Archivi tag: Toni Capuozzo

Roma/ CASD. Presentazione dei due libri sul mare dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”


Il moderatore dell'evento è stato il Giornalista Toni Capuozzo
Il moderatore dell’evento è stato il Giornalista Toni Capuozzo

Roma – Centro di Alti Studi della Difesa. Si è tenuta il 9 Luglio scorso alle ore 10:30 presso il magnifico salone di Palazzo Salviati di  Via Longara, 82 la presentazione dei due libri prodotti da Professori dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”.  I libri sono “Elementi di Diritto e Geopolitica degli spazi marittimi” e “Azione di contrasto della Pirateria: dal controllo dei mari a quello dei flussi finanziari”. A moderare i lavori il Giornalista Toni Capuozzo.

I saluti sono stati offerti dall’Ammiraglio di Squadra Rinaldo VERI, Presidente Centro Alti Studi della Difesa, dall’On. Francesco BOCCIA, Presidente della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati, dal dott. Franco GALLO, Presidente Emerito Corte Costituzionale, Prof.ssa Elda TURCO BULGHERINI, Ordinario di Diritto della Navigazione Università degli Studi di Tor Vergata.

A presentare i volumi sono stati invece per il testo: “Azioni di contrasto della pirateria: dal controllo dei mari a quello dei flussi finanziari” il Magnifico Rettore Antonio Felice URICCHIO, dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, il Prof. Giuseppe MARINO, Docente di Diritto tributario italiano ed europeo Università degli Studi di Milano, il Gen. B.  Michele CARBONE, Comandante della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza dell’Aquila

Mentre per il testo “Elementi di diritto e geopolitica degli spazi marittimi”, hanno parlato l’Ammiraglio Ispettore in Ausiliaria Fabio CAFFIO, Esperto Diritto Internazionale Marittimo,  Il prof. Nicolò CARNIMEO, Docente di Diritto della Navigazione Università degli Studi di Bari Aldo Moro, il prof. Antonio LEANDRO, Docente di Diritto internazionale Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”.

I lavori sono durati fino alle 13:30, qui di seguito un breve reportage fotografico e l’invito all’evento: INVITO CASD

Antonio Conte

India/ Pirateria. Toni Capuozzo sullo sfogo del 2 Giugno scorso dei Marò ne ha per tutti


Chi mi scrive non lo fa intenzionalmente, ma la mia email evidentemente è inserita in una lista di destinatari che più o meno periodicamente vengono informati di problematiche varie. Tra queste emerge un articolo di nota a firma di Toni Capuozzo, il noto giornalista che si occupa in modo puntuale e meticoloso anche della vicenda dei Marò.

“Chi non ricorda i servizi giornalistici di Toni Capuozzo? – scrive nella nota il mio mittente – Spesso scomodo ma mai oltre misura. Ha interpretato il giornalista che racconta ciò che vedono i suoi occhi. Senza commentare: racconta i fatti. E ne ha raccontati tanti. Nell’intervista allegata è molto esplicito. Ne ha per parecchi. E mentre i nostri rappresentanti fanno esercizi di buone intenzioni Girone e Latorre stanno “in prigione”.

E’ vero Girone e Latorre sono ancora in India, sulla questione noi aggiungiamo tutto il peso della nostra testata al fine di scardinare questa palese ingiustizia. Di seguito riporto il testo della intervista a me recapitata senza farla propria. Intervista del 3 Giugno scorso al giornalista Toni Capuozzo è di Adriano Scianca. La sua foto è, presumo anche il testo, è stata presa dal sito Intelligonews.com al seguente link:

Al sito lasciamo il merito e le responsabilità delle dichiarazioni contenute nell’articolo, ma ci associamo alla richiesta della soluzione del caso: che sia al più presto! L’occasione per la raccolta di questa intervista era l’esternazione di Girone e Latorre lanciata via webcam e diramata da tutte le reti televisive il giorno della Festa delle Repubblica scorso.

A.C.

Capuozzo: “Ecco i nemici dei marò, dai politici ai giornalisti. E anche Napolitano è stato troppo morbido”

Il giornalista Toni Capuozzo
Il giornalista Toni Capuozzo

“Abbiamo solo mantenuto la parola data!”. Il tono, più ancora che le parole in sé, di Salvatore Girone – il soldato italiano da due anni progioniero in India insieme a Massimiliano Latorre – sembra destinato a scuotere i sonnacchiosi palazzi della politica e l’elefantiasi della diplomazia italiana. “Era il minimo che ci si potesse aspettare”, chiosa il giornalista Toni Capuozzo, che aggiunge: “In Italia i marò hanno molti nemici. E troppi sono stati molli. A cominciare da Napolitano”.

Come interpretare lo sfogo di Girone? Un segno di stanchezza o un messaggio inviato a qualcuno?

«Direi entrambe le cose. Sfogo, peraltro, non inaspettato, direi. Dopo due anni in cui Girone e Latorre hanno dimostrato resistenza morale e grande dignità, era il minimo che ci si potesse aspettare».

Lei ha seguito bene la storia dall’inizio: qual è ora lo stato dell’arte della vicenda?

«Il problema, adesso, è la formazione del nuovo governo indiano. Io credo che non necessariamente la situazione con il nuovo esecutivo sarà più difficile da affrontare, anche se si tratterà di un governo nazionalista. In fin dei conti tutta la vicenda dei marò è nata all’interno del Partito del congresso. Anche il fatto che Sonia Gandhi fosse chiamata “l’italiana” ha portato gli indiani a essere talvolta più realisti del re…».

In Italia esiste un fronte di “nemici dei marò”?

«Sicuramente. A tutti i livelli. Ci sono state anche molte dichiarazioni forti, ma mai più che verbali. Sono stati rimandati in India dopo il secondo permesso violando la norma costituzionale che proibisce l’estradizione in un paese che abbia la pena di morte. Pensi che neanche uno straniero, per la legge italiana, può essere estradato in un paese con la pena di morte».

Chi sono, allora, questi nemici?

«Sono molti. Troppi sono stati a dir poco molli nell’affrontare la questione: dal Presidente Napolitano alle alte gerarchie militari, fino all’informazione, che ci ha permesso di conoscere meglio Avetrana piuttosto che quello che accadde a bordo dell’Enrica Lexie».

Ha detto anche Napolitano?

«Certo. Il Capo dello Stato ha sbagliato nell’aver fatto tornare i marò in India prima di aver avuto garanzie che nel loro caso non sarebbe stata applicata la pena di morte».

Anche le lentezze e le furbizie dell’India stanno dando torto a chi, per riflesso condizionato anti-italiano, invitava a non giudicare male una grande democrazia che sicuramente avrebbe dato tutte le garanzie del caso…

«Purtroppo le lentezze della giustizia indiana sono proverbiali. Ma su questo punto direi che l’Italia ha poco da pavoneggiarsi…».