Afghanistan/ Riconciliazione e pace con i Talebani: il desiderio della società civile afgana


Herat (Agenzia Fides) – La società civile afgana sostiene una piena riconciliazione con i movimenti talebani e una soluzione politico-diplomatica sul teatro afgano: è quanto afferma una ricerca, pubblicata oggi, dal titolo “Le truppe straniere agli occhi degli afgani”, promossa dalla Ong italiana “Intersos”, attiva con interventi unitari in Afghanistan, Pakistan e circa 20 paesi di Africa, Asia, America Latina, Europa.

La ricerca, inviata all’Agenzia Fides dall’autore, il ricercatore Giuliano Battiston, è stata realizzata ascoltando esponenti della società civile afgana (leader civili e religiosi, giornalisti, donne, capi di associazioni) a Herat, Farah, Badghis, dove vi sono sedi del comando militare Isaf-Nato.

La “soluzione negoziale” del conflitto con i talebani dovrebbe però distinguere – nota la ricerca – i Talebani locali, considerati membri della più ampia comunità afgana, da quelli in paesi confinanti, ritenuti poco inclini al compromesso e al negoziato. Secondo gli afgani, urge uno sforzo di riconciliazione con i movimenti antigovernativi perchè il decennale dispiegamento di truppe internazionali non ha prodotto risultati apprezzabili e le condizioni di sicurezza in molte aree sono deteriorate rispetto ad alcuni anni fa.

“Il dato più evidente che emerge dalla ricerca – dice Battiston a Fidesè uno scollamento tra le opinioni espresse ufficialmente dai rappresentanti delle cancellerie occidentali e quelle degli afgani”.

I primi sostengono che, a dieci anni dall’avvio dell’intervento militare in Afghanistan, le forze Isaf-Nato e americane siano riuscite a stabilizzare il paese; i secondi dichiarano, al contrario, che la comunità internazionale ha fallito nel garantire la sicurezza alla popolazione.

Molti degli intervistati lamentano, inoltre, uno squilibrio tra i fondi distribuiti per le operazioni militari e quelli destinati all’aiuto allo sviluppo e all’assistenza delle comunità locali. I cittadini afgani rivendicano un maggiore coinvolgimento nella realizzazione dei progetti promossi dalla comunità internazionale. Fra le misure ritenute indispensabili dalla società civile vi sono: la ricostruzione delle infrastrutture; garantire l’autosufficienza del sistema economico; edificare un sistema di diritto efficiente, garanzia di giustizia e di uguaglianza per tutti i cittadini e di tutela dagli abusi. (PA) (Agenzia Fides 7/2/2012)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.