Archivi tag: Giovanni Luca Aresta

Roma/ Ucraina. Aresta, accelerare su riforma 244 e reclutamento


Roma, 10 marzo – Di seguito la dichiarazione di Giovanni Luca Aresta, capogruppo del M5s in Commissione Difesa della Camera dei Deputati e relatore per l’aula del testo unificato per la riforma del reclutamento e della legge 244 del 2012. “Le sollecitazioni ascoltate oggi nelle Commissioni Difesa congiunte di Camera e Senato dall’Ammiraglio Enrico Credendino rappresentano un importante stimolo per l’attività che il Parlamento è chiamato ad assolvere in questo ultimo scorcio di legislatura. Occorre accelerare sulla riforma del reclutamento e dei limiti posti dalla legge 244 del 2012. La mole dell’impegno che il Paese richiede alla nostra Marina Militare non può che portare ad una revisione della riduzione del numero dei nostri militari stabilita in ben altro scenario dieci anni fa. Il M5S è pronto a questo impegno”.
“Il Parlamento ha già approvato diversi programmi di ammodernamento dei mezzi della nostra Marina militare, si tratta adesso di mettere mano alla carenza di personale e all’avvio di un programma di sostegno per la qualità della vita e del lavoro dei nostri marinai. L’Italia ha compiti dedicati anche in sede di Alleanza Atlantica sulla sicurezza del Mediterraneo allargato che deve assolvere con mezzi e personale adeguati”.

Roma/ Ucraina. Aresta, lavorare per immediato cessate il fuoco, corridoi umanitari e nuovi negoziati


Roma, 14 marzo – “Contro un’aggressione ingiustificata e ingiustificabile da parte della Russia di Vladimir Putin non possiamo rimanere inermi ma, come Paese, abbiamo il dovere di attivarci al fianco dell’Ucraina istituendo corridoi umanitari per la popolazione in fuga e lavorando per un immediato cessate al fuoco”. Lo dichiara Giovanni Luca Aresta, capogruppo del M5S in commissione Difesa e relatore del ‘decreto Ucraina’.

“Il provvedimento che oggi portiamo in Aula è dotato di un suo equilibrio e una propria forza se letto nell’insieme delle iniziative che il nostro Paese e la Comunità internazionale hanno messo in campo – spiega Aresta – perché è necessario fermare l’aggressione russa verso uno Stato sovrano e tornare al tavolo del negoziato. Porre fine alle distruzioni delle città ucraine è dunque una priorità dirimente. Ce lo chiedono le centinaia di migliaia di donne e bambini che fuggono dai bombardamenti. Occorre agire con fermezza, umanità e intelligenza. Questo decreto si muove in questa direzione”.