Archivi tag: Onore ai Caduti

Mogadiscio/ Onore ai caduti della battaglia del “Check Point Pasta”


Il 2 luglio 2013, i paracadutisti della Brigata ”Folgore” commemorano a Mogadiscio, insieme ai loro colleghi italiani e stranieri, i caduti della battaglia del Check Point Pasta di 20 anni fa ricordando anche gli altri caduti durante la missione IBIS.

I paracadutisti del 186 RGT inquadrati nell’ambito della missione addestrativa europea a favore delle Forze Armate Somale denominata EUTM-SOMALIA costituiscono la forza di reazione rapida del quartier generale dei “Mentoring Advising and Training Elements” (MATE HQ) comandato dal Col. Gerolamo DEMASI.

La base operativa è situata all’interno dell’Aeroporto di Mogadiscio mentre l’attività si svolge nelle sedi istituzionali del Ministero della difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e del centro di addestramento di Jazeera.

Dopo la messa, officiata da Mons. Giorgio BERTIN vescovo di Djbouti e amministratore apostolico della diocesi di Mogadiscio, è stata eseguita la cerimonia dell’alzabandiera con la deposizione di una corona in onore ai caduti.

Tra i presenti l’ambasciatore e delegato speciale per la Somalia S.E. Andrea Mazzella e la Country Representative di UNHCR Somalia, Dott.ssa Alessandra Morelli.

Nel discorso di commemorazione il Comandante del MATE HQ ha sottolineato l’importanza di mantenere vivo il ricordo di chi e’ caduto servendo la Patria per far si che queste perdite non siano avvenute invano e che servano da stimolo nello svolgimento delle attività future nei vari teatri operativi.

 

Pasubio/ Il Capo di Stato Maggiore della Difesa rende onore ai Caduti della Prima Guerra Mondiale presso il Sacrario Militare sul Pasubio


Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ha reso onore ai Caduti della Prima Guerra Mondiale sepolti nel sacrario del Pasubio dove il 2 luglio 1916 si consumò una sanguinosa battaglia. Nel Sacrario sono custodite tredicimila salme di militari italiani e austriaci e l’occasione è stata propizia “per iniziare il percorso di celebrazione dei 100 anni  dalla 1^ Guerra Mondiale”.

L’Ammiraglio Binelli Mantelli, dopo la cerimonia dell’alzabandiera, la resa degli onori ai Caduti e la deposizione della Corona di alloro, ha sottolineato l’importanza del ‘ricordo’ inteso non solo come dovere morale, ma soprattutto come necessità di “mantenere viva la nostra storia, la nostra coscienza nazionale, i nostri valori che vanno preservati con orgoglio perché solo dai grandi sacrifici si costruiscono le grandi cose e l’unità nazionale. Lo stesso sogno europeo, l’anelito ad una comunità più grande e pacifica, sono certamente nati in queste trincee”.

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha concluso il suo intervento sottolineando che “la storia siamo noi e la storia è un insieme di racconti che ci portano dal passato al presente, seguendo il filo dell’onore militare e dei valori che accomunano i soldati di tutto il mondo e di tutte le generazioni e che ancora oggi illuminano l’agire dei nostri Comandanti”.

 

Roma/ Il Capo dello Stato all’Altare della Patria


Questo pomeriggio, subito dopo la cerimonia del giuramento per il suo secondo mandato, il Presidente Della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è recato presso l’Altare della Patria ove ha reso gli Onori ai Caduti, deponendo una corona d’alloro al sacello del Milite Ignoto.

Al suo arrivo, il Capo dello Stato è stato accolto dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli,  che “ a nome suo e di tutte le Forze Armate” ha formulato al Capo dello Stato, Capo Supremo delle Forze Armate, “i più sinceri auguri per la Sua rielezione a Presidente della Repubblica ed i più profondi sentimenti di rispetto, stima e affetto di tutti gli uomini e le donne con le stellette”.