Annunci
Pag.23 Guerra di Genere

Giuliana Sgrena/ Via il burqa per difendere la dignità delle donne


di Giuliana Sgrena il  giovedì 28 gennaio 2010 – In Francia il dibattito sul burqa e il niqab (i veli che coprono integralmente la donna, il primo coprendo persino gli occhi con una rete e il secondo lasciando una fessura all’altezza degli occhi) entra in parlamento con divisioni tra le forze politiche. Nell’incertezza sulla posizione da tenere influisce una visione sostenuta dai difensori del relativismo culturale che solleva il problema della “libertà di espressione”. Ma di quale libertà si parla? Quella di una donna che non si può far vedere, riconoscere, che non può parlare, mangiare in pubblico?

In gioco è la dignità della donna non i valori della repubblica francese (come dice Sarkozy) e i suoi diritti non il diritto di doversi sottomettere annullando il proprio corpo per evitare di provocare negli uomini gli istinti sessuali più primitivi. A parte il fatto che nemmeno il burqa ha impedito alle donne di subire violenze atroci (vedi Afghanistan) e poi perché non sono i maschi a emanciparsi da bassi istinti invece di continuare a colpevolizzare le donne per ogni loro bassezza?  Perché l’onere della difesa dell’onore del maschio viene sempre riservato alle donne e al loro comportamento?  E se il maschio lo infrange è sempre la donna a pagare con il delitto d’onore, che preferirei definire del disonore.

Il burqa, il niqab e il velo non sono un’osservanza imposta dal corano, ma solo da una interpretazione fondamentalista dell’islam. Non si tratta di difendere un’identità se non quella di appartenenza a una visione wahabita dell’islam, quella praticata in Arabia saudita che diffonde il proprio credo nei paesi più poveri e dilaniati dalla guerra, ma anche in Europa, a suon di petrodollari. Il problema è dunque se vogliamo contribuire all’oppressione di queste donne o dare loro una mano nella ricerca di una loro emancipazione. Allora perché dovremmo condannare le donne di altri paesi e credenze ad accettare quello che noi abbiamo respinto da decenni, coscienti che quelle imposizioni (fazzoletto in testa, verginità, delitto d’onore) si basavano su una visione arretrata della società basata su una combinazione patriarcal-tradizional-religiosa sessista? Perchè alle donne musulmane non devono essere riconosciuti quei diritti universali a cui ci appelliamo ogni giorno, anche per difendere il diritto alla migrazione?

Paradossalmente in Francia la divisione è oggi superiore rispetto a quella che si registrò nel 2005 con la legge sul divieto dei simboli religiosi nei luoghi pubblici. Una legge che ha funzionato, l’ho verificato a Parigi, non ci sono state più proteste per rivendicare il diritto del velo nelle scuole, qualche decina di ragazze si sono ritirate dalle scuole pubbliche, la maggioranza per iscriversi alle scuole cattoliche, qualcuna per seguire corsi per via telematica e qualcuna – meno di dieci – hanno ritirate da scuola pagando il prezzo della legge. Ma molte delle ragazze che ho intervistato erano contente di non dover più subire le imposizioni dei capetti integralisti della loro comunità che le considera proprietà privata.

Il governo francese fa appello ai valori della repubblica senza riconoscere a tutti i valori universali di cui può vantare l’origine.

E l’Italia? Finora diverse proposte di legge giacciono in parlamento, ma il problema non è mai stato veramente affrontato nel suo insieme. Che può essere affrontato solo garantendo stessi diritti e stessi doveri per tutti i cittadini che vivono nel nostro paese. Viso scoperto per tutti, niente burqa dunque ma senza penalizzazione della donna che è già vittima di anacronistiche imposizioni. Via il burqa per sostenere l’affermazione dei diritti di tutte le donne, senza discriminazioni.

Giuliana Sgrena su http://www.sinistraecologialiberta.it

 

Annunci

Informazioni su Direttore Editoriale

Esperto in Comunicazione visive

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Annunci

Tactical Wach

Le Rubriche

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 1.212 follower

Cronologia News per mese

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Pirateria in Corno d’Africa

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: