Annunci
Dossier "Afghanistan"

Afghanistan/ Perché dopo i caveat l’Italia deve cambiare le regole d’ingaggio


L’acceso dibattito degli ultimi giorni intorno alla modifica dei caveat che limitano l’impiego delle truppe italiane in Afghanistan nasconde in realtà un’altra questione spinosa: quella del conseguente cambiamento delle regole d’ingaggio applicate dal nostro contingente.

Caveat e regole d’ingaggio. Si tratta infatti di due aspetti diversi anche se tra loro strettamente legati. I caveat sono i limiti imposti dalla politica all’utilizzo dei contingenti militari. Uno dei più importanti tra quelli finora adottati dall’Italia in Afghanistan riguarda i tempi di risposta alle richieste alleate di supporto in settori diversi da quelli presidiati dagli italiani nell’ovest afghano e a Kabul.
Finora Roma si prende ben 72 ore per rispondere agli alleati, un tempo volutamente eccessivo per le esigenze operative che infatti ha impedito l’invio di truppe e mezzi italiani in aiuto ai britannici nella provincia di Helmand che confina con il settore occidentale a comando italiano.

Le regole d’ingaggio definiscono in quali condizioni e con quali modalità i soldati possano aprire il fuoco contro i talebani. Alcuni paesi che aderiscono all’Isaf applicano già da due anni le Roe (Rules of Engagement) che consentono di attaccare preventivamente i talebani mentre Italia, Germania, Spagna e altri paesi non consentono ai propri soldati di condurre azioni offensive.

Risposta da 72 a 6 ore. Abbreviando i tempi di risposta italiani alle richieste alleate a sole sei ore le truppe italiane si rendono disponibili ad essere impiegate anche in settori diversi. In pratica significa appoggiare britannici, canadesi, olandesi, americani e australiani che nel sud conducono azioni belliche e offensive. Il comando inglese non chiederà certo il supporto italiano per distribuire viveri e giocattoli a orfani e vedove ma più probabilmente sarà interessato a poter contare sulle forze speciali della Task Force 45, sugli elicotteri da attacco Mangusta o sui fanti aeromobili della Brigata Friuli oggi schierati tra Herat e Farah.

Per questo modificare i caveat per consentire ai nostri soldati di affiancare gli alleati che la guerra contro i talebani la combattono per davvero significa che il nostro contingente dovrebbe adottare, per coerenza pratica, regole d’ingaggio “combat” simili a quelle degli anglo-americani. Roe (Rules of Engagement) che consentiranno innanzitutto ai nostri soldati di partecipare direttamente alle operazioni contro i talebani anche nel nostro settore dove la caccia ai jihadisti viene finora effettuata dalle truppe afghane e dagli americani dell’operazione Enduring Freedom. Del resto tra Shindand e Farah, i punti più critici del Regional Command Westguidato dal generale Francesco Arena, la situazione sta peggiorando rapidamente con attacchi ai comandi di polizia, attentati suicidi nei mercati e bombe stradali che ieri hanno ucciso 8 civili nel distretto di Delaram. Un attentato che cade a soli due giorni dall’attacco mortale che ha ucciso un militare americano e due afghani nel distretto di Bala Buluk durante un combattimento nel quale sono morti anche 15 talebani.

Fonte: http://blog.panorama.it/mondo/2008/05/28/afghanistan-perche-dopo-i-caveat-litalia-deve-cambiare-le-regole-dingaggio/

Annunci

Informazioni su Direttore Editoriale

Fondatore dei Blog "Rassegna Stampa Militare", "Studenti Creativi, "Le Orme dei Dinosauri", "Cronache Venosine"

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Annunci

Tactical Wach

Le Rubriche

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 1.210 follower

Cronologia News per mese

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Pirateria in Corno d’Africa

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: