Archivi tag: Gen. D. Luciano Portolano

Libano/ Università. Gli studenti della LUISS “EMBEDDED” nel contingente italiano


Libano – Si è conclusa oggi, con la partenza dall’aeroporto di Beirut, l’esperienza “embedded” nel contingente italiano di stanza a Shama, nel sud del Libano, di 15 studenti universitari di giurisprudenza e relazioni internazionale dell’università LUISS di Roma.

L’esperimento, realizzato per la prima volta grazie alla collaborazione tra lo Stato Maggiore della Difesa e l’Ateneo, ha visto i laureandi prepararsi ed affrontare la missione completamente immersi nella realtà militare.

Lo stage di preparazione portato a termine poco prima della partenza presso il Centro Simulazione e Validazione (CESIVA) di Bracciano, è stato poi seguito dall’esperienza sul campo, con una settimana presso il quartier generale del Sector West di UNIFIL, sotto la guida italiana del generale Salvatore Cuoci.

Interessanti e positivi i riscontri ottenuti, con gli studenti che sono potuti entrare a diretto contatto con i vari aspetti della presenza nazionale nell’importante missione ONU.

Dalle attività operative alla cooperazione civile-militare (CIMIC) del contingente, i giovani hanno verificato sul terreno i meccanismi attraverso i quali si sviluppa e si concretizza una missione multinazionale di pace.

Significativi anche i momenti meno operativi della loro permanenza tra cui gli incontri con il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, in visita al teatro operativo con il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano; l’incontro con il Capo Missione e Comandante delle Forze di UNIFIL generale Luciano Portolano, l’incontro con  le Autorità libanesi, e le visite: come quella  alla città di Qana e quella alle rovine romane di Tiro dove gli studenti hanno potuto assistere alla celebrazione della Santa Messa secondo il rito cristiano maronita incontrando in quel contesto gli studenti dell’università islamica.

Libano/ Parlamentari della terza Commissione Affari Esteri della Camera visitano i Caschi blu italiani


Naqoura (Libano), 18 novembre 2014. Il Contingente militare italiano in Libano, attualmente su base Brigata “Pinerolo”, questa mattina ha ricevuto, presso la sede del Comando di UNIFIL a Naqoura, la visita di una delegazione parlamentare della Terza Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati, composta dal Presidente l’ On. Fabrizio Cicchitto accompagnato dall’On. Alessandro Di Battista, e dall’Onorevole Vincenzo Amendola, On. Erasmo Palazzotto, On. Pia Locatelli, On. Mariano Rabino.

Ad accogliere la delegazione, giunta nel sud del Libano, accompagnata dall’ Ambasciatore d’Italia a Beirut, Giuseppe Morabito, è stato il Generale Luciano Portolano Comandante di Unifil assieme al Generale Stefano Del Col, Comandante del Sector West di UNIFIL e Comandante del Contingente Italiano.

Nel corso della visita, gli Onorevoli hanno avuto modo di ricevere un rapido aggiornamento sulla situazione operativa nell’area di responsabilità italiana, con particolare riferimento al monitoraggio della cessazione delle ostilità e alla realizzazione dei progetti di cooperazione civile-militare a sostegno della popolazione locale per lo sviluppo dell’economia e di approfondire le altre attività condotte dai caschi blu in ottemperanza al mandato stabilito dalla Risoluzione 1701 delle Nazioni Unite.

La commissione ha, inoltre, incontrato presso il comando di ITALAIR, comando presente in Libano dal 3 luglio del 1979 ed attualmente su base 2° Reggimento “Sirio”, una rappresentanza di tutte le categorie dei caschi blu italiani con i quali vi è stata la possibilità di raccogliere alcune testimonianze sul lavoro svolto in Libano dagli uomini e donne del Contingente Italiano.

Ten. Col. Domenico Occhinegro
Capo Cellula Pubblica Informazione del Sector West di UNIFIL e Portavoce del Contingente Italiano

Libano/ UNIFIL. Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito in visita al Contingente italiano


Naqoura – Shama, 18 Novembre 2014. Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio GRAZIANO, è giunto ieri in Libano in visita al Contingente Nazionale. Ad accoglierlo all’eliporto di ITALAIR, il Generale Luciano PORTOLANO, Head of Mission e Force Commander di UNIFIL.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, già Comandante della Missione UNIFIL dal 2007 al 2010, ha ricevuto un aggiornamento della situazione nell’Area di Responsabilità. Il Generale PORTOLANO ha evidenziato “che sebbene il settore di UNIFIL sia stabile, la minaccia portata al Libano dai gruppi armati riconducibili all’ISIS o filo qaedisti, ha imposto un incremento delle attivitá di controllo del territorio, in cooperazione con le Forze Armate Libanesi, in particolar modo nel settore orientale dell’Area di Responsabilità, quello più sensibile alla luce dei recenti scontri tra drusi e ribelli, sul versante siriano del Monte Hermon”.

Il Comandante di UNIFIL ha, poi, illustrato i progressi effettuati dalla Missione sui vari progetti iniziati dal Generale GRAZIANO nel corso del suo mandato, con particolare riferimento all’ “incontro tripartito’’, meccanismo di confidence building tra il Libano e Israele, avviato in seguito alla ratifica della Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e reso operativo proprio dall’attuale Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.

Salutato il personale italiano presente nella Base di Naqoura, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale GRAZIANO, si é recato in visita a Shama, al contingente nazionale su base Brigata “PINEROLO”, ove, accolto dal Comandante del Settore Ovest, Generale di Brigata Stefano DEL COL, ha ricevuto un aggiornamento sulla attuale situazione operativa del settore a guida italiana.

Nel suo discorso, il Generale GRAZIANO ha sottolineato “State facendo bene, lo riconoscono le parti in causa, lo riconoscono i libanesi e lo riconoscono i nostri alleati. Siamo qui per mantenere e garantire le condizioni di pace. Pace che non è priva di rischi, bisogna sempre essere vigili e conservare al massimo il rigore, l’attenzione e la capacità  di reazione. State rappresentando l’Italia, garantendo la sicurezza internazionale, siate orgogliosi di quello che fate indossando il basco azzurro delle Nazioni Unite. Sappiate essere sempre degni delle stellette che indossate, nel rispetto di quanto è stato fatto fino ad oggi da chi vi ha preceduto e ancor di più nel rispetto dei molti caduti italiani nelle missioni di pace”.

Ten. Col. Domenico Occhinegro
Capo Cellula Pubblica Informazione del Sector West di UNIFIL e Portavoce del Contingente Italiano.

Libano/ UNIFIL, Cambio al Comando del Sector West. La Brigata “Pinerolo” subentra alla Brigata “Ariete”


Shama (Libano), 13 ottobre 2014. Il Sottosegretario alla Difesa, Onorevole Gioacchino ALFANO, accompagnato dal Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), Generale Marco BERTOLINI, ha presenziato alla cerimonia di avvicendamento alla guida del Sector West di UNIFIL che si è svolta questa mattina presso la base Millevoi di Shama, sede del Contingente nazionale, tra la Brigata “Ariete”, cedente, e la Brigata “Pinerolo”, subentrante.

All’evento hanno partecipato i rappresentanti delle autorità politiche, religiose e militari locali, nonché delegazioni di diverse nazionalità presenti in UNIFIL.

L’onorevole ALFANO, nel suo intervento, ha voluto rimarcare l’importanza di UNIFIL considerata la principale forza di stabilizzazione della regione, ma ha anche evidenziato i legami tra l’Italia e il Libano, e la crescente cooperazione tra i due Paesi “che porterà, presto, a raggiungere un nuovo traguardo, con l’apertura del Centro di Addestramento delle Forze Armate libanesi”.

L’occasione è stata propizia per tracciare, alla presenza del Force Commander and Head of Mission di UNIFIL, Generale Luciano PORTOLANO, un punto di situazione sulle numerose iniziative di stabilizzazione portate a termine negli ultimi sei mesi dal contingente italiano, in stretto coordinamento con le Forze Armate Libanesi (LAF). Tali attività, condotte anche a supporto della popolazione e delle istituzioni locali, hanno certamente contribuito a mantenere e ad accrescere la stabilità e la sicurezza nel sud del Libano e, di riflesso, nell’intero Paese e nell’area medio – orientale.

A testimonianza degli ottimi risultati conseguiti durante il suo mandato, il Comandante cedente del Sector West, Generale Fabio POLLI, è stato insignito della prestigiosa Lebanese Honor Medal.

A guidare gli oltre tremila peacekeepers che operano nel Sector West di UNIFIL sarà ora il Generale Stefano DEL COL, che ritorna in Libano dopo l’esperienza maturata nel 2008 quale Comandante della Task Force ITALBATT.

Capitano Massimo GRIZZO
Capo Cellula Pubblica Informazione del Sector West di UNIFIL
Portavoce del Contingente Nazionale

Libano/ UNIFIL, Cambio al comando del Sector West. La Brigata “Pinerolo” subentra alla Brigata “Ariete”


Shama (Libano), 13 ottobre 2014. Il Sottosegretario alla Difesa, Onorevole Gioacchino ALFANO, accompagnato dal Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), Generale di Corpo d’Armata Marco BERTOLINI, ha presenziato alla cerimonia di avvicendamento alla guida del Sector West di UNIFIL che si è svolta questa mattina presso la base Millevoi di Shama, sede del Contingente nazionale, tra la Brigata “Ariete”, cedente, e la Brigata “Pinerolo”, subentrante.

All’evento hanno partecipato i rappresentanti delle autorità politiche, religiose e militari locali,nonché delegazioni di diverse nazionalità presenti in UNIFIL.

L’onorevole ALFANO, nel suo intervento, ha voluto rimarcare l’importanza di UNIFIL considerata la principale forza di stabilizzazione della regione, ma ha anche evidenziato i legami tra l’Italia e il Libano, e la crescente cooperazione tra i due Paesi “che porterà, presto, a raggiunger un nuovo traguardo, con l’apertura del Centro di Addestramento delle Forze Armate libanesi”.

L’occasione è stata propizia per tracciare, alla presenza del Force Commander and Head of Mission di UNIFIL, Generale Luciano PORTOLANO, un punto di situazione sulle numerose iniziative di stabilizzazione portate a termine negli ultimi sei mesi dal contingente italiano, in stretto coordinamento con le Forze Armate Libanesi (LAF). Tali attività, condotte anche a supporto della popolazione e delle istituzioni locali, hanno certamente contribuito a mantenere e ad accrescere la stabilità e la sicurezza nel sud del Libano e, di riflesso, nell’intero Paese e nell’area medio – orientale.

A guidare gli oltre tremila peacekeepers che operano nel Sector West di UNIFIL sarà ora il Generale Stefano DEL COL, che ritorna in Libano dopo l’esperienza maturata nel 2008 quale Comandante della Task Force ITALBATT.

La Pinerolo, rinforzata da altri assetti provenienti da tutta Italia, assumerà la denominazione JTF-L (Joint Task Force – Lebanon) e opererà, “insieme” alle Forze Armate di altre 8 nazioni: Slovenia, Brunei, Finlandia, Malesia, Corea del Sud, Ghana, Irlanda, Tanzania, per la piena applicazione della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

In tale contesto i circa 1100 Italiani garantiranno il monitoraggio della cessazione delle ostilità tra Libano e Israele, il supporto alle Forze Armate libanesi dispiegate nel Libano del sud, per favorire il graduale miglioramento delle loro capacità di controllo della medesima area e, infine, l’assistenza alla popolazione civile attraverso la realizzazione di progetti CIMIC e Quick Impact Project per una crescita sostenibile della popolazione.