Pag.09 Mezzi e Tecnologie

Armi e Mezzi/ Il volo ibrido dell’ X3. E’ un Elicottero o un Aereo?


Questa presentazione richiede JavaScript.

Eurocopter ha  presentato il suo nuovo concetto  X³ il 27 settembre, dopo quasi tre anni di ricerca condotta di assoluto segreto.

L’innovazione  di X ³ combina l’efficienza di un motore turboelica con l’eccellente capacità del volo hover di un elicottero.  Secondo l’azienda produttrice la sua velocità di crociera è decisamente più elevato  e contribuirà a ridurre i tempi ei costi delle missioni.

Ma si tratta di un elicottero o di un aereo?

E’ stato identificato con il numero di registrazione F-ZXXX, la X ³ ha fatto con successo il suo volo di inaugurale il 6 settembre scorso presso il centro France Armate Force Flight Test Istres vicino a Marsiglia, il pilota responsabile è stato Hervé Jammayrac, collaudatore per Eurocopter, e  l’ingegnere Daniel Semioli, per il volo di collaudo. Questa è stata una tappa cruciale nello sviluppo di X ³, che è stata soprattutto una dimostrazione tecnologica del concetto di H3:  alta velocità e lungo raggio, con un elicottero ibrido. Questo prototipo sarà in grado di volare ad una velocità di crociera stimata di circa 400 km/h, cioè circa il 50% più veloce degli attuali elicotteri, consentendo costi di missione davvero inferiore, è infatti strategico ridurre la durata dei tempi di volo per ridurre i consumi.

Ha volato nei cieli della Francia meridionale,  con uno stile proprio che è stato un classico. La X ³ è dotato di due motori turbo albero che alimentano  un sistema a cinque pale del rotore principale e di due eliche installate a breve distanza su ali fisse. Ha rotori di elicottero a guida meccanica e la propulsione è fornita da eliche a passo variabile installato alla estremità alari che impediscono la risalita di liquidi dal rotore in fase di ascensione con rapporto alle alte velocità e grandi angoli negativi angoli di attacco.

“E inoltre una soluzione tecnologicamente sicura che offre un costo di acquisto interessante”, spiega Jean-Michel Billig. Come vice presidente esecutivo di Eurocopter responsabile della R & S, Billig entrato in azienda in qualità di Chief Technical Officer nel marzo 2009, circa 14 mesi dopo che il progetto è stato lanciato da un team di Eurocopter. Il grande giorno è arrivato meno di tre anni, il designer ha avuto un grande effetto già dalle tavole di disegno. Lutz Bertling, CEO di Eurocopter, aveva deciso che la X ³ doveva essere un prodotto decisivo in un campo che considera cruciale per il futuro del suo gruppo: l’innovazione.

L’obiettivo dato al team di ingegneri era semplice: definire e poi assemblare un programma valido per un prototipo in grado di offrire l’efficienza di un motore turboelica e l’eccellente capacità di librarsi volo di un elicottero, ma anche concentrarsi sul costo complessivo della macchina , che doveva rimanere accessibile. Tutto è stato preso da parti già progettate per altri aerei ma modificato in diversa misura per la X ³. Il Delfino N1 ha fornito la cellula, l’EC155 ha dato il cinque pale del rotore e il pilota automatico, l’NH90 ha donato la sua turbina (2 x RTM322 di 1.693 kW), l’EC175 il modulo centrale per il cambio e il motore assetto  dell’attuatore di provenienza EC145. Il lavoro di sviluppo era necessario soltanto per i componenti, necessari specificamente per la X ³ o per quelli adattati da componenti esistenti, come l’ala, stabilizzanti, eliche, ingranaggi scatola elica, e così via.

Rompendo le barriere

Quindi, cosa è ciò che rende la X ³ innovativo e come funziona? Al decollo, la X ³ si comporta come un normale elicottero. E ‘solo durante l’accelerazione di volo orizzontale che le eliche dell’ala sono decisive per aumentare la velocità, e le ali prendono in consegna  e collaborano con il rotore a mantenere la macchina in aria. Il numero di giri del rotore è gradualmente diminuito mentre la velocità del velivolo aumenta  per evitare di raggiungere la divergenza sul numero di Mach e trascinare la punta della lama in movimento in avanti.

Questo concetto è particolarmente adatto a missioni in cui il costo e la durata dipenderanno direttamente dalla velocità massima di crociera. In aggiunta al valore operativo e commerciale generato da ridotti tempi di missione, un altro obiettivo importante del concetto di X ³ è quello di ridurre i costi di trasporto. Pertanto, il X ³ sarà principalmente impiegato nel trasporto civile di passeggeri, le missioni in mare aperto, tra le città di servizi navetta, a lunga distanza di ricerca e soccorso (SAR) missioni su terra o via mare, i compiti di guardia costiera, le pattuglie di confine, ecc,  capacità di ‘lunga distanza’ degli aerei sono un punto chiave, come i guadagni attesi che in termini di produttività implica missioni composta quasi interamente da volo di crociera (da 5 a 10 minuti per le fasi di decollo e atterraggio, e il resto a velocità di crociera elevata). Ma il concetto può anche essere adatto per i clienti militari interessati ad un rapido e lungo raggio di intervento, decolli verticali, trasporto truppe, combattimento SAR, operazioni delle forze speciali, evacuazione medica, e così via.

“L’innovazione è il cuore della strategia attuata da Eurocopter per mantenere la sua leadership nel mercato degli elicotteri. A questo proposito il dimostratore X ³ è una parte fondamentale del nostro programma di innovazione “, sottolinea Bertling. La X ³ continuerà la sua voli di prova presso il centro Flight Test Istres, che è gestito dai francesi appalti agenzia DGA difesa e garantisce un ambiente sicuro e controllato per la sperimentazione di un nuovo velivolo. L’inviluppo di volo sarà progressivamente aperto a circa 180 nodi (330 km / h) entro la fine dell’anno. Come secondo passo, dopo tre mesi di ulteriore lavoro, il velivolo ha iniziato a volare dal marzo 2011, con l’obiettivo di raggiungere una velocità di crociera di circa 220 nodi (405 km / h).

Jean-Michel Guhl

Traduzione di Antonio Conte

Informazioni su Direttore Editoriale

Esperto in Comunicazione visive

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Le Rubriche

Tactical Wach

Cronologia News per mese

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 2.146 follower

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Pirateria in Corno d’Africa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: