Advertisements
Pag.05 Lo Sport

Cesenatico/ 45° Granfondo Nove Colli. Il nubifragio non aveva fermato la Nove Colli che è stata corsa in condizioni davvero difficili


novecolli_logo_it_2015Cesenatico 24 maggio 2015 – È andata in scena domenica dello scorso Maggio, la 45ª edizione di una delle 3 Granfondo regine d’Italia con 8.500 ciclisti al via (su 13.000 iscritti) nonostante le difficili condizioni atmosferiche.

Fin dalla partenza la pioggia ha accompagnato i ciclisti con ai nastri di partenza 16 atleti del GSE (8 sul percorso lungo e 8 sul percorso medio) che non si sono fatti scoraggiare affrontando i primi chilometri con il sorriso sulle labbra e finendo la competizione con fatica ma tanto entusiasmo.

Alle ore 6.00 puntualissime la corsa si è messa in moto, con l’acqua che batteva forte sui ciclisti ed il fango alzato dalle ruote che nonostante le condizioni avverse, giravano da subito con alti ritmi.

Portare la nave in porto quest’anno non è stato facile viste le difficili condizioni atmosferiche. Tutti gli atleti del GSE che hanno avuto l’ardore di affrontare il meteo, sono contenti che tutto sia andato per il meglio.

Gara resa dura, dal percorso che prevedeva quasi 4.000 m di dislivello lungo i suoi 205 km e dal freddo, che unito alla forte pioggia ha portato molti atleti al ritiro anzitempo.

Applausi sulla linea d’arrivo per tutti i partecipanti che hanno concluso la difficile prova e medaglia commemorativa al traguardo.

Particolare nota di colore della bella manifestazione cesenate che si è conclusa con due premiazioni a sorpresa. Poco dopo le 18:30, infatti, sulla linea d’arrivo del lungomare Carducci di Cesenatico si sono tenute due cerimonie del tutto inattese. Premio speciale al più giovane partecipante che ha concluso la Nove

Colli 2015, nel percorso lungo da 210 km. Alle 18:43 ha tagliato il traguardo l’ultimo arrivato della granfondo, Micael Brecx un medico 43 enne di Anversa. Il belga è stato accolto e premiato sul podio a suon di musica e prodotti tipici insieme a tutti i volontari presenti.

La giornata si è conclusa con la soddisfazione di tutti gli atleti che hanno compiuto “l’impresa”, perché in questa gara non ha vinto il primo arrivato, ma hanno vinto tutti coloro che hanno avuto la forza ed il coraggio di affrontare una giornata che sembrava di inizio inverno e non di fine primavera.

Come sempre, in molti atleti del settore strada, fino all’ultimo chilometro hanno onorato la maglia indossata, concludendo la difficile prova e tenendo sempre alti i colori della squadra.

Advertisements

Informazioni su Redazione

Docente Miur - Dipartimento Audiovisivi

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Advertisements

Online da Agosto 2009

  • 930,175 accessi

Le Rubriche

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 1.212 follower

Cronologia News per mese

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Cronologia post

giugno: 2015
L M M G V S D
« Mag   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Venosa/ Chiesa SS. Trinità

Pirateria in Corno d’Africa

RSM è stato segnalato su:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: