNBG W, (Multinational Battle Group West) e dell’ ORF (Operational Reserve Force) illustrati dai rispettivi  comandanti, Colonnello Andrea Borzaga e Colonnello Alfonso Cornacchia.

Il Generale Graziano, ha avuto l’opportunità di visitare il Monastero di Visoki nella località di Decani, patrimonio dell’UNESCO, protetto dai soldati del contingente italiano.

Il Capo di SME, in tarda mattinata si è recato nella base di Villaggio Italia, sede del MNBG W e dopo aver avuto un colloquio con Sua Eccellenza Michael L. Giffoni, Ambasciatore d’Italia in Kosovo, il quale ha manifestato la propria stima per l’operato del contingente, ha espresso a tutto il personale italiano che opera nell’ambito dell’operazione “Joint Enterprise” della NATO, il proprio apprezzamento per l’impegno profuso nell’assolvimento dei propri doveri, affermando: “Anche se in Kosovo persiste una situazione serena dal punto di vista della sicurezza militare, l’impegno del contingente italiano per la sicurezza del paese non è meno rilevante rispetto ad altri teatri operativi. Giungano gli auguri di Buona Pasqua a voi che operate e trascorrete queste festività fuori da casa, avendo il sostegno di tutto il Paese, che continua ad esprimere apprezzamento per il vostro operato”

MNBG-West Magyar: MNBG-West
MNBG-West Magyar: MNBG-West (Photo credit: Wikipedia)

Inoltre il generale Graziano nel pomeriggio, ha visitato la base francese di “Camp Marshall De Lattre” sede dell’ ORF Battallion, forza di riserva della NATO alle dirette dipendenze del Comando della KFOR, porgendo il proprio saluto e gli auguri Pasquali a tutto il personale italiano.

Fonte: Contatti: Ten. Cristiano NARDONE – Cell. (00386) 49-773403 email: itpio_kfor@yahoo.it “Villaggio Italia” Pec/Peja-Kosovo – KFOR MNBG-W, Public Affairs Office – COMUNICATO – STAMPA 05 aprile 2012

Kosovo/ KFOR, Villaggio Italia. Subentra il Ten. Col. Antonio IMBIMBO, al c.do del Gruppo Supporto di Aderenza.


da sx il Ten.Col. Antonio IMBIMBO (subentrante) ed il Ten. Col.Vincenzo TUCCI (cedente).1
da sx il Ten.Col. Antonio IMBIMBO (subentrante) ed il Ten. Col.Vincenzo TUCCI (cedente)

Peja/Pec (RKS), 8 febbraio 2012. Questa mattina, nella base di Villaggio Italia alle ore 11:00 si è svolta la cerimonia del trasferimento di autorità al Comando del Gruppo Supporto di Aderenza, tra il Comandante cedente Ten. Col. Vincenzo TUCCI, del 10° Reggimento Trasporti di Bari ed il subentrante  Ten. Col. Antonio IMBIMBO, del 1° Reggimento Trasporti di Bellinzago Novarese.

Il Gruppo Supporto di Aderenza è un reparto alle dirette dipendenze del Comandante del Multinational Battle Group West ed ha il compito di fornire il sostegno logistico e sanitario all’intero Contingente italiano, nonché alla componente multinazionale presente nella Base di “Villaggio Italia”.

Dal 9 agosto 2011 ad oggi (ndr.: 8 febbraio 2012), il 10° Reggimento Trasporti ha svolto il proprio compito garantendo le attività di mantenimento, rifornimenti e trasporti, pianificando e gestendo il transito di personale, mezzi e materiali, presso l’Aeroporto militare di Gjakova/Djakovica ed il porto di Durazzo in Albania. Inoltre, ha fornito il proprio supporto in occasione dello schieramento di una componente significativa del Multinational Battle Group West nel nord del Kosovo.

La cerimonia, svoltasi alla presenza dell’ Italian Senior National Representative Generale Francesco DIELLA e del Comandante del Multinational Battle Group West Colonnello Andrea BORZAGA, ha sancito il passaggio di consegne agli uomini e alle donne del 1° Reggimento Trasporti di Bellinzago Novarese.

Fonte: Comunicato Stampa