Redazionali

Agenzia Fides/ Il Dossier. Sono 26 i Missionari uccisi nel Mondo


ROMA\ aise\ – Nel 2011 sono stati 26 gli operatori pastorali uccisi nel mondo. È quanto emerge dal Dossier che l’Agenzia Fides stila ogni anno e che, in questa edizione, apre con le parole di Benedetto XVI: “Come nell’antichità, anche oggi la sincera adesione al Vangelo può richiedere il sacrificio della vita, e molti cristiani in varie parti del mondo sono esposti a persecuzione e talvolta al martirio”.

Dalle informazioni raccolte dall’agenzia, nel 2011 sono stati uccisi 26 operatori pastorali, uno in più rispetto all’anno precedente: 18 sacerdoti, 4 religiose, 4 laici.

Per il terzo anno consecutivo, con un numero estremamente elevato di operatori uccisi, figura al primo posto l’America, bagnata dal sangue di 13 sacerdoti e 2 laici. Segue l’Africa, dove sono stati uccisi 6 operatori pastorali: 2 sacerdoti, 3 religiose, 1 laico. Quindi l’Asia, dove hanno trovato la morte 2 sacerdoti, 1 religiosa, 1 laico. Infine in Europa è stato ucciso un sacerdote.

Nel dettaglio, in America sono stati uccisi 15 operatori pastorali (13 sacerdoti e 2 laici): in Colombia (7), Messico (5), Brasile (1), Paraguay (1) e Nicaragua (1).

Sei gli operatori uccisi in Africa: gli omicidi sono avvenuti in Burundi (2) e in R.D. Congo, Sud Sudan, Tunisia e Kenya.

Quattro le morti registrate in Asia: 2 sacerdoti, 1 religiosa e 1 laico hanno trovato la morte in India (3) e nelle Filippine (1). Qui è stato ucciso padre Fausto Tentorio, missionario del PIME, che ha dedicato la sua vita al servizio di alfabetizzazione e sviluppo degli indigeni detti lumads. È stato ucciso mentre stava recandosi ad un incontro dei presbiteri: due uomini armati gli hanno sparato alla testa e alla schiena.

Infine, in Spagna don Ricardo Muñoz Juárez è stato ucciso dai ladri che si erano introdotti nella sua abitazione.

A questi elenchi, precisa l’Agenzia Fides, “deve sempre essere aggiunta la lunga lista dei tanti di cui forse non si avrà mai notizia, o addirittura di cui non si conoscerà il nome, che in ogni angolo del pianeta soffrono e pagano con la vita la loro fede in Cristo. Si tratta di quella “nube di militi ignoti della grande causa di Dio” – secondo l’espressione di Papa Giovanni Paolo II – che va dal Ministro pakistano per le minoranze, Shahbaz Bhatti, primo cattolico a ricoprire tale incarico, impegnato per la pacifica convivenza fra le comunità religiose del suo Paese, ucciso il 3 marzo, al giovane nigeriano che svolgeva ad Abuja, presso la chiesa di Santa Teresa, il servizio di vigilanza per proteggere i luoghi di culto nel giorno di Natale, ucciso da un attentato insieme ad altre 35 persone“. (aise)

Link correlati

Informazioni su Direttore Editoriale

CEO & Redattore Capo, Inviato

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Le Rubriche

Cronologia News per mese

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Unisciti ad altri 1.436 follower

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Pirateria in Corno d’Africa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: