Annunci
Redazionali

Libri/ LIFE era un B-24, un aereo divenuto il simbolo americano, mito della imminente vittoria


Il B-24 LIFE, sulla pista di volo dell'Aeroporto AIR Force di Venosa (1945), mitico aereo simbolo, era un bombardiere americano del 485(th) BG (Copyright Mike Adams)

Il B-24 LIFE, sulla pista di volo dell'Aeroporto AIR Force di Venosa (1945), mitico aereo simbolo, era un bombardiere americano del 485(th) BG - Visibile a terra le placche metalliche forate, che saranno abbandonate sul posto e utilizzate dal locali abitanti per costruire cancelli e porte. (Copyright Mike Adams)

Si, infatti, la vittoria contro la Germania e le forze di occupazione, ma ormai l’Italia aveva siglato l’armistizio già nell’8 settembre 1943. Il LIFE, il bombardiere quadrimotore faceva parte della prima generazione di aerei di questo tipo. Si riconosceva dal colore scuro con cui era verniciato. Gli altri erano stati verniciati con colore argentato chiaro, per confondersi nel cielo tra le nuvole e per riflettere luce solare, nel tentativo di abbagliare la contraerea nemica.

Un aereo che per volare ed essere operativo aveva 10 persone di equipaggio. Nel periodo della guerra era in organico all’Aeroporto di Venosa dell’aviazione americana militare, dove per circa uno o due anni pote’ compiere oltre 100 missioni. Tante che pochi velivoli riuscirono a raggiungere questo ragguagliabile obiettivo.

La sua storia è oggi raccontata in un avvincente libro in cui si racconta la saga degli americani stanziati presso l’area venosina a pochi chilometri dal Monte Vulture, valido punto di riferimento per i piloti del 485(th) Bombardier Group, che faceva parte del sistema di attacco aereo americano di circa quindici aeroporti situati in Puglia per lo più nel foggiano, uno a Taranto, Brindisi, Napoli con un unico aeroporto in Basilicata a Venosa (PZ).

L’inchiesta durata alcuni anni è stata condotta con vera passione e precisione, con ispezione sui luoghi, contatti con i piloti superstiti o con i loro figli, racconti raccolti sul posto da proprietari terrieri e anziani testimoni dei fatti. Un bel libro che aggiunge alla storiografia locale pezzi importante di memoria, è lodevole prova del costruire una storia sociale dei posti in cui questi fatti sono avvenuti. L’attenzione per questa opera è lodevole, perché ha saputo mettere in risalto la vita quotidiana di questi uomini, di questi piloti americani di evidente cultura altra, che in qualche modo hanno interagito con la gente del posto. Emerge un quadro interessante, soprattutto se a descriverlo è non il militare liberatore, ma il cittadino libero che emerge e piace maggiormente, nei suoi attimi più disinteressati, al bar, per strada, nei suoi momenti di libertà dal servizio, nei suoi viaggi nella vicina Bari. Un libro che si fa leggere tutto d’un fiato.

Antonio Conte

Vai alla Scheda del Libro

Annunci

Informazioni su Direttore Editoriale

Esperto in Comunicazione visive - Fondatore dei Blog "Rassegna Stampa Militare", "Studenti Creativi, "Le Orme dei Dinosauri", "Cronache Venosine"

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Annunci

Tactical Wach

Le Rubriche

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 1.212 follower

Cronologia News per mese

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Pirateria in Corno d’Africa

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: