Dossier "Afghanistan", Pag.23 Guerra di Genere

Afghanistan/ Gulnaz è libera, ma costretta a sposare il suo stupratore.


 

Herat, Afghanistan – Ha denunciato il suo aggressore, ma è stata condannata per “adulterio” e rinchiusa in carcere per due anni. Martedì scorso, dopo aver ottenuto la grazia dal presidente afgano, Hamid Karzai, Gulnaz, giovane ragazza afgana, è stata rimessa in libertà. Ma con la prospettiva di dover sposare il suo aggressore, il marito di sua cugina: questa la tragica condizione posta alla donna dalla “giustizia” del suo Paese che ha considerato lo stupro subìto un adulterio. “Mi devo sposare con lui, ho bisogno di un padre per la mia bambina, ho bisogno di qualcuno che si occupi di mia figlia e che ci dia un tetto”, ha spiegato la giovane che vive nascosta in una casa per ragazze, sotto la tutela del ministero degli Affari femminili afgani.”Non so dove andare, i miei fratelli hanno minacciato di morte me, il mio aggressore e mia figlia”, ha spiegato la donna che ha dato alla luce la bambina, frutto della violenza sessuale, in carcere. “Ho denunciato quello che mi è successo per ottenere giustizia e invece sono stata arrestata”, ha proseguito.Il tribunale aveva condannata Gulnaz a tre anni di reclusione, 16 anni invece per il suo aggressore. In appello la pena per la ragazza era stata equiparata a quella del suo aguzzino: 12 anni. Poi, in ultima istanza la donna era stata condannata a tre anni di prigione, il suo violentatore a sette.

In Afghanistan, le donne nella sua condizione di “disonore”, rischiano di essere uccise, per mano della famiglia o dell’aggressore, che nel caso di Gulnaz ha negato di averle usato violenza.

Vedi il video sulla BBC – Afghanistan rape victim ‘may marry attacker’

Informazioni su Redazione

Collabora inviando il tuo testo o le tue foto. I testi e le foto non si restituiscono. La collaborazione è gratuita e volontaria. I testi proposti non vengono pubblicati automaticamente.

Discussione

Un pensiero su “Afghanistan/ Gulnaz è libera, ma costretta a sposare il suo stupratore.

  1. In questi luoghi la mentalità è davvero arretrata e quello che può apparire terribile ai nostri occhi e normale in quei paesi.

    Mi piace

    Pubblicato da Marco | 19 gennaio 2012, 17:48

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Follow Rassegna Stampa Militare on WordPress.com

Avvio attività: 'Agosto 2009

  • 490,542 letture articoli/foto

Inserisci la tua e-mail per ricevere notifica di nuovi articoli.

Unisciti agli altri 926 follower

Cronologia News per mese

Pirateria in Corno d’Africa

La Fanteria

Follow on Bloglovin

Rubriche

Cronologia post

gennaio: 2012
L M M G V S D
« dic   feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

G. in Aree di Crisi






Punto di Contatto

Il blog è gestito da Antonio Conte
Via Titolo, 20/M - 70127 Bari
email.: conte.edizioni(at)gmail.com

Punto di Contatto: Antonio Conte

RSM è stato segnalato su:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 926 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: