Archivi tag: Cap. C. Lorenzo Bezzi

Taranto/ Marina Militare. 73ª Commemorazione in memoria dei caduti del Sommergibile Liuzzi


La Scuola Sottufficiali della Marina Militare di Taranto (Mariscuola), è intitolata al Capitano di Corvetta Lorenzo Bezzi, Medaglia d’Oro al valor Militare per una storica vicenda avvenuta durante la seconda guerra mondiale, che vide cinque cacciatorpedinieri inglesi, affondare il sommergibile Liuzzi il 27 giugno del 1940.

Oggi nella Piazza d’Armi di Mariscuola , si è svolta la cerimonia per commemorare quei Marinai che persero la vita in quel triste evento, in cui il Comandante del battello, Capitano di Corvetta Lorenzo Bezzi, mise in salvo l’equipaggio e decise di condividere la sorte del sommergibile inabissandosi con esso.

Alla cerimonia era presente un ex silurista del sommergibile, Aldo Carnevalini (classe 1920), che ha voluto ricordare l’uomo che 73 anni fa gli salvò la vita: il Direttore di Macchina, nonché Medaglia d’Argento al valor Militare, Capitano di Corvetta Gaetano Tosti Croce.

Il Capitano Tosti Croce infatti, pochi istanti prima che il battello si inabissasse e nel momento di abbandonare il sommergibile, lasciò il proprio salvagente ad un Marinaio che ne era sprovvisto, e che non sapeva nuotare, salvandolo da una morte sicura. Oggi quel Marinaio silurista era lì, per ricordare.

Taranto/ Mariscuola. Cerimonia del 72° anno dalla scomparsa della Medaglia d’Oro al V.M .Cap. c. C.te Lorenzo Bezzi, affondato eroicamente con il sommergibile Liuzzi


Mercoledì 27 giugno si è svolta, nella Piazza d’Armi della Scuola Sottufficiali di Taranto, la Cerimonia di deposizione corona presso il monumento intitolato alla Medaglia d’Oro al Valor Militare Capitano di Corvetta Lorenzo Bezzi, in onore dei caduti del Sommergibile Liuzzi.

Alla cerimonia, presieduta dall’Ammiraglio Comandante, Contrammiraglio Guido Rando, ha partecipato il Sig. Gesuino De Montis, unico superstite sopravvissuto all’affondamento del Liuzzi, unitamente all’Ammiraglio Vittorio Patrelli Campagnano, il decano dei sommergibilisti italiani, vari Gruppi ANMI della Puglia Meridionale, il Medagliere della Federazione Provinciale del Nastro Azzurro, una nutrita rappresentanza di Comforsub e diversi sommergibilisti di ieri e di oggi.

Dopo la deposizione della corona, il Sig. De Montis ha dedicato la lettura della Preghiera del Marinaio al suo Comandante, mentre il trombettiere suonava il silenzio.

Al termine, con una breve ma intensa allocuzione, ha voluto rimembrare le cruenti vicissitudini di quel tragico 27 giugno di 72 anni fa, quando il Comandante Cap. Lorenzo Lorenzo Bezzi, dopo aver miracolosamente riportato in superficie il battello, sottoposto ad intenso bombardamento da parte di cinque Cacciatorpediniere nemici, metteva in salvo l’equipaggio e decideva di condividere la sorte della sua Unità che affondava poco dopo.

Successivamente ha preso la parola l’Ammiraglio Rando, il quale ha voluto indirizzare un saluto ai sommergibilisti di ieri e di oggi, evidenziando come proprio sui battelli si sublimano e si esaltano più che altrove il sentimento di appartenenza all’Unità e all’equipaggio, la condivisione delle condizioni di vita, il cameratismo. Ha poi sottolineato come gli eroi non sono soltanto nelle pagine dei libri di storia, ma sono fatti di sangue e di carne come tutti gli uomini, e chi li ha conosciuti lo può testimoniare, ringraziando il Sig. De Montis, per l’esempio che con la sua partecipazione di oggi fornisce alle giovani generazioni.